Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esercito congolese afferma di aver sventato un tentativo di colpo di stato.  Una figura dell’opposizione che vive in esilio minaccia il presidente

L’esercito congolese afferma di aver sventato un tentativo di colpo di stato. Una figura dell’opposizione che vive in esilio minaccia il presidente

Kinshasa, Congo (AFP) – Congo L’esercito congolese ha annunciato di aver sventato un tentativo di colpo di stato domenica mattina presto e di aver arrestato i suoi autori, tra cui diversi stranieri, in seguito agli attacchi al palazzo presidenziale e alla residenza di uno stretto alleato della Repubblica Democratica del Congo. Presidente Uccisione di tre persone nella capitale Kinshasa.

Inizialmente, i media locali hanno identificato gli uomini armati come soldati congolesi, ma poi hanno riferito che erano collegati a esuli autoimposti. opposizione Il personaggio è Christian Malanga, che in seguito ha pubblicato un video su Facebook minacciando il presidente Felix Tshisekedi.

Malanga è stato ucciso nel palazzo presidenziale dopo aver resistito all’arresto delle guardie, ha riferito il portavoce dell’esercito congolese Brig. Lo ha detto il generale Sylvain Ekeng all’Associated Press.

Era Tshisekedