Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Rishi Sunak si è impegnato ad aumentare la spesa per la difesa del Regno Unito al 2,5% del Pil entro il 2030.

Rishi Sunak si è impegnato ad aumentare la spesa per la difesa del Regno Unito al 2,5% del Pil entro il 2030.

  • Scritto da Paul Seddon
  • Reporter politico

Spiegazione video, Guarda: Il mondo più pericoloso dalla fine della Guerra Fredda, dice Sunak

Rishi Sunak ha promesso miliardi in più per la difesa per contrastare le minacce provenienti da un “asse di stati autoritari”.

Il Primo Ministro ha affermato che la spesa militare del Regno Unito salirà al 2,5% del reddito nazionale entro il 2030, in una mossa che amplia un precedente impegno di spesa.

Ha sottolineato che il Regno Unito “non è sull’orlo della guerra”, ma ha affermato che il denaro extra metterebbe l’industria della difesa del paese “sull’orlo della guerra”.

Anche il partito laburista si è impegnato a raggiungere l’obiettivo del 2,5% quando le condizioni economiche lo consentiranno.

Il segretario ombra della difesa laburista, John Healey, ha detto che il partito “vuole vedere un piano interamente finanziato” per raggiungere quel livello, ma ha detto che i conservatori hanno “dimostrato più e più volte che non ci si può fidare di loro in difesa”.

Ha detto che il Labour rivedrà le risorse delle forze armate entro un anno dall'insediamento, se vincerà le elezioni generali entro la fine dell'anno.

Nella sua dichiarazione difensiva durante la visita in Polonia, Sunak ha affermato che il Regno Unito si trova ad affrontare l'ambiente internazionale più pericoloso dai tempi della Guerra Fredda tra l'Occidente e l'ex Unione Sovietica.

Ha affermato che la spesa aggiuntiva metterebbe l’industria della difesa del Regno Unito “sull’orlo della guerra”, anche se ha sottolineato che il Regno Unito “non è sull’orlo della guerra”.

Tuttavia, ha affermato che gli investimenti sono necessari perché stati autoritari come Russia e Cina stanno mostrando una “nuova determinazione” e stanno lavorando sempre più insieme.

Il Primo Ministro ha affermato che la spesa aumenterà “costantemente ogni anno” prima del 2030. Downing Street ha affermato che ciò significherebbe un aumento di 75 miliardi di sterline per le forze armate nei prossimi sei anni.

Riflette un precedente impegno assunto dall’ex primo ministro Boris Johnson, che nel 2022 aveva promesso di aumentare la spesa al 2,5% del Pil entro la fine del decennio.

Sunak aveva precedentemente confermato che il Regno Unito avrebbe fornito all’Ucraina ulteriori 500 milioni di sterline quest’anno, oltre ai 2,5 miliardi di sterline già stanziati.

Ha aggiunto che il Regno Unito potrebbe continuare a fornire “almeno l’attuale livello di sostegno militare all’Ucraina ogni anno in cui ne ha bisogno”.

Il Primo Ministro ha anche affermato che l’obiettivo del 2,5% potrebbe stabilire un “nuovo standard” per la NATO, il cui obiettivo di spendere il 2% del PIL per la difesa ha ormai dieci anni.

Secondo i dati, lo scorso anno il Regno Unito ha speso il 2,07% del Pil per la difesa, ma quest’anno prevede di spendere il 2,3%, comprese le risorse fornite all’Ucraina.

In totale, 11 dei 31 stati membri della NATO lo scorso anno hanno raggiunto l'obiettivo del 2%, secondo la strategia transatlantica dell'alleanza. Stime.

La Polonia è stata il paese che spende di più in termini di percentuale della sua economia, stanziando il 3,9% del Pil – più del doppio dell’importo speso nel 2022.

Gli Stati Uniti sono arrivati ​​al secondo posto, con una spesa del 3,5%, nonostante siano il paese che spende di più in assoluto.

L’annuncio arriva dopo che il Partito conservatore ha aumentato la pressione sulla difesa in seguito al Bilancio di marzo, con due ministri che lo hanno esortato pubblicamente ad aumentare la spesa il mese scorso.

Downing Street ha affermato che il suo impegno del 2,5% è stato “interamente finanziato”, ma alcuni esperti hanno precedentemente espresso dubbi sugli obiettivi a lungo termine.

Paul Johnson, direttore dell’Institute for Fiscal Studies, un think tank, ha affermato che la precedente, più vaga promessa di aumentare la spesa al 2,5% del PIL “non vale la carta su cui è scritta a meno che non sia accompagnata da un’idea di come consegnalo.”

Il mese scorso, i parlamentari del Comitato per i conti pubblici (PAC) hanno avvertito che il governo attualmente non dispone di un “piano credibile” per finanziare il Ministero della Difesa.

L’anno scorso, il National Audit Office (NAO) ha affermato che il Ministero della Difesa ha dovuto affrontare un buco nero di 16,9 miliardi di sterline nelle sue finanze, nonostante un’iniezione di 46,3 miliardi di sterline nei prossimi 10 anni.

Sunak ha rifiutato di escludere la convocazione di elezioni generali a luglio quando i giornalisti gli avevano chiesto in precedenza, ripetendo il suo precedente commento secondo cui le elezioni si sarebbero svolte “nella seconda metà” dell'anno.

READ  L'uragano Fiona raggiunge la categoria 4 mentre si sposta verso nord, lasciando le aree colpite dal disastro su un lento percorso di ripresa.