Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I ministri della Difesa statunitense e cinese tengono i primi colloqui di persona dal 2022

I ministri della Difesa statunitense e cinese tengono i primi colloqui di persona dal 2022

Il segretario alla Difesa americano Lloyd J. Austin III e il ministro della Difesa cinese hanno tenuto venerdì i primi colloqui diretti in 18 mesi, esplorando i primi passi per gestire le tensioni militari nonostante le loro posizioni opposte su Taiwan e sul Mar Cinese Meridionale. E altre controversie.

L’incontro di 75 minuti a Singapore tra Austin e l’ammiraglio Dong Jun, il suo omologo cinese, è avvenuto dopo che una serie di funzionari dell’amministrazione Biden si erano recati a Pechino per discutere sugli squilibri commerciali, sulle restrizioni statunitensi al commercio tecnologico con la Cina e sul sostegno cinese alla Russia. durante la guerra contro l’Ucraina e altre fonti di stress.

Il presidente Biden ha sottolineato che gli Stati Uniti e la Cina devono rimanere in contatto ad alto livello per evitare potenziali crisi. Tuttavia, le questioni militari rimangono l’area di tensione più difficile tra i due paesi e dove le differenze potrebbero trasformarsi in conflitto, soprattutto nel Pacifico, dove le loro navi e aerei militari sono vicini tra loro.

Il signor Austin e l’ammiraglio Dong hanno discusso le possibili misure per evitare che incidenti o problemi di comunicazione sfocino in un conflitto. Il Pentagono ha affermato che Austin aveva già suggerito di organizzare delle telefonate tra i leader militari cinesi e americani nei prossimi mesi e ha accolto con favore l’intenzione di convocare un gruppo di lavoro sulle comunicazioni di crisi entro la fine dell’anno. Dichiarazione sui colloqui.

“Il segretario Austin ha sottolineato l’importanza di mantenere aperte le linee di comunicazione militare tra gli Stati Uniti e la Repubblica popolare cinese”, ha affermato il Pentagono, riferendosi alla Repubblica popolare cinese.

Alti funzionari del Pentagono hanno detto ai giornalisti che Austin ha presentato una proposta al comandante del Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti, l’ammiraglio Samuel J. Paparo Jr., per telefonare ai suoi omologhi cinesi. Le forze armate cinesi e statunitensi hanno istituito nel 2020 un gruppo di lavoro sulle comunicazioni di crisi per discutere idee per disinnescare potenziali conflitti, ma Il gruppo si è riunito solo una volta.

READ  L'ONU chiede a Putin di estendere l'accordo sul grano del Mar Nero in cambio delle risorse di accesso di SWIFT

Il portavoce del ministero della Difesa cinese, il colonnello Wu Qian, ha detto che l’ammiraglio Dong e il signor Austin “hanno concordato di tenere più comunicazioni e scambi nella fase successiva”, ma il colonnello Wu è apparso più cauto riguardo ai tempi di eventuali chiamate tra i due paesi. Leader e una nuova riunione del Crisis Communications Group.

“I dipartimenti competenti dei nostri due eserciti si stanno coordinando e comunicando a riguardo”, ha detto quando gli è stato chiesto delle chiamate.

La rivalità militare tra Cina e Stati Uniti e le preoccupazioni per gli incidenti in mare che si trasformano in una crisi sono radicate in controversie di lunga data che non possono essere facilmente risolte. Questi includono la rivendicazione della Cina su Taiwan, l’isola democratica che fa affidamento sugli Stati Uniti per la sua sicurezza, e la rivendicazione sempre più assertiva di Pechino su vaste aree del Mar Cinese Meridionale, che ha allarmato i suoi vicini.

Pentagono Come hanno avvertito i funzionari Gli aerei e le navi militari dell’EPL sono diventati sempre più aggressivi e sconsiderati nell’inseguire e molestare le navi e gli aerei militari statunitensi che volano vicino alla Cina, insieme a quelli di alleati come l’Australia, spesso per raccogliere informazioni.

Il signor Austin ha fatto pressioni sull’ammiraglio Dong riguardo alle attività militari cinesi intorno a Taiwan. Austin ha inoltre osservato che gli Stati Uniti continueranno a inviare navi e aerei militari nello spazio aereo internazionale e nei mari vicini alla Cina, nonostante le ripetute molestie da parte dell’esercito cinese.

“Il Segretario ha chiarito che gli Stati Uniti continueranno a volare, navigare e operare – in modo sicuro e responsabile – ovunque il diritto internazionale lo consenta”, si legge in una sintesi dei colloqui del Pentagono.

