Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Russia si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024

La Russia si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024

MOSCA (AP) – La Russia si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024 e si concentrerà sulla costruzione della sua posizione orbitale, il nuovo capo spaziale del Paese. Lo ha detto martedì tra le alte tensioni tra Mosca e l’Occidente per i combattimenti in Ucraina.

L’annuncio, sebbene inaspettato, mette in dubbio il futuro della stazione spaziale di 24 anni, con gli esperti che affermano che sarebbe estremamente difficile – forse un “incubo”, secondo un resoconto – mantenerla operativa senza i russi. La NASA e i suoi partner speravano di mantenerlo in funzione fino al 2030.

“La decisione di lasciare la stazione è stata presa dopo il 2024”, ha detto Yury Borisov, nominato questo mese a capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, durante un incontro con il presidente Vladimir Putin. “Penso che per allora inizieremo a formare una stazione astronomica russa”, ha aggiunto.

La stazione spaziale è stata a lungo un simbolo dell’azione collettiva internazionale dopo la Guerra Fredda in nome della scienza, ma ora è una delle ultime aree di cooperazione tra gli Stati Uniti e il Cremlino.

I funzionari della NASA hanno affermato di non aver ancora sentito direttamente le loro controparti russe sulla questione. L’amministratore della NASA Bill Nelson ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che l’agenzia è “impegnata per il funzionamento sicuro” della stazione spaziale fino al 2030 e continua a “costruire capacità future per garantire la nostra presenza primaria nell’orbita terrestre bassa”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha definito l’annuncio uno “sviluppo sfortunato” data la “preziosa collaborazione professionale di cui le nostre agenzie spaziali hanno goduto nel corso degli anni”. Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha affermato che gli Stati Uniti stanno “considerando le opzioni” per affrontare il ritiro russo.

La dichiarazione di Borisov ha ribadito le precedenti dichiarazioni dei funzionari spaziali russi sull’intenzione di Mosca di lasciare la stazione spaziale dopo il 2024, quando scadranno gli attuali accordi internazionali per il suo funzionamento.

READ  Zelensky ha detto che le forze russe hanno iniziato la battaglia del Donbass

I funzionari russi hanno parlato a lungo del loro desiderio di lanciare la propria stazione spaziale e si sono lamentati del fatto che l’usura della vecchia Stazione Spaziale Internazionale minaccia la sicurezza e potrebbe rendere difficile il prolungamento della sua vita.

miniatura del video di YouTube

Anche il costo può essere un fattore: con SpaceX di Elon Musk che ora fa volare gli astronauti della NASA da e verso la stazione spaziale, l’agenzia spaziale russa ha perso un’importante fonte di reddito. Per anni, la NASA ha pagato decine di milioni di dollari per posto a sedere per guidare i razzi russi Soyuz.

L’annuncio russo solleverà sicuramente la speculazione sul fatto che faccia parte della manovra di Mosca per ottenere sollievo dalle sanzioni occidentali sul conflitto in Ucraina. Il predecessore di Borisov, Dmitry Rogozin, ha dichiarato il mese scorso che Mosca potrebbe partecipare ai negoziati su una possibile estensione delle operazioni delle stazioni solo se gli Stati Uniti avessero revocato le sanzioni alle industrie spaziali russe.

L’ex astronauta canadese Chris Hadfield ha twittato in risposta all’annuncio di martedì: “Ricorda, il miglior gioco della Russia sono gli scacchi”.

La stazione spaziale è gestita congiuntamente da Russia, Stati Uniti, Europa, Giappone e Canada. Il primo pezzo è stato messo in orbita nel 1998 e l’avamposto è stato continuamente abitato Quasi 22 anni fa. Viene utilizzato per condurre ricerche scientifiche a gravità zero e per testare la tecnologia per futuri viaggi sulla Luna e su Marte.

Di solito ha un equipaggio di sette persone, che trascorrono mesi alla volta a bordo della stazione mentre orbita a 260 miglia (420 chilometri) sopra la Terra. Ora sull’aereo sono tre russi, tre americani e un italiano.

Il complesso, lungo circa 100 miliardi di dollari, è un campo da calcio ed è composto da due sezioni principali, una gestita dalla Russia e l’altra dagli Stati Uniti e da altri paesi. Non era immediatamente chiaro cosa sarebbe stato necessario fare sul lato russo del complesso per far funzionare la stazione spaziale in sicurezza una volta che Mosca si fosse ritirata.

