Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’inflazione persistente potrebbe spingere la Fed a mantenere i tassi di interesse elevati più a lungo

L’inflazione persistente potrebbe spingere la Fed a mantenere i tassi di interesse elevati più a lungo

Gli investitori stanno abbandonando i sogni di imminenti tagli dei tassi di interesse poiché l’inflazione rimane persistente, un problema che potrebbe spingere i politici della Federal Reserve a mantenere alti i costi di finanziamento più a lungo.

L'ultima lettura della misura dell'inflazione più attentamente monitorata dalla Fed, pubblicata venerdì, ha mostrato che gli aumenti dei prezzi sono stati ancora significativamente più rapidi rispetto all'obiettivo del 2% della Fed.

Spese per consumi personali indice A marzo è aumentato del 2,7% rispetto all'anno precedente, rispetto al 2,5% di febbraio. Dopo aver escluso la volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari e dei carburanti per avere una lettura più chiara dell'andamento dei prezzi, l'inflazione è rimasta stabile al 2,8% su base annua.

Il rapporto è stato solo l’ultimo segnale del fatto che, dopo mesi di costante miglioramento nel 2023, i progressi nel raffreddamento dell’inflazione si fermeranno nel 2024. Questo ostacolo inaspettato spinge politici, economisti e investitori a chiedersi quando la Fed potrebbe essere in grado di… essere in grado di farlo. Per ridurre i costi di finanziamento. Il presidente della Fed Jerome Powell ha indicato la scorsa settimana che i banchieri centrali non stavano vedendo i progressi che speravano di vedere prima di tagliare i tassi di interesse.

La Federal Reserve si incontrerà la prossima settimana a Washington per discutere la prossima mossa sui tassi di interesse. Anche se si prevede che lascerà i tassi di interesse invariati nella sua decisione del 1° maggio, gli investitori seguiranno da vicino una conferenza stampa con Powell per ottenere suggerimenti su quanto a lungo i tassi di interesse rimarranno probabilmente invariati. Se l’inflazione continuasse a rimanere stabile nei prossimi mesi, ciò potrebbe spingere i funzionari a mantenere i tassi di interesse al loro attuale livello relativamente alto per un periodo prolungato mentre cercano di tenere a freno l’economia ed eliminare completamente gli aumenti dei prezzi.

READ  SpaceX è ora valutata 175 miliardi di dollari sul mercato privato, più di qualsiasi valutazione IPO nella storia

“C’è molta più incertezza sul percorso deflazionistico”, ha affermato Matthew Luzetti, capo economista americano presso Deutsche Bank, sottolineando che “continuiamo a vedere un’economia che sta andando molto bene”.

I politici hanno alzato i tassi di interesse al 5,33% tra marzo 2022 e la scorsa estate, e da allora li hanno mantenuti stabili. Ritengono che questo importo sia sufficientemente elevato da avere un impatto sull’economia – che, nel gergo economico, è “vincolata”.

Ma alcuni economisti stanno iniziando a chiedersi quanto sia restrittivo l’attuale tasso di interesse fissato dalla Fed, perché la crescita è rimasta forte e le assunzioni sono vivaci anche dopo mesi di tassi di interesse relativamente alti.

I dati pubblicati venerdì hanno mostrato che lo slancio è continuato a marzo: la spesa dei consumatori è aumentata dello 0,8% per il secondo mese consecutivo, battendo le aspettative dei meteorologi. Questa spesa è sostenuta da un mercato forte che sta spingendo al rialzo i salari: il reddito al netto delle tasse degli americani a marzo ha superato significativamente l'aumento dei prezzi per la prima volta da dicembre.

Dati separati per A Sondaggio dell'Università del Michigan I dati di venerdì hanno mostrato che i consumatori sono diventati leggermente più pessimisti ad aprile riguardo alle prospettive dell’economia nel suo insieme e dell’inflazione in particolare.

Gli indici azionari sono saliti venerdì mattina, in parte perché Wall Street si stava preparando a un rapporto sull’inflazione leggermente peggiore dopo che i dati pubblicati giovedì suggerivano che gli aumenti dei prezzi potrebbero essere stati più consistenti a marzo rispetto ai numeri sulla spesa per consumi personali.

I numeri di venerdì “possono essere visti con sollievo”, ha scritto Omair Sharif, fondatore di Inflation Insights, in una nota successiva al rapporto.

