Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elezioni in Sud Africa 2024: una nazione divisa va alle urne

Elezioni in Sud Africa 2024: una nazione divisa va alle urne

Fonte immagine, Kayla Hermansen/BBC

Commenta la foto, Valdella Petersen ha trasformato quello che un tempo era il bagno di un ospedale nella sua casa

  • autore, Barbara Plett Asher
  • Ruolo, Corrispondente della BBC Africa, Città del Capo

Una bella stanza un tempo era un obitorio; La casa di Feldila era un bagno; Bevil’s – Uno studio medico dove è venuto a ricevere i farmaci per il diabete.

Sono tutti seduti in un ospedale abbandonato a Città del Capo, in Sud Africa, e protestano contro ciò che vedono come il fallimento del governo nel fornire alloggi a prezzi accessibili.

La fine dell’apartheid ha portato a tutti i diritti politici e le libertà. Ma alla vigilia delle settime elezioni democratiche del Paese, una persistente disuguaglianza continua a dividere il Paese.

In molti casi, le politiche abitative dell’African National Congress, al potere, hanno inavvertitamente rafforzato la geografia dell’apartheid, invece di invertirla.

Sette anni fa, gli attivisti appartenenti al movimento chiamato “Reclaim the City” occuparono l’ospedale di Woodstock nel cuore della notte.

L’obiettivo era quello di impossessarsi delle proprietà vicine al centro della città, dice uno dei leader, Beville Lucas, perché l’accesso al lavoro e ai servizi da esso forniti era fondamentale per correggere i mali della segregazione.

Ha detto alla BBC che una “nuova forma di apartheid economico” ha sostituito le leggi razziste che mantenevano i neri e i colori (come sono conosciuti i sudafricani di razza mista) intrappolati nella povertà nelle città alla periferia di Città del Capo.

“I poveri e i deboli in generale sono stati relegati alla periferia della città”.

Ora hanno il diritto di spostarsi ma non possono permettersi gli alti affitti richiesti dai promotori immobiliari del centro.

Per Jamila Davids, la posizione era tutto.

“Mi sono trasferita qui a causa di mio figlio autistico”, dice. “Va a scuola dietro l’angolo. Era molto vicino per lui. È tutto lì. E ha prosperato.”

Si stabilì con la sua famiglia nell’ex ufficio dell’obitorio dell’ospedale.

Fonte immagine, Kayla Hermansen/BBC

Commenta la foto, Lo slogan “Riprendiamoci la città” adorna il muro dell’ospedale occupato

“Vengo cacciata circa 10 volte l’anno”, mi ha detto.

“Ma vivere in questa professione mi ha dato l’opportunità di migliorare la mia vita, sono più libero di fare quello che devo fare, ed è anche molto più vicino alla città. È come tornare a casa.”

Le autorità cittadine hanno raggiunto un accordo secondo cui il sito può essere sviluppato per scopi residenziali, ma descrivono gli attuali inquilini come occupanti illegali e dicono che devono andarsene prima che inizi lo sviluppo.

L’ANC salì al potere trent’anni fa con una Carta della Libertà che prometteva alloggi per le popolazioni private di alloggi sicuri e confortevoli a causa dell’apartheid. Da allora, ne ha costruiti più di tre milioni e ha ceduto la proprietà gratuitamente o in affitto a tassi inferiori a quelli di mercato.

Ma gli elenchi delle case statali sono ancora lunghi: la signora Davids aspetta da quasi 30 anni e la signora Petersen aspetta ancora di più.

La maggior parte è stata costruita lontano dal centro della città, dove i terreni erano più economici, non riflettendo la pianificazione spaziale dell’apartheid che ha radicato la disuguaglianza.

Questo è il caso di Città del Capo, afferma Nick Budlender, ricercatore di politica urbana, descrivendola come “probabilmente l’area urbana più isolata del pianeta”.

Era il punto di ingresso per i coloni coloniali e loro lo progettarono in questo modo, dice, con un’inversione di rotta tale da richiedere un intervento deliberato dello stato. Ma “dalla fine dell’apartheid, non è stata costruita una sola unità abitativa a prezzi accessibili nel centro di Città del Capo”.

“Utilizzare un pezzo di terreno nel mezzo di una città che ha una crisi di segregazione così grave per immagazzinare veicoli invece di fornire alloggi… non ha senso dal punto di vista di nessuno”, dice Budlender.

