Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La guerra tra Israele e Gaza: Biden svela una proposta israeliana per porre fine al conflitto

La guerra tra Israele e Gaza: Biden svela una proposta israeliana per porre fine al conflitto

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato: “È ora di porre fine a questa guerra”.

Il presidente americano Joe Biden ha esortato Hamas ad accettare la nuova proposta israeliana per porre fine al conflitto a Gaza, affermando che “è ora di porre fine a questa guerra”.

La proposta in tre parti inizierebbe con un cessate il fuoco di sei settimane in base al quale le forze di difesa israeliane si ritirerebbero dalle aree popolate di Gaza.

Ci sarà anche un “aumento” degli aiuti umanitari, così come lo scambio di alcuni ostaggi con prigionieri palestinesi.

L’accordo alla fine porterebbe ad una “cessazione permanente delle ostilità” e ad un importante piano di ricostruzione a Gaza.

  • autore, Bernd Debusmann Jr. e Tom Bateman
  • Ruolo, Notizie della BBC, Washington

Hamas ha affermato di considerare la proposta “positivamente”.

Parlando venerdì alla Casa Bianca, Biden ha affermato che la prima fase del piano proposto includerebbe un “cessate il fuoco pieno e completo”, il ritiro delle forze dell’esercito israeliano dalle aree popolate e lo scambio di ostaggi con prigionieri palestinesi.

“Questo è davvero un momento decisivo”, ha detto. Ha aggiunto: “Hamas dice di volere un cessate il fuoco. Questo accordo rappresenta un’opportunità per dimostrare se lo intende davvero”.

Ha aggiunto che il cessate il fuoco consentirebbe a più aiuti umanitari di raggiungere la Striscia assediata, poiché “600 camion trasportano aiuti a Gaza ogni giorno”.

Tra coloro che hanno esortato Hamas ad accettare la proposta c’era il ministro degli Esteri britannico David Cameron, che ha affermato nel programma X che il gruppo “deve accettare questo accordo in modo da poter vedere la fine dei combattimenti”.

Cameron ha aggiunto: “Abbiamo a lungo sostenuto che la fine dei combattimenti può trasformarsi in una pace duratura se siamo tutti pronti a compiere i passi giusti”. “Cogliamo questo momento e poniamo fine a questo conflitto”.

Anche il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha accolto con favore lo sviluppo in un post su X, precedentemente noto come Twitter. Ha detto che il mondo “è stato testimone di molta sofferenza [and] “È ora di fermare la distruzione di Gaza”, ha detto, “.

“Accolgo [President] Iniziativa di Biden [and] Incoraggiare tutte le parti a cogliere questa opportunità per cessare il fuoco, rilasciare tutti gli ostaggi e garantire il libero accesso umanitario. [and] Ha aggiunto: “In definitiva, una pace duratura in Medio Oriente”.

Biden ha riconosciuto nel suo discorso che i negoziati tra la prima e la seconda fase saranno difficili.

Solo pochi giorni fa, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato di opporsi fermamente alla fine della guerra come parte di un accordo di cessate il fuoco, rendendo particolarmente significativo il riferimento di Biden alla fine della guerra.

La terza fase della proposta vedrebbe la restituzione dei resti finali degli eventuali ostaggi israeliani deceduti, nonché un “grande piano di ricostruzione” con l’assistenza statunitense e internazionale per ricostruire case, scuole e ospedali.

Spiegazione video, Biden esorta Israele a sostenere il piano in tre fasi per Gaza

Biden ha riconosciuto nelle sue osservazioni che alcuni israeliani – compresi funzionari del governo israeliano – probabilmente si opporrebbero alla proposta.

“Ho esortato la leadership israeliana a sostenere questo accordo”, ha detto. “Non importa cosa [political] La pressione arriva.

Il presidente americano si è rivolto direttamente anche al popolo israeliano dicendo: “Non possiamo perdere questo momento”.

In particolare, Biden ha affermato che Hamas è ormai deteriorato al punto che non può più ripetere un attacco come quello effettuato dai suoi combattenti il ​​7 ottobre – un potenziale segnale per gli israeliani che Washington vede la guerra finita.

In una dichiarazione, il primo ministro Netanyahu ha insistito sul fatto che la guerra non finirà finché non saranno raggiunti i suoi obiettivi, compreso il ritorno di tutti gli ostaggi e l’eliminazione delle capacità militari e governative di Hamas. Ha affermato che l’ultimo piano consentirà a Israele di aderire a questi principi.

Da parte sua, Hamas ha affermato di considerare la proposta “positivamente” a causa del suo appello per un cessate il fuoco permanente, il ritiro delle forze israeliane da Gaza, la ricostruzione e lo scambio di prigionieri.

Il gruppo si è detto pronto ad “affrontare in modo positivo e costruttivo” qualsiasi proposta incentrata su un cessate il fuoco permanente, a condizione che “Israele dichiari il suo esplicito impegno in tal senso”.

Un altro funzionario palestinese che ha familiarità con i negoziati e che è stato informato della nuova proposta israeliana ha affermato che il documento non includeva una garanzia che la guerra finisse, né che le forze dell’esercito israeliano sarebbero state completamente ritirate da Gaza.

La proposta è stata trasmessa ad Hamas tramite intermediari in Qatar.

Di fronte all’aumento delle vittime civili a Gaza, il presidente Biden si è trovato di fronte a crescenti critiche interne sul livello di sostegno degli Stati Uniti a Israele e chiede di fare di più per incoraggiare le parti in guerra a negoziare.

Tuttavia, all’inizio di questa settimana la Casa Bianca ha dichiarato di non ritenere che le operazioni israeliane a Rafah costituiscano una “importante operazione di terra” che potrebbe oltrepassare la linea rossa e portare a un potenziale cambiamento nella politica statunitense.

Questa dichiarazione è arrivata dopo un attacco aereo israeliano che domenica ha ucciso almeno 45 palestinesi.

Venerdì, in un annuncio separato, i legislatori statunitensi di entrambe le parti politiche hanno invitato formalmente Netanyahu a parlare al Congresso a Washington.

Non è chiaro quando verrà pronunciato il discorso.

Secondo il Ministero della Sanità diretto da Hamas, dall’inizio del conflitto sono state uccise più di 36.000 persone in tutta Gaza.

La guerra è iniziata in ottobre, quando i militanti di Hamas hanno lanciato un attacco senza precedenti contro Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo in ostaggio altre 252 a Gaza.