“La Cina crede che essere in grado di navigare non significa essere in grado di imbattersi nel caos”, ha detto ai giornalisti il ​​colonnello Wu. Ha aggiunto: “Crediamo che la sicurezza sia reciproca e ciò non significa consentire a una parte di godere di una sicurezza assoluta a spese dell’altra”.

Per più di due anni, il Pentagono si è concentrato sul sostegno all’Ucraina e sul contenimento dei rischi in Medio Oriente mentre le forze israeliane combattono Hamas. Ma la crescente potenza militare della Cina rimane la “sfida” agli occhi dei pianificatori del Pentagono: un cambiamento strutturale a lungo termine che, se mal gestito, potrebbe spingere gli Stati Uniti in guerra con un’altra potenza dotata di armi nucleari.

Gli Stati Uniti hanno di gran lunga il più grande esercito del mondo. Il budget del Pentagono rimane Circa tre volte la sua dimensione La spesa militare annuale della Cina, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute.

Ma Pechino non ha gli stessi impegni e operazioni globali dell’esercito americano, e si è concentrata sulla proiezione del potere in Asia, in particolare verso Taiwan e oltre i mari, dove Pechino è bloccata in controversie territoriali con i vicini, dal Giappone all’Indonesia.

L’ammiraglio Dung ha assunto la carica di ministro della Difesa alla fine dello scorso anno dopo che il suo predecessore era improvvisamente scomparso, apparentemente implicato in ampie indagini sulla corruzione o altri crimini nell’Esercito popolare di liberazione. È considerato privo della capacità di prendere importanti decisioni strategiche.

“Non è un membro della Commissione militare centrale, per non parlare del Politburo”, ha detto Drew Thompson, uno studioso senior in visita presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy dell’Università Nazionale di Singapore, riferendosi ai due massimi livelli di governo del paese. energia. Partito Comunista Cinese.

“Questa è un’opportunità per le due parti di condividere solidi punti di discussione”, ha affermato Thompson, che in precedenza ha servito come funzionario del Pentagono con rapporti con l’esercito cinese.

READ  Pita Edu: il ministro della povertà della Nigeria ha sospeso i soldi sul conto bancario personale

Il predecessore dell’ammiraglio Dong, il generale Li Changfu, era soggetto a sanzioni statunitensi e l’anno scorso si rifiutò di tenere colloqui con Austin a Singapore. Il signor Austin e l’ex ammiraglio Dong Parla tramite collegamento video in Aprile. Austin ha avuto l’ultimo colloquio diretto con il ministro della Difesa cinese nel 2018 Novembre 2022Quando incontrò il generale Wei Fenghe in Cambogia.

Riassumendo i recenti colloqui, il colonnello Wu ha pronunciato una frase familiare: “È meglio incontrarsi e parlare che non incontrarsi”.

Il presidente filippino Ferdinand Marcos Jr. ha sottolineato i rischi regionali, intervenendo allo stesso forum sulla sicurezza a Singapore, dove Austin e l’ammiraglio Dung si sono incontrati a margine.

Filippine e Cina sono in disaccordo sulle loro rivendicazioni concorrenti nel Mar Cinese Meridionale, in un’area che Manila chiama Mar delle Filippine occidentali. Alla domanda se le Filippine cercheranno l’appoggio degli Stati Uniti in base al Trattato di Mutua Difesa nel caso in cui una nave cinese provochi la morte di un marinaio filippino, Marcos ha espresso le sue aspettative.

“Se un cittadino filippino viene ucciso con un atto deliberato, penso che sia molto, molto vicino a quello che chiamiamo un atto di guerra”, ha detto davanti a un pubblico di diplomatici e funzionari della difesa durante l’incontro noto come Shangri-La. -Nessun dialogo. Ha aggiunto che le Filippine “risponderanno di conseguenza, e credo che anche i nostri partner del trattato siano tenuti allo stesso standard”.

Dopo il discorso di Marcos, la delegazione cinese presente all’incontro ha organizzato una conferenza stampa a tarda notte per denunciare le sue dichiarazioni e mettere in guardia contro le interferenze americane.

“Ci opponiamo fermamente all’interferenza di paesi esterni alla regione nella questione del Mar Cinese Meridionale”, ha detto ai giornalisti il ​​tenente generale He Li, ex vicepresidente dell’Accademia delle scienze militari dell’Esercito popolare di liberazione. “Non lasceremo mai entrare il lupo in casa.”