Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Google risolve una causa sulla privacy da 5 miliardi di dollari per aver monitorato le persone utilizzando la “modalità di navigazione in incognito” (NPR)

Google risolve una causa sulla privacy da 5 miliardi di dollari per aver monitorato le persone utilizzando la “modalità di navigazione in incognito” (NPR)

Google il 28 dicembre ha accettato di risolvere una causa sulla privacy da 5 miliardi di dollari sostenendo che continuava a spiare le persone che utilizzavano la modalità “incognito” di Chrome – insieme a modalità simili di “navigazione privata” in altri browser – per monitorare… il loro utilizzo di Internet.

Matt Slocum/AP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Matt Slocum/AP

Google il 28 dicembre ha accettato di risolvere una causa sulla privacy da 5 miliardi di dollari sostenendo che continuava a spiare le persone che utilizzavano la modalità “incognito” di Chrome – insieme a modalità simili di “navigazione privata” in altri browser – per monitorare… il loro utilizzo di Internet.

Matt Slocum/AP

SAN FRANCISCO – Google ha accettato di risolvere una causa sulla privacy da 5 miliardi di dollari sostenendo di aver spiato le persone che utilizzavano la modalità “incognito” di Chrome – insieme a modalità “private” simili in altri browser – per monitorare il loro utilizzo di Internet.

La causa collettiva intentata nel 2020 afferma che Google ha indotto in errore gli utenti a credere che non avrebbe monitorato le loro attività online durante l’utilizzo della modalità di navigazione in incognito. La pubblicità e le altre tecnologie utilizzate da Google continuano a indicizzare i dettagli delle visite e delle attività degli utenti sul sito, nonostante l'utilizzo di una navigazione apparentemente “privata”.

I pubblici ministeri hanno anche accusato le attività di Google di aver portato ad una “raccolta inspiegabile di informazioni” su utenti che ritenevano avessero adottato misure per proteggere la loro privacy.

READ  Elon Musk sfida i miliardari, finanzia gruppi che attaccano il suo acquisto su Twitter

L'accordo raggiunto giovedì deve ancora essere approvato da un giudice federale. I termini non sono stati resi noti, ma la causa originariamente chiedeva 5 miliardi di dollari per conto degli utenti; Gli avvocati dei querelanti hanno affermato che si aspettano di presentare alla corte un accordo transattivo definitivo entro il 24 febbraio.

Google non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sull'accordo.