Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati hanno detto che il buco dell’ozono si sta riprendendo.  Uno studio sostiene che questa buona notizia era prematura

Gli scienziati hanno detto che il buco dell’ozono si sta riprendendo. Uno studio sostiene che questa buona notizia era prematura

Servizio di monitoraggio dell’atmosfera di Copernicus

Immagine simulata del buco dell’ozono in ottobre sull’Antartide.



CNN

IL Ripristino dello strato di ozono – che si trova a miglia di distanza dalla Terra e protegge il pianeta dai raggi ultravioletti – è stato celebrato come uno dei più grandi successi ambientali del mondo. Ma in In un nuovo studio pubblicato martedì, alcuni scienziati sostengono che potrebbe non riprendersi mai e che il buco potrebbe espandersi.

I risultati contraddicono le valutazioni ampiamente accettate sullo stato dello strato di ozono, compreso un recente studio sostenuto dalle Nazioni Unite che mostrava che sarebbe tornato ai livelli degli anni ’80 già nel 2040.

Nel 1987, diversi paesi hanno deciso di vietare o eliminare gradualmente l’uso di oltre 100 sostanze chimiche dannose per l’ozono che avevano creato un “buco” nello strato antartico. L’esaurimento è dovuto principalmente all’uso di clorofluorocarburi, o CFC, che erano comuni negli spray aerosol, nei solventi e nei refrigeranti.

Questo divieto, concordato nell’ambito del Protocollo di Montreal, è ampiamente considerato efficace nel favorire il ripristino dello strato di ozono.

Ma il buco, che cresce sopra l’Antartide durante la primavera per poi ridursi nuovamente in estate, ha raggiunto dimensioni record tra il 2020 e il 2022, spingendo gli scienziati neozelandesi a indagare sulle cause.

In un articolo pubblicato sulla rivista Nature Communications, hanno scoperto che i livelli di ozono sono diminuiti del 26% dal 2004 nel nucleo del buco sorgivo antartico.

“Ciò significa che il buco non solo è rimasto grande in termini di area, ma è anche diventato più profondo [i.e. has less ozone] “Durante gran parte della primavera antartica”, ha detto Hannah Kessenich, dottoranda presso l’Università di Otago e autrice principale dello studio.

READ  Scopri i segreti di un mondo vicino, grande quanto la Terra

“I buchi dell’ozono particolarmente longevi nel periodo 2020-2022 si inseriscono direttamente in questo quadro, poiché la dimensione/profondità del buco nel mese di ottobre è stata particolarmente notevole in tutti e tre gli anni”.

Per giungere a questa conclusione, gli scienziati hanno analizzato il comportamento dello strato di ozono da settembre a novembre utilizzando uno strumento satellitare. Hanno utilizzato dati storici per confrontare questo comportamento e il cambiamento dei livelli di ozono e misurare i segnali di recupero dell’ozono. Hanno quindi cercato di determinare cosa stesse determinando questi cambiamenti.

Hanno scoperto che la riduzione dell’ozono e l’approfondimento del buco erano il risultato di cambiamenti nel vortice polare antartico, un vasto vortice di aria a bassa pressione e molto fredda, alto sopra l’Antartide.

Gli autori dello studio non sono andati oltre ad esplorare le ragioni di questi cambiamenti, ma hanno riconosciuto che anche molti fattori potrebbero contribuire alla riduzione dello strato di ozono, compreso l’inquinamento che riscalda il pianeta; piccole particelle sospese nell’aria emesse da incendi boschivi e vulcani; E cambiamenti nel ciclo solare.

“Nel complesso, i nostri risultati rivelano che i recenti grandi buchi dell’ozono potrebbero non essere causati esclusivamente dai CFC”, ha affermato Kesinich. “Quindi, mentre il Protocollo di Montreal ha avuto indiscutibilmente successo nel ridurre i CFC nel tempo e nel prevenire catastrofi ambientali, i persistenti buchi dell’ozono nell’Antartide appaiono strettamente legati ai cambiamenti nelle dinamiche atmosferiche”.

Alcuni scienziati mettono in dubbio i risultati dello studio, che si basa fortemente sui buchi osservati dal 2020 al 2022 e utilizza un breve periodo – 19 anni – per raggiungere conclusioni sulla salute a lungo termine dello strato di ozono.

READ  Lo studio indica che il nucleo interno della Terra potrebbe aver smesso di ruotare e potrebbe invertirsi

“La letteratura esistente ha già trovato le ragioni di questi grandi buchi nell’ozono: il fumo degli incendi del 2019 e l’eruzione vulcanica (La Soufriere), nonché la relazione generale tra la stratosfera polare e l’oscillazione meridionale di El Niño”, ha affermato Martin Joker, un scienziato presso l’Università della California. Lo ha detto al Science Media Centre il Centro di ricerca sui cambiamenti climatici dell’Università del Nuovo Galles del Sud in Australia.

“Sappiamo che durante gli anni della Niña, il vortice polare nella stratosfera tende ad essere più forte e più freddo del normale, il che significa che anche le concentrazioni di ozono saranno più basse durante quegli anni. Gli anni 2020-22 hanno visto un raro triplo evento della Niña, ma no. Questa relazione non è mai stata menzionata nello studio.

Ha osservato che gli autori dello studio hanno affermato di aver rimosso due anni dai dati – 2002 e 2019 – per garantire che “eventi straordinari” non distorcessero i loro risultati.

“È stato dimostrato che questi eventi riducono significativamente le dimensioni del buco dell’ozono, quindi includerli probabilmente avrebbe annullato qualsiasi tendenza negativa a lungo termine”, ha affermato.