Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Esclusiva: Tesla interrompe la maggior parte della produzione nello stabilimento di Shanghai, interrompe le vendite di aprile

Esclusiva: Tesla interrompe la maggior parte della produzione nello stabilimento di Shanghai, interrompe le vendite di aprile

Le auto Tesla Model 3 di fabbricazione cinese vengono viste durante una cerimonia di consegna presso la fabbrica della casa automobilistica di Shanghai, Cina, il 7 gennaio 2020. REUTERS/Ali Song

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • La fabbrica produrrà meno di 200 auto martedì – appunto
  • La fabbrica ha smesso di funzionare a causa di problemi di fornitura – fonti
  • Le politiche COVID della Cina pongono sfide per i produttori

SHANGHAI, 10 maggio (Reuters) – Tesla Corporation (TSLA.O) Ha interrotto la maggior parte della sua produzione nel suo stabilimento di Shanghai a causa di problemi di fissaggio dei componenti per le sue auto elettriche, secondo una nota interna vista da Reuters, l’ultima di una serie di difficoltà che lo stabilimento sta affrontando.

I dati della China Passenger Car Association (CPCA) hanno mostrato martedì che le vendite della casa automobilistica cinese sono effettivamente diminuite del 98% ad aprile rispetto al mese precedente, sottolineando i danni causati dal duro blocco del coronavirus in Cina.

Shanghai è entrata nella sua sesta settimana di un intenso blocco che ha messo alla prova la capacità dei produttori di operare in mezzo a severe restrizioni alla circolazione di persone e materiali.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Tesla prevedeva di produrre meno di 200 auto nel suo stabilimento in città martedì, secondo la nota, ben al di sotto di circa 1.200 unità al giorno poco dopo la riapertura il 19 aprile dopo una chiusura di 22 giorni.

Tesla non ha risposto a una richiesta di commento.

READ  Xi incontra Putin durante il primo viaggio fuori dalla Cina dall'inizio del coronavirus

L’autorità ha affermato che dopo la riapertura della fabbrica, la fabbrica ha prodotto 10.757 auto entro la fine di aprile, di cui 1.512 vendute.

Ciò rispetto alle 65.814 auto vendute a marzo, il conteggio delle vendite più basso da aprile 2020, quattro mesi dopo che lo stabilimento ha iniziato a consegnare auto prodotte in Cina.

I dati hanno mostrato che Tesla non ha esportato Model 3 e Model Y di fabbricazione cinese dalla sua fabbrica di Shanghai ad aprile.

Due persone che hanno familiarità con le operazioni di Tesla hanno affermato in precedenza che lo stabilimento di Shanghai ha interrotto le operazioni lunedì dopo aver lottato per acquistare forniture.

La società mirava ad aumentare la produzione nello stabilimento a 2.600 veicoli al giorno il prima possibile la prossima settimana, secondo quanto riportato in precedenza da Reuters. Leggi di più

Il CPCA ha affermato che le vendite totali di autovetture in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, sono diminuite di quasi il 36% ad aprile rispetto all’anno precedente. Tuttavia, le vendite di auto a batteria e ibride plug-in – una categoria che la Cina ha come obiettivo di stimolo – sono aumentate di oltre il 50%, sostenute da una performance particolarmente buona di BYD. (002594.SZ) e SAIC-GM-Wuling (GM.N)E (600104.SS).

Un’altra associazione automobilistica ha stimato la scorsa settimana che le vendite totali di auto in Cina sono diminuite del 48% ad aprile, poiché i blocchi hanno chiuso le fabbriche, limitato il traffico agli showroom e fissato un limite alla spesa.

Le autorità di Shanghai hanno inasprito il blocco in tutta la città imposto più di un mese fa al centro commerciale di 25 milioni di persone, una mossa che potrebbe estendere le restrizioni alla circolazione per tutto il mese.

(Segnalazione di Zhang Yan e Brenda Goh) Segnalazione aggiuntiva di Sophie Yu. Montaggio di Stephen Coates, Kirsten Donovan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.