Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Cina sottovaluta l’impatto della fallita ribellione russa sulle relazioni bilaterali

La Cina sottovaluta l’impatto della fallita ribellione russa sulle relazioni bilaterali

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulle politiche russe

La Cina ha descritto il tentativo di ribellione di Yevgeny Prigozhin come un “affare interno” della Russia mentre cercava di minimizzare ogni possibile impatto sui loro stretti legami durante una visita a Pechino del viceministro degli Esteri russo Andrei Rudenko.

Domenica i media statali cinesi hanno mostrato Chen Gang sorridere e camminare con Rudenko mentre la Cina cerca di valutare l’impatto della ribellione di Prigozhin e delle sue fazioni paramilitari Wagner sulla stabilità politica di uno dei suoi più importanti alleati.

I media statali cinesi hanno riferito solo che la coppia “si è scambiata opinioni … sulle relazioni sino-russe e su questioni internazionali e regionali di interesse comune”. Non diceva se l’incontro fosse stato programmato prima dell’ammutinamento. Successivamente, il ministero degli Esteri cinese ha rilasciato una dichiarazione secca affermando che “l’incidente del gruppo Wagner” è un “affare interno” della Russia.

“In qualità di vicino amichevole della Russia e partner di coordinamento strategico globale per la nuova era, la Cina sostiene la Russia nel mantenimento della stabilità nazionale e nel raggiungimento dello sviluppo e della prosperità”, afferma la dichiarazione.

Il Dipartimento di Stato ha anche pubblicato un rapporto sul secondo incontro di Rudenko con Ma Zhaozhou, viceministro esecutivo degli esteri, in cui afferma che la coppia ha ribadito che le relazioni russo-cinesi erano “nel miglior periodo della storia”. Il racconto non menziona alcuna discussione sulla ribellione.

I media statali cinesi hanno minimizzato il dramma: domenica hanno dato la precedenza a uno scambio di lettere tra il presidente Xi Jinping e un guardiano dello zoo belga che parlava di panda.

READ  L'attrice Ai Weiwei mette in guardia contro l'arroganza in tempi "complicati".

Tuttavia, la copertura ufficiale in sordina della ribellione smentisce l’importanza della leadership di Xi e del Partito Comunista Cinese nello scontro in Russia, il partner più importante di Pechino nei suoi sforzi per combattere quella che considera l’egemonia americana.

La debolezza della Russia non solo priverebbe il leader cinese di un alleato affidabile, ma potrebbe anche destabilizzare i vasti confini della Cina con il suo gigantesco vicino. “Non abbiamo nemmeno bisogno di un’altra guerra civile in Russia, abbiamo bisogno di stabilità in tutti i paesi”, ha detto Henry Huyao Wang, presidente del Centro per la Cina e la globalizzazione, un think tank di Pechino.

Wang ha detto che questo desiderio di stabilità è il motivo per cui Pechino vuole avviare i colloqui di pace tra Ucraina e Russia il prima possibile. L’inviato cinese Li Hui ha visitato entrambi i paesi il mese scorso, ma sono stati compiuti pochi progressi.

Per la leadership cinese, la sfida è sempre stata come esprimere sostegno al presidente russo Vladimir Putin senza alienare ulteriormente l’Europa. Il premier Li Qiang ha visitato Francia e Germania la scorsa settimana nel tentativo di rafforzare i legami indeboliti dalle strette relazioni di Pechino con la Russia.

Negli ultimi due anni, Xi ha ripetutamente espresso il suo forte sostegno a Putin, dalla loro dichiarazione di “amicizia senza confini” pochi giorni prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia lo scorso anno, alla visita di stato di Xi a Mosca quest’anno.

Dopo la debacle dei giorni scorsi, Putin cercherà conferme dai leader stranieri, soprattutto dalla Cina, suo alleato più forte e credibile.

READ  Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un'intervista alla CNN in cui criticava Putin

In una dichiarazione rilasciata dopo l’incontro, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato: “La parte cinese ha espresso sostegno agli sforzi della leadership della Federazione Russa per stabilizzare la situazione nel paese in relazione agli eventi del 24 giugno e ha rinnovato il suo interesse per rafforzare l’unità e la prosperità della Russia”.

“Per Putin, sarà importante ottenere questo sostegno dalla Cina, che è un attore importante a livello globale, per stabilizzare il clima locale”, ha detto Zsouza Anna Firenze, ex consigliere politico del Parlamento europeo che ora è alla National Dong Hua University in Taiwan. .

“Essi [China] Forse stanno pensando e discutendo di ciò che è necessario per garantire la posizione di Putin perché Putin è stato così utile alla Cina. Questa deve essere la considerazione trainante.

Allo stesso tempo, il caos scatenato dalla guerra contro l’Ucraina in Russia non sfuggirà a Pechino, la cui ambizione di lunga data è quella di unirsi a Taiwan usando la forza militare se necessario.

“Ci sono molte lezioni da imparare da quello che è successo ieri sera”, ha detto Firenze. Ha detto che il caos in Russia potrebbe far riflettere la Cina su “quanto sia fragile il controllo anche dei regimi più autoritari”.

Gli analisti hanno affermato che mentre Pechino cerca di sostenere Putin, cercherà anche contatti più ampi con altri mediatori di potere in Russia. Questo l’avrebbe aiutata a proteggere la relazione nel caso in cui qualcun altro acquisisse potere.

“La Cina può coprire le sue scommesse, non ritirando il sostegno a Putin, ma aumentando l’impegno con altri attori dentro e intorno alla Russia”, ha detto Leif Eric Easley, professore alla Ewha University di Seoul.

READ  Inondazioni in Sud Africa: più di 300 persone sono morte dopo che le inondazioni hanno spazzato via strade e distrutto case in Sud Africa

Mentre la copertura dei media statali cinesi sulla ribellione di Prigozhin è stata relativamente debole, attenendosi strettamente alla versione degli eventi dei media nazionali russi, i social media sono stati molto più attivi.

Diverse pubblicazioni hanno descritto il signore della guerra come An Lushan, un riferimento a un famoso generale ribelle dell’ottavo secolo durante la dinastia Tang, che si ribellò contro l’impero e stabilì un regno rivale di breve durata. Ma i post sono stati presto cancellati.

Un altro utente su Weibo, la versione cinese di Twitter, sembrava eludere la censura del governo e ha attirato molti repost usando eufemismi per descrivere la ribellione, riferendosi ad essa come il videogioco sparatutto in prima persona “PUBG” e deridendo Putin. Da “Cesare” e “Nonno”.

Ma era chiaro che, nonostante gli sforzi del governo per controllare la narrazione, anche i più strenui sostenitori di Pechino nei media statali non potevano nascondere la loro opinione sull’indebolimento delle prospettive di Putin dopo i recenti avvenimenti.

“La fine della ribellione ha ovviamente ridotto l’impatto sul potere di Putin”, ha detto su Twitter Hu Xijin, ex direttore del nazionalista Global Times, prima di aggiungere.

Segnalazione aggiuntiva di Gloria Lee a Hong Kong e Edward White a Hong Kong