Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il viceministro della Difesa russo Timur Ivanov è stato accusato di aver ricevuto tangenti

Il viceministro della Difesa russo Timur Ivanov è stato accusato di aver ricevuto tangenti

  • Scritto da Christy Cooney
  • notizie della BBC

Commenta la foto, Il vice ministro della Difesa russo Timur Ivanov (a sinistra) con il presidente Vladimir Putin e il ministro della Difesa Sergei Shoigu

Un tribunale di Mosca ha accusato il viceministro della Difesa russo di aver ricevuto tangenti e lo ha mandato in prigione in attesa delle indagini.

Timur Ivanov, che nega le accuse, è accusato di aver accettato tangenti “su scala particolarmente ampia”.

Ivanov, 47 anni, è stato nominato ministro della Difesa nel 2016 ed è stato responsabile dei progetti di infrastrutture militari russe.

Gli attivisti criticano da tempo i livelli di presunta corruzione in Russia.

Tuttavia, casi di così alto profilo sono stati rari da quando è iniziata l’invasione totale dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022.

Ivanov è considerato un alleato del ministro della Difesa Sergei Shoigu e lavora con lui da molti anni. In precedenza è stato vice primo ministro della regione di Mosca, dove Shoigu ha servito per un breve periodo come governatore.

Nel 2022, la Fondazione Anti-Corruzione (ACF), il gruppo fondato dal defunto leader dell’opposizione Alexei Navalny, ha accusato Ivanov di aver partecipato a “piani di corruzione durante la costruzione nel territorio dell’Ucraina occupato dai russi”.

In particolare, ha affermato di aver beneficiato di progetti di costruzione nella città portuale ucraina di Mariupol, gran parte della quale è stata distrutta dai bombardamenti russi nei mesi successivi all’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Fonte immagine, Servizio giudiziario di Mosca

Commenta la foto, Timur Ivanov ha negato le accuse contro di lui quando è comparso in tribunale

Se giudicato colpevole rischia fino a 15 anni di carcere. Un altro uomo, Sergei Borodin, descritto come amico di Ivanov, è comparso in tribunale a Mosca con accuse simili.

Il suo arresto rappresenta una mossa rara contro un membro dell'élite dominante russa, molti dei quali si ritiene abbiano utilizzato la propria posizione per accumulare vaste fortune personali.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che il presidente Vladimir Putin era stato informato in anticipo dell'arresto.