Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La UAW sta facendo pressioni sulle case automobilistiche di Detroit affinché facciano un’offerta migliore, minacciando ulteriori scioperi

La UAW sta facendo pressioni sulle case automobilistiche di Detroit affinché facciano un’offerta migliore, minacciando ulteriori scioperi

DETROIT (Reuters) – Il presidente della United Auto Workers Sean Fine venerdì ha avvertito di nuovi scioperi negli stabilimenti statunitensi di camion e SUV a meno che le tre case automobilistiche di Detroit non migliorino le offerte di salari e benefit, insistendo che le aziende possono permettersi di più rispetto ai pacchetti standard offerti.

“Stiamo colpendo i tre grandi come non li abbiamo mai colpiti prima”, ha detto Fine. “Queste aziende altamente redditizie hanno molto da offrire”.

Dopo cinque settimane di scioperi, Fine ha affermato che la UAW ha ricevuto nuove offerte contrattuali da General Motors (GM.N) e dalla casa madre Chrysler Stellantis (STLAM.MI) nelle ultime 24 ore. Ford (FN) ha presentato la sua ultima offerta più di due settimane fa.

Fine ha confermato che i Tre di Detroit hanno accettato un’offerta di aumento di stipendio del 23% e hanno compiuto progressi su altre questioni. Ma ha detto ai membri della UAW “c’è altro da vincere”. GM e Ford affermano che ulteriori aumenti del costo della vita hanno già aumentato le loro offerte di risarcimento totale a oltre il 30%.

Fine ha riconosciuto che alcuni membri dell’UAW vogliono votare sulle proposte, ma li ha esortati a non cedere alla “paura, incertezza, dubbio e divisione” che, secondo lui, sono state seminate dalle aziende.

Pur avvertendo del potenziale aumento degli scioperi, Finn ha anche detto ai membri della UAW che i colloqui erano prossimi alla fine. “Questa è la parte più difficile dello sciopero”, ha detto. “Subito prima che venga raggiunto un accordo c’è una forte spinta per percorrere l’ultimo miglio”.

READ  Il Dipartimento di Giustizia fa causa ad Apple per il monopolio dell'iPhone in un caso antitrust storico

Venerdì, prima dell’intervento di Fine, le azioni di General Motors e Ford hanno chiuso in rialzo di circa l’1%.

Il sindacato ha aperto le trattative chiedendo un aumento salariale del 40%. Gli scioperi presso le tre case automobilistiche sono iniziati il ​​15 settembre e ora più di 34.000 membri del sindacato stanno lanciando i primi scioperi simultanei della UAW contro le tre società di Detroit.

Forte nelle auto Ford

I progressi compiuti nei colloqui di venerdì hanno fatto seguito allo sciopero a sorpresa della UAW della scorsa settimana presso lo stabilimento di autocarri Ford di grandi dimensioni nel Kentucky, che genera 25 miliardi di dollari di vendite annuali.

Fine aveva descritto lo sciopero del Kentucky come un avvertimento alla General Motors e alla Stellantis.

Ford, che ha ricevuto l’offerta più alta tra le tre società, ha affermato di aver raggiunto il massimo di ciò che poteva pagare e di rimanere competitiva.

Alcune delle lettere più potenti di Fine venerdì erano dirette a Ford e Bill Ford, presidente dell’azienda e nipote del fondatore Henry Ford. Per decenni, Ford ha costruito un rapporto di cooperazione con la UAW come vantaggio competitivo contro GM e l’ex Chrysler, ora Stellantis.

Fine ha dichiarato che “i giorni in cui la UAW e la Ford si alleavano per combattere altre società sono finiti”.

Ha anche sottolineato i 600 milioni di dollari di guadagni della Ford nel quarto trimestre, affermando che ammonterebbero a circa 1 dollaro l’ora per tutti i lavoratori orari della Ford per la durata del nuovo contratto.

“Quello che Ford ci sta mostrando è che i soldi ci sono. Non vogliono che li abbiamo”, ha detto Fine.

READ  Sam Bankman Fried si dichiara non colpevole di frode e altre accuse

Le case automobilistiche hanno affermato che le richieste sindacali aumenterebbero significativamente i costi e ostacolerebbero le loro ambizioni sui veicoli elettrici. Il leader dei veicoli elettrici Tesla e i marchi stranieri come Toyota non sono sindacalizzati.

Ford ha dichiarato in una dichiarazione dopo il discorso di Fine di essere “ansiosa di concludere questi negoziati”, citando la perdita di salari e di partecipazione agli utili tra i lavoratori.

Stellantis non ha avuto commenti immediati.

Bill Ford ha avvertito che lo sciopero sta influenzando negativamente la casa automobilistica e l’economia americana. La società di consulenza economica Anderson Economic Group ha stimato che le perdite economiche totali derivanti dallo sciopero hanno raggiunto i 7,7 miliardi di dollari, con perdite sostenute dai Tre di Detroit per 3,45 miliardi di dollari.

Ford Motor non ha ancora parlato di come le fabbriche di batterie per veicoli elettrici che prevede di costruire joint venture con produttori asiatici di batterie potrebbero rientrare nell’accordo quadro UAW.

Venerdì Fein non ha menzionato le fabbriche di batterie. La UAW vuole che le case automobilistiche permettano al sindacato di organizzare i propri lavoratori, aumentando drasticamente i loro salari rispetto ai livelli attuali al di sotto delle scale salariali degli stabilimenti di assemblaggio.

(Segnalazione di Joseph White a Detroit e Abhijith Ganapavaram a Bangalore; Segnalazione aggiuntiva di Ben Klayman a Detroit e Pratyush Thakur a Bangalore; Scrittura di Sayantani Ghosh. A cura di Sriraj Kalluvila, Peter Henderson e David Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Joe White è un corrispondente automobilistico globale per Reuters, con sede a Detroit. Joe copre una vasta gamma di argomenti relativi al settore automobilistico e dei trasporti e scrive anche The Auto File, una newsletter tre volte alla settimana sull’industria automobilistica globale. Joe è entrato a far parte di Reuters nel gennaio 2015 come redattore dei trasporti, responsabile della copertura di aerei, treni e automobili, per poi diventare redattore globale di motori. In precedenza, ha lavorato come redattore automobilistico globale per il Wall Street Journal, dove ha supervisionato la copertura del settore automobilistico e ha gestito l’ufficio di Detroit. Joe è stato coautore (insieme a Paul Ingrassia) di The Comeback: The Fall and Rise of the American Automobile Industry, e lui e Paul hanno condiviso il Premio Pulitzer per il miglior reportage nel 1993.

READ  Il Dow è sceso dopo che Powell della Fed ha accennato presto a un tasso del 5,25%; Amazon, Tesla si muovono nelle valutazioni degli analisti

È il capo dell’ufficio di Detroit e redattore dei trasporti nordamericani, responsabile di una squadra di circa 10 giornalisti che coprono tutto, dalle automobili all’aerospaziale, dalle compagnie aeree allo spazio. comunicazione: