Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La gestione dell’accordo con Microsoft da parte del Regno Unito solleva dubbi sulla direzione post-Brexit

La gestione dell’accordo con Microsoft da parte del Regno Unito solleva dubbi sulla direzione post-Brexit

LONDRA, 23 agosto (Reuters) – La lunga battaglia tra Microsoft e la Gran Bretagna sull’accordo Activision Blizzard (ATVI.O) ha preso un’altra svolta martedì, sollevando più domande che risposte sull’approccio del paese agli accordi. Era post-Brexit.

L’Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (CMA) è stata bloccata in una disputa con il gigante del software statunitense sulla sua offerta da 69 miliardi di dollari per il produttore di “Call of Duty” da quando si era opposto all’acquisizione in aprile.

A luglio, pochi minuti dopo che l’autorità di regolamentazione americana aveva fallito nei suoi sforzi per bloccare l’acquisizione in tribunale, aveva detto che era pronta a riprendere il caso quando Microsoft fosse tornata con una proposta “dettagliata e complessa”.

Martedì ha affermato che sarebbe rimasta fedele alla decisione originaria di vietarlo.

Ma prenderà in considerazione un accordo di ristrutturazione separato proposto da Microsoft, in cui Activision cederà i suoi diritti di streaming cloud a una terza parte – la francese Ubisoft Entertainment (UBIP.PA) – esclusa l’UE.

L’esclusione è progettata per non rovinare un accordo con Bruxelles che consente a Microsoft di concedere in licenza i contenuti a servizi cloud concorrenti.

In risposta, le autorità antitrust dell’UE hanno affermato che ora valuteranno se i nuovi termini influenzeranno le concessioni già concordate con la società statunitense.

Ronan Scanlan, avvocato specializzato in concorrenza presso lo studio Arthur Cox di Dublino che in precedenza ha lavorato per la CMA, ha affermato che “l’incertezza e la confusione” della Gran Bretagna non sono servite a nessuno.

“Alcuni direbbero che la CMA ha fatto passi indietro per assorbire Microsoft, mentre altri direbbero che questo è il risultato del fatto che la CMA l’ha scavalcata in primo luogo,” ha detto a Reuters.

READ  Kindle Scribe di Amazon è un e-reader da $ 339 su cui puoi scrivere

situazione difficile

L’autorità di regolamentazione dei mercati dei capitali si è opposta al più grande accordo di gioco del mondo perché teme che possa soffocare la concorrenza nel settore emergente del cloud gaming e ha affermato che l’offerta di Microsoft di rendere i giochi Activision disponibili sulle principali piattaforme rivali di cloud gaming non è sufficiente per affrontare le sue preoccupazioni.

La decisione evidenzia la nuova dura posizione assunta dalla Capital Markets Authority contro le grandi tecnologie dopo essere diventata un regolatore indipendente dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Gustav Dohs, ex avvocato della CMA e responsabile della concorrenza presso Stevens & Bolton, ha affermato che la nuova proposta va oltre le terapie comportamentali, che alla CMA non sono mai piaciute, verso qualcosa di più simile alla terapia strutturale.

“Ma non si tratta di un rimedio strutturale netto perché esiste ancora un legame fondamentale tra le attività di Microsoft e Ubisoft, e i diritti trasferiti sono limitati”, ha detto.

Ha aggiunto che la CMA potrebbe chiedere garanzie su come Ubisoft potrà utilizzare i diritti, il che ripristinerebbe il privilegio nell’area della terapia comportamentale.

In base all’accordo appena proposto, ha affermato Scanlan, la combinazione Microsoft-Activision offrirà contenuti di gioco solo a un giocatore, a cui sarà consentito commercializzare i diritti ad altri fornitori di servizi di cloud gaming.

Secondo lui occorre chiedersi se il tempo necessario per arrivare a questo punto sia stato sfruttato bene per tutte le parti coinvolte. “Pochi, tranne forse la Capital Markets Authority, risponderanno affermativamente”, ha detto.

Anthony O’Loughlin, responsabile del contenzioso presso lo studio legale Sitfords, è d’accordo. “Per Microsoft e altri regolatori, questo rappresenta potenzialmente un passo non necessario che la società è stata costretta a compiere da un regolatore britannico troppo zelante, che non ha ancora dato il via libera all’accordo”, ha affermato.

READ  Calcolo quantistico su un Commodore 64 in 200 linee base

Il destino dell’accordo Microsoft in Gran Bretagna ha sollevato dubbi sulla capacità dell’Autorità per i mercati dei capitali di portare a termine un accordo enorme se non è in armonia con gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Cina.

Il divieto della CMA in aprile ha fatto arrabbiare le parti coinvolte nella fusione, con Microsoft che ha affermato che la Gran Bretagna era chiusa agli affari.

Martedì ha affermato di non sentire alcuna pressione politica sulla gestione dell’accordo.

Entrambe le parti presenteranno il risultato come una vittoria, con la CMA che riceverà vantaggi che nessun’altra agenzia ha, ha affermato Tom Smith, partner dello studio legale Geradin Partners ed ex direttore legale della CMA.

La CMA eviterà inoltre di dover difendere il suo divieto originale in tribunale e Microsoft sembra finalmente pronta ad assicurarsi l’accordo.

“È stato un processo arduo e c’è ancora spazio per iniziare, ma per il momento non dovremmo aspettarci che importanti accordi tecnologici continuino”, ha affermato Smith.

L’Autorità per i mercati dei capitali esaminerà ora la nuova proposta, con un termine per l’annuncio fissato entro il 18 ottobre. Può ordinare un’indagine molto più lunga se si scopre che ha ancora problemi di concorrenza.

(Segnalazione di Kate Holton e Paul Sandel a Londra) Segnalazione aggiuntiva di Martin Coulter a Londra Montaggio di Matthew Lewis

I nostri standard: Principi di fiducia per Thomson Reuters.

Acquisizione diritti di licenzaapre una nuova scheda