Tuttavia, gli investitori vedono maggiori possibilità di un periodo prolungato di tassi di interesse più alti – che tendono a pesare sui prezzi delle azioni – rispetto a solo un mese o addirittura una settimana fa. Gli investitori ora scommettono che la Fed potrebbe fare la sua prima mossa a settembre o più tardi. In base ai prezzi di mercato. Una piccola ma crescente percentuale ritiene che la banca centrale potrebbe non essere in grado di tagliare i tassi di interesse quest’anno.

READ  Le azioni scendono il primo giorno di negoziazione del 2023

Dato lo slancio economico, alcuni economisti si chiedono se i funzionari della Fed potrebbero iniziare a pensare ad aumentare nuovamente i tassi di interesse.

Il governatore della Federal Reserve Michael Bowman Lo ha già detto Sebbene questa non fosse la sua “aspettativa fondamentale”, vedeva “il rischio che in una riunione futura potremmo dover aumentare ulteriormente il tasso di interesse”.

Mentre i mercati probabilmente si concentreranno sull’eventuale rialzo dei tassi di interesse, la Fed probabilmente li manterrà alti più a lungo, ha affermato Plerina Orochi, capo economista statunitense presso T. Rowe Price.

Ha detto che probabilmente ci vorrebbe una vera e propria accelerazione dell’inflazione per spingere la Fed ad aumentare nuovamente i costi di finanziamento, piuttosto che limitarsi ai progressi in fase di stallo visti negli ultimi mesi.

“Non penso che abbiamo raggiunto il punto in cui dobbiamo parlare di aumento dei tassi di interesse quest'anno”, ha detto la Orochi. “Ma siamo sicuramente al punto in cui dobbiamo parlare di tagli inferiori”.

Molti economisti ritengono che l’inflazione probabilmente rallenterà ulteriormente, in parte perché nuovi e più freddi prezzi degli affitti stanno ancora lentamente alimentando i dati ufficiali sull’inflazione. Ma il processo sta richiedendo più tempo di quanto molti si aspettassero e, con il rafforzamento dell’economia, sono aumentati i rischi che l’inflazione rimanga stabile.

Inoltre, negli ultimi anni gli economisti hanno regolarmente riscontrato che le loro aspettative di inflazione sono state ribaltate da sorprese economiche: non si prevedeva un aumento così rapido come nel 2021 e nel 2022, per poi scendere un po’ più rapidamente di quanto molti si aspettavano alla fine dello scorso anno. Ora, la sua piattezza è stata una sorpresa.

READ  La United chiede ai piloti di prendere un congedo non retribuito, a causa dei ritardi della Boeing

“Dopo gli ultimi anni, bisogna essere umili”, ha detto Luzetti.

Tassi di interesse più elevati hanno lo scopo di frenare l’inflazione rendendo i consumatori e le imprese più riluttanti a spendere. In una certa misura sembra che sia proprio così: gli elevati tassi ipotecari hanno portato ad un forte rallentamento del mercato immobiliare, le aziende hanno ritirato gli investimenti di capitale e sono stati creati meno posti di lavoro.

Ma l’economia nel suo complesso si è dimostrata straordinariamente resistente agli effetti dell’aumento dei costi di finanziamento. I consumatori non sono stati particolarmente scoraggiati, scegliendo di ritirare i risparmi e accumulare debiti sulle carte di credito anche se si lamentavano dell’aumento dei prezzi. A marzo gli americani hanno risparmiato solo il 3,2% del loro reddito al netto delle imposte, il tasso più basso dal 2022.

Portland Gear, un rivenditore di abbigliamento a Portland, Oregon, continua a stabilire record poiché i clienti acquistano magliette da 79 dollari e cappellini da baseball da 36 dollari, ha affermato Marcus Harvey, il fondatore dell'azienda.

“I consumatori possono dire che le cose sono diventate più costose, ma le loro abitudini di acquisto non riflettono realmente questo”, ha detto.

Di conseguenza, Harvey continua a investire, nonostante l’impatto dei tassi di interesse più elevati. L'azienda ha recentemente aperto un flagship store nel centro di Portland e sta aprendo una sede presso l'aeroporto della città.

“Le cose stanno così: nei prossimi cinque anni i tassi di interesse saranno elevati”, ha affermato Harvey. “Non puoi farci niente. Il lavoro va avanti. La vita va avanti.”