Agosto 7, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il nuovo ponte della Croazia ridisegna la mappa della costa adriatica

Il nuovo ponte della Croazia ridisegna la mappa della costa adriatica

(CNN) – In Croazia si sono svolte le celebrazioni per commemorare l’apertura del tanto atteso ponte che attraversa una stretta striscia di costa bosniaca per collegare la regione adriatica meridionale con il resto del Paese.

Cofinanziato dall’Unione Europea, il ponte di Pelješac, lanciato ufficialmente martedì, corre tra Komarna sulla terraferma e Brijesta sulla penisola di Pelješac, fornendo un accesso più facile alla popolare zona turistica di Dubrovnik.

Il rilascio della struttura strallata di 2,4 chilometri (1,5 miglia) viene salutato come un momento storico per il paese, poiché centinaia di persone si sono rivelate prima ad attraversare a piedi poiché il ponte è stato aperto ai pedoni e poi agli automobilisti .

Fino ad ora, sia i residenti che i turisti dovevano attraversare la Bosnia ed Erzegovina quando viaggiavano da e per la regione della Dalmazia meridionale verso la terraferma, il che significava che erano soggetti a controlli alle frontiere, causando ritardi al traffico e lasciando alcuni di quelli nell’Adriatico che si sentivano isolati.

Il primo ministro croato Andrej Plenkovich Descrizione della strutturala cui costruzione è costata 525 milioni di euro (531 milioni di dollari), “non è un lusso, ma una necessità”.
A 55 metri sul livello del mare, il Ponte del Belgia è in funzione da diversi anni, ricevendo un importante contributo di finanziamento di 357 milioni di euro dall’Unione Europea nel 2017. Ridurrà i tempi di percorrenza di 37 minuti lungo la costa adriatica, secondo Il sito ufficiale dell’Unione Europea.

Accesso illimitato

“Il ponte Bilgic migliorerà lo sviluppo economico e la coesione regionale della Dalmazia meridionale e della Croazia nel suo insieme”, ha affermato in una nota Elisa Ferreira, commissaria Ue per la Coesione e le riforme. dichiarazione.

“Questo ponte è un simbolo della solidarietà europea e del sostegno finanziario e politico della Croazia. Migliorerà la vita dei cittadini sulla Terra e farà parte della storia dello sviluppo della Croazia”.

Croazia e Bosnia erano tra le sei repubbliche che componevano l’ex Jugoslavia.

Quando la Croazia divenne indipendente nel 1991, due sezioni della costa croata furono divise dal Mar Adriatico con 9 chilometri (5,6 miglia) di territorio bosniaco noto come Passo del Neum.

China Road and Bridge Corporation ha vinto una gara internazionale per la costruzione del ponte nel 2018.

La fase finale, una corsia laterale di 8 chilometri (4,9 miglia) vicino alla città di Stone, vicino a Dubrovnik, dovrebbe essere completata alla fine del 2023.

Sebbene l’apertura del ponte di Pelješac sia stata motivo di grande gioia, il progetto è stato oggetto di critiche nel corso degli anni.

I funzionari bosniaci inizialmente hanno dichiarato che avrebbe pregiudicato l’accesso al mare del Paese, spingendo la Croazia ad aumentare l’altezza del ponte, che ha quattro corsie di traffico.

Anche il fatto che una società statale cinese si sia aggiudicata l’appalto per la costruzione della struttura ha sollevato le sopracciglia.

Credito immagine più alto: Elvis Barukcic / AFP tramite Getty Images