Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Israele Gaza: L’operazione a Rafah non oltrepassa le linee rosse americane – La Casa Bianca

Israele Gaza: L’operazione a Rafah non oltrepassa le linee rosse americane – La Casa Bianca

  • autore, Christy Cooney
  • Ruolo, notizie della BBC

Il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha detto che gli Stati Uniti non credono che Israele abbia lanciato un’invasione su larga scala di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza.

Ha parlato poche ore dopo che le forze israeliane erano arrivate nel centro della città e, secondo quanto riferito, avevano catturato una collina strategicamente importante che domina il vicino confine con l’Egitto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva affermato in precedenza che lanciare un’invasione su larga scala a Rafah, dove si ritiene che centinaia di migliaia di civili si stiano ancora rifugiando, significherebbe oltrepassare una linea rossa.

Kirby è stato anche interrogato riguardo ad un attacco aereo israeliano e al conseguente incendio che domenica ha ucciso almeno 45 palestinesi in un campo per sfollati.

Israele ha affermato di ritenere che l’incendio possa essere stato causato da armi depositate nelle vicinanze a seguito di un’esplosione di Hamas.

Kirby ha detto ai giornalisti che le immagini del raid di domenica, che ha ucciso soprattutto donne, bambini e anziani, erano “strazianti” e “orribili”.

Ha aggiunto: “Non dovrebbero esserci perdite di vite innocenti qui a causa di questo conflitto”.

Ma ha riconosciuto che Israele stava indagando sull’incidente e ha affermato di non avere “nessun cambiamento politico di cui parlare” sulla scia dei recenti eventi a Rafah.

“Non crediamo ancora che una grande operazione di terra sia giustificata… e non l’abbiamo vista in questa fase”, ha detto.

“Non li abbiamo visti prendere d’assalto Rafah”, ha detto.

“Non li abbiamo visti entrare con grandi unità e un gran numero di truppe in colonne e formazioni in una sorta di manovra coordinata contro più obiettivi sul terreno”.

Il presidente Biden aveva detto all’inizio di questo mese che alcune forniture di armi a Israele sarebbero state interrotte nel caso di un’importante operazione di terra a Rafah.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha descritto l’attacco avvenuto domenica come un “tragico incidente” e si è impegnato a continuare l’operazione Rafah.

L’esercito israeliano ha affermato che il raid ha preso di mira e ha ucciso due alti funzionari di Hamas.

Martedì ha affermato che le sue forze stavano continuando le loro attività contro “obiettivi terroristici” a Rafah, tre settimane dopo aver lanciato l’operazione di terra lì.

Testimoni oculari hanno riferito che i carri armati di occupazione erano di stanza alla rotatoria di Al-Awda, considerata uno dei principali punti di riferimento.

I residenti hanno detto che le zone occidentali della città sono state sottoposte ad intensi bombardamenti nella notte tra lunedì e martedì.

Martedì l’esercito israeliano ha smentito le notizie secondo cui i proiettili dei suoi carri armati avrebbero colpito un altro campo ad Al-Mawasi, sulla costa occidentale di Rafah, uccidendo almeno 21 persone secondo i funzionari locali.

I video dell’incidente pubblicati sui social media e analizzati da BBC Verify hanno mostrato diverse persone gravemente ferite.

Israele insiste sul fatto che la vittoria nella guerra di sette mesi contro Hamas a Gaza è impossibile senza la presa di Rafah e ha respinto gli avvertimenti secondo cui ciò potrebbe avere conseguenze umanitarie catastrofiche.

Le Nazioni Unite affermano che circa un milione di persone sono fuggite dai combattimenti a Rafah, ma probabilmente altre centinaia di migliaia si stanno ancora rifugiando lì.

Le forze di difesa israeliane hanno iniziato quelle che hanno definito operazioni di terra “mirate” contro i militanti e le infrastrutture di Hamas nella parte orientale di Rafah il 6 maggio.

Da allora, carri armati e truppe sono gradualmente penetrati nelle aree edificate orientali e centrali, spostandosi anche verso nord lungo il confine di 13 chilometri con l’Egitto.

Israele ha lanciato una campagna militare a Gaza per distruggere Hamas in risposta all’attacco transfrontaliero del movimento al sud di Israele il 7 ottobre, durante il quale circa 1.200 persone sono state uccise e altre 252 prese in ostaggio.

Secondo il Ministero della Sanità diretto da Hamas, da allora a Gaza sono state uccise almeno 36.090 persone.