Ci sono segnali di un nuovo approccio. Il governo provinciale, gestito dall’Alleanza Democratica (DA), sta costruendo un modello di “vita migliore” su terreno statale vicino a posti di lavoro e servizi in città.

Il progetto del Parco Conradi sembra essere il sito di un ex ospedale.

La prima fase offre un mix di opzioni con leva finanziaria e opzioni con valore di mercato, mentre la seconda fase è in costruzione.

Il ministro regionale delle Infrastrutture Tertuis Simmers riconosce che ci sono 600.000 persone arretrate in attesa di assistenza abitativa, ma afferma che ci sono piani “ambiziosi” per realizzare 29 progetti simili di edilizia sociale.

Ma i budget sono limitati – sta cercando una partnership con il settore privato – e le tempistiche sono incerte.

L’edilizia abitativa, spesso un tema scottante nelle elezioni, è caduta in fondo alla lista delle priorità politiche.

La dichiarazione del Partito Democratico, il partito ufficiale di opposizione a livello nazionale, non ne fa menzione specifica, né lo fanno altri partiti.

Fonte immagine, Kayla Hermansen/BBC

Commenta la foto, Noliema Titakom dubita che le elezioni possano cambiare la sua vita

Negli stretti vicoli della città di Khayelitsha non manca la speranza per il futuro.

Molti di coloro che vivono nelle tentacolari baracche di lamiera ondulata partono prima dell’alba per recarsi in città a lavorare come facevano i loro genitori e persino i loro nonni.

Il viaggio dura circa 30 chilometri (18 miglia), ma i taxi e i piccoli treni che utilizzano sono costosi, inaffidabili e spesso pericolosi.

Noliema Titakum ha vissuto qui per la maggior parte dei suoi 49 anni. Prende l’acqua dal rubinetto comune alla fine del suo vicolo e usa i bagni pubblici.

Finora la signora Titacum ha messo una X sulla scheda elettorale in ogni elezione, ma “non fa alcuna differenza”, mi ha detto.

“Questa volta non voterò”, dice, inclinando in avanti la sedia per enfatizzare, “perché sono stanca. Perché ho votato prima, ma non ho visto alcun cambiamento. “

La cosa principale a cui pensa sono le prossime piogge invernali che si aspetta allagheranno di nuovo la sua capanna.

Fonte immagine, Kayla Hermansen/BBC

Commenta la foto, Bevil Lucas teme che se la crisi immobiliare non verrà affrontata potrebbe portare a disordini sociali

La delusione dell’African National Congress al governo indica che Hizb ut-Tahrir potrebbe perdere per la prima volta la maggioranza assoluta che controlla dal 1994.

Il terzo partito più grande, l’Economic Freedom Fighters (EFF), sta sfidando quelli che definisce decenni di fallimento dell’ANC offrendo un radicale “salvataggio” per ridistribuire la maggior parte della ricchezza ancora posseduta da una piccola minoranza.

Un nuovo partito, Rise Mzansi, ha sfruttato le continue divisioni a Città del Capo.

“Crediamo che i sudafricani dovrebbero essere in grado di stare più vicini ai loro posti di lavoro”, ha detto recentemente il leader nazionale Songiso Zebe durante una visita elettorale, accusando sia l’Alleanza Democratica che l’ANC di non riuscire a fare questo tipo di pianificazione spaziale per i paesi in rapida crescita. città. esigenze.

L’ascesa di Mzansi deve ancora essere messa alla prova, ma avviene senza il peso dell’abuso di potere che ha ostacolato l’ANC e la corruzione dilagante che ha gettato un’ombra sui suoi decenni di governo.

“I poteri sono strettamente legati al potere della monarchia”, dice Lucas, parlandomi dal suo letto nell’angusto alloggio, la stanza in cui ha consultato il suo medico.

Ex attivista anti-apartheid che non ha mai smesso di battersi per la giustizia sociale, dice di essere deluso dall’esito della lotta, ma insiste che il futuro ha ancora del potenziale.

“Poiché si tratta di un’elezione, c’è speranza, che non esisteva sotto il regime precedente”.

Egli spera ancora che le autorità politiche prestino attenzione alla portata dei bisogni sociali che restano un’eredità dell’apartheid.

“Se non viene affrontato in modo appropriato, potrebbe portare a disordini sociali, gravi disordini sociali”, dice Lucas. “Perché cosa hanno da perdere le persone quando diventano effettivamente dei senzatetto, quando non sono in grado di trovare un riparo?”

Fonte immagine, Getty Images/BBC