Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Parlamento georgiano annulla il veto presidenziale sulla “Legge sugli agenti stranieri” |  Notizie di politica

Il Parlamento georgiano annulla il veto presidenziale sulla “Legge sugli agenti stranieri” | Notizie di politica

I critici sostengono che il disegno di legge limiterà la libertà dei media e ostacolerà le possibilità della Georgia di aderire all’Unione Europea.

Il parlamento della Georgia ha annullato il veto presidenziale sulla legislazione sugli “agenti stranieri” che ha alimentato le paure occidentali e portato a settimane di proteste di piazza.

L’assemblea legislativa, controllata dal partito al potere Georgian Dream, martedì ha respinto il veto della presidente Salome Zurabishvili su una legislazione che secondo lei e altri critici limiterebbe la libertà dei media e ostacolerebbe le possibilità della Georgia di aderire all’Unione europea.

Il presidente ha ora cinque giorni per approvare il disegno di legge. In caso contrario, il Presidente del Parlamento potrà trasformarlo in legge.

Il disegno di legge, approvato dal Parlamento all’inizio di questo mese, impone ai media, alle ONG e ad altri gruppi no-profit di registrarsi come “perseguitori degli interessi di una potenza straniera” se ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero.

Zurabishvili, sempre più in contrasto con il partito al governo, ha posto il veto al disegno di legge il 18 maggio. Ha accusato il partito al potere di mettere in pericolo il futuro del Paese e di “ostruire il percorso verso l’adesione a pieno titolo al mondo libero e democratico”.

Il veto è stato respinto con 84 voti favorevoli e 4 contrari in una controversa sessione parlamentare, durante la quale un deputato del Sogno georgiano ha innaffiato con acqua il leader di un partito di opposizione mentre parlava dal podio.

Il governo afferma che il disegno di legge è necessario per fermare quelli che considera attori stranieri dannosi che cercano di destabilizzare la nazione del Caucaso meridionale di 3,7 milioni di abitanti, ma molti giornalisti e attivisti georgiani affermano che il vero obiettivo del disegno di legge è stigmatizzarli e limitare il dibattito durante la corsa. – Fino alle elezioni parlamentari previste per ottobre.

READ  La Corte Suprema del Guatemala partecipa alle elezioni e sospende la pubblicazione dei risultati ufficiali

Gli oppositori denunciano questa legislazione come “legge russa” perché assomiglia alle misure adottate dal Cremlino per reprimere i media indipendenti, le organizzazioni no-profit e gli attivisti. I critici sostengono che questa misura potrebbe essere stata motivata da Mosca per contrastare le possibilità della Georgia di un’ulteriore integrazione con l’Occidente.

Il disegno di legge è quasi identico a quello che il partito al potere è stato costretto a ritirare l’anno scorso dopo le proteste di piazza. Le manifestazioni si sono rinnovate nuovamente in Georgia con l’arrivo del progetto di legge in Parlamento. I manifestanti si sono scontrati con la polizia, che ha utilizzato gas lacrimogeni e idranti per disperderli.

L’Unione Europea, che ha concesso alla Georgia lo status di candidato a dicembre, ha ripetutamente affermato che il disegno di legge costituirebbe un ostacolo all’ulteriore integrazione tra Tbilisi e l’UE. Il blocco europeo ha sottolineato all’epoca che Tbilisi aveva bisogno di attuare le raccomandazioni politiche chiave per compiere progressi nella sua candidatura all’adesione.

La settimana scorsa, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha annunciato che sarebbero state imposte sanzioni di viaggio ai funzionari georgiani “responsabili o complici nel indebolire la democrazia in Georgia”. Ha osservato: “Resta la nostra speranza che i leader della Georgia riconsiderino il progetto di legge e adottino le misure necessarie per promuovere la realizzazione delle aspirazioni democratiche ed euro-atlantiche del loro paese”.

L’opposizione del Movimento Nazionale Unito ha descritto il disegno di legge come parte degli sforzi di Georgian Dream per attirare il paese nella sfera di influenza della Russia, sostenendo di negare con veemenza che Georgian Dream sia stata fondata da Bidzina Ivanishvili, ex primo ministro e miliardario che ha fatto fortuna in Russia.

READ  Kim Jong Un e Putin si incontrano in Russia: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra in Ucraina

Le manifestazioni contro il disegno di legge si svolgono da settimane, con un picco la sera, quando decine di migliaia di persone hanno organizzato alcune delle più grandi proteste che la Georgia abbia mai visto da quando ha riconquistato l’indipendenza da Mosca nel 1991.