Maggio 18, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati ritengono che ci siano solo due animali che vivono nel Grande Lago Salato.  Si sbagliavano.  Avviso scientifico

Gli scienziati ritengono che ci siano solo due animali che vivono nel Grande Lago Salato. Si sbagliavano. Avviso scientifico

Per decenni si è pensato che il Grande Lago Salato degli Stati Uniti ospitasse ufficialmente solo due animali più grandi di un alveare: i gamberi di salamoia e le mosche di salamoia.

Inoltre i batteri e le alghe si trovano solo nell’acqua del lago, altamente salina.

Ora gli scienziati hanno scoperto una terza forma di vita multicellulare che può anche ingerire una quantità di sale non così gustosa. È rimasto nascosto nel lago per tutto il tempo.

Si chiama rottura dei blocchi di argilla di carbonato di calcio MicrobiCostruiti da microrganismi sul fondo del lago, i ricercatori dell'Università dello Utah hanno confermato ciò che i biologi sospettavano da tempo: ci sono vermi di diverse specie che si dimenano sotto la superficie del lago, lontano dai nostri occhi.

È l'ambiente più salato in cui siano mai stati trovati nematodi. Questo la dice lunga perché i nematodi vivono in ogni ambiente ostile del pianeta.

I biologi Julie Young e Michael Werner hanno guidato il team che ha scoperto i vermi. Nella primavera del 2021, hanno iniziato una caccia aggressiva a queste creature in una zona del lago che è da tre a sei volte più salata dell’oceano.

“All'inizio si trattava solo di raccogliere campioni di clip, ma poi ce ne siamo accorti Microbi“Ne abbiamo raccolto piccoli pezzi, abbiamo cercato di preservarne gli strati e li abbiamo riportati in laboratorio.” Lui spiega Jung.

Laddove altri biologi fallirono, Young e Werner riuscirono.

Utilizzando una potente tecnologia per separare grandi molecole come DNA, RNA e proteine, i biologi hanno identificato nematodi vivi in ​​ciascun sito in cui hanno raccolto campioni.

READ  Questi ricercatori hanno osservato i pesci morti marcire per 70 giorni, per il bene della scienza

“Li ho cercati anch'io, ma non ho cercato negli stessi posti…” Lui dice Il biologo Byron Adams della Brigham Young University, che ha consultato la scoperta.

“Ancora oggi scopriamo cose straordinarie su questo lago che è alle nostre porte da 170 anni.”

I ricercatori sospettano che questi vermi nascosti si nutrano dei batteri che vivono in essi e formano questi tappetini. Può anche proteggere i vermi dal sole e dalla disidratazione quando l'acqua del lago si ritira.

I ricercatori non potevano coltivare nematodi in laboratorio, quindi per scoprire come sopravvivono, il team si è rivolto al nematode più studiato di sempre: Alcuni tipi sono eleganti.

Nel laboratorio anche questa creatura veniva nutrita batteri coli Batteri o batteri che vivono nei tappeti microbici del Grande Lago Salato. I vermi sono stati poi esposti all’acqua del lago, che è 50 volte più salata di quella del lago C. elegans Habitat abituale.

Cinque minuti dopo, i vermi vengono nutriti batteri coli È morto. Ma quelli infettati dai microbi del Grande Lago Salato sono sopravvissuti per più di 24 ore.

“Non ci aspettavamo che funzionasse, ma ha funzionato.” Lui dice Werner.

I risultati suggeriscono che c’è qualcosa in questa dieta speciale che consente ai nematodi del Grande Lago Salato di sopravvivere.

Le analisi genetiche indicano che sono stati raccolti fino a 80 diversi nematodi da siti salmastri e molto salini del lago.

Tre di loro appartengono a un genere che vive nei sedimenti marini e costieri. La stragrande maggioranza del resto non corrispondeva a nessun altro genere o specie conosciuta di nematode.

I ricercatori ritengono che questi nuovi vermi siano tipici del Grande Lago Salato, creatosi dopo un lungo periodo di isolamento riproduttivo.

READ  Due minerali mai visti prima sulla Terra sono stati trovati all'interno di un meteorite di 17 tonnellate

Proprio come abbiamo scoperto questo nuovo habitat e nuove specie, queste rischiano di estinguersi per sempre.

Oggi, il Grande Lago Salato è un semplice guscio di se stesso. Quando l’acqua viene deviata per uso umano e il clima si prosciuga, gli argini si ritirano, esponendo i tappeti microbici agli elementi e aumentando la salinità dell’acqua rimanente. Poiché il lago si è prosciugato, Werner e Jung hanno dovuto abbandonare i kayak e utilizzare le mountain bike per raggiungere alcuni siti in determinate stagioni.

Alcuni scienziati ritengono che il lago abbia meno di cinque anni prima che l'intero ecosistema crolli. Chissà cosa accadrà a quel punto ai suoi vermi.

“C’è un urgente bisogno di comprendere questa comunità essenziale e i limiti della sua abitabilità”. Concludiamo Werner, Young e colleghi.

Lo studio è stato pubblicato in Atti della Royal Society B: Scienze biologiche.