READ  Blu e bianco, una nuova speranza, l'Unione, si presenterà come una lista comune nella votazione di novembre

L’ex astronauta della NASA Scott Kelly, che ha trascorso 340 giorni consecutivi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nel 2015 e nel 2016, ha affermato che la dichiarazione russa “potrebbe essere solo più sproloquio”, osservando che la frase “dopo il 2024” è vaga e aperta.

“Penso che la Russia rimarrà il più a lungo possibile”, ha detto, “senza la Stazione Spaziale Internazionale non ha alcun programma di volo spaziale umano”. “La cooperazione con l’Occidente mostra anche una certa legittimità ad altri paesi non allineati e al loro popolo, di cui Putin ha bisogno, perché la guerra in Ucraina ha danneggiato la sua credibilità”.

Kelly ha affermato che il progetto della stazione renderebbe difficile ma non impossibile per le restanti nazioni gestirla se la Russia si fosse ritirata.

L’ex astronauta della NASA Terry Virts, che ha trascorso sei mesi sulla stazione spaziale nel 2014 e nel 2015, ha affermato che il ritiro russo sarebbe stato un “disastro” e avrebbe inviato “un’importante dichiarazione al mondo che sono inaffidabili”.

Ma Virts ha anche affermato che Putin “è andato in mare e dobbiamo disimpegnarli sulla Stazione Spaziale Internazionale”.

Ha detto di essere particolarmente deluso dal fatto che tre dei cosmonauti con cui aveva viaggiato siano ora nel parlamento russo, o Duma, a sostegno della guerra in Ucraina.

Jordan Beam, storico della scienza dell’Università di Chicago, ha affermato che la dichiarazione russa “non fa ben sperare per il futuro della Stazione Spaziale Internazionale”, aggiungendo che “crea una costellazione di incertezze sulla conservazione della stazione che non ha risposte facili”.

“Come sarebbe partire?” Chiesto. Gli ultimi astronauti smantelleranno semplicemente la Soyuz e torneranno sulla Terra, lasciando attaccate le unità di fabbricazione russa? Le renderanno inutilizzabili prima della partenza? La NASA e i suoi partner internazionali dovranno negoziare il loro acquisto e continuare a usarli? Queste unità possono essere mantenuto senza la conoscenza del russo?”

READ  Reti di Hong Kong - Insegnanti di inglese stranieri - Costretti a giurare fedeltà | Hong Kong

Gestire la stazione dopo aver salvato i russi “potrebbe essere un incubo a seconda di quanto la Russia lo renderà difficile per la NASA e i suoi partner rimanenti”, ha detto Beam.

Ha detto che se i componenti russi della stazione fossero disconnessi o malfunzionanti, il problema più urgente sarebbe come potenziare periodicamente il complesso per mantenere la sua orbita. I veicoli spaziali russi che arrivano alla stazione con il carico e l’equipaggio vengono utilizzati per aiutare ad allineare la stazione e aumentare la sua orbita.

“Resta da vedere se i russi saranno effettivamente in grado di lanciare e mantenere la propria stazione indipendente”, ha affermato Scott Pace, direttore dello Space Policy Institute della George Washington University.

Finora la Russia non ha compiuto alcuno sforzo visibile per sviluppare la propria stazione spaziale e il compito appare ora sempre più scoraggiante in mezzo alla crisi in Ucraina e alle sanzioni occidentali che hanno limitato l’accesso della Russia alla tecnologia occidentale.

Molto prima della Stazione Spaziale Internazionale, i sovietici – e poi i russi – avevano un certo numero di proprie stazioni spaziali, inclusa la Mir. Allo stesso modo, gli Stati Uniti avevano Skylab.

John Logsdon, fondatore ed ex direttore del George Washington University Institute, ha affermato che la NASA ha tutto il tempo per prepararsi al ritiro russo, viste le minacce da Mosca, e che sarebbe trascurato se non ci pensasse. su questo per diversi anni.

“Un’alternativa è dichiarare la vittoria con la stazione e usarla come scusa per farla uscire dall’orbita e investire denaro nell’esplorazione”, ha detto, aggiungendo: “È chiaro che il suo valore politico è diminuito nel tempo”.

___

Marcia Dunn, una scrittrice spaziale per l’Associated Press, ha scritto da Cape Canaveral, in Florida. I giornalisti dell’Associated Press Matthew Lee e Tracy Brown hanno contribuito da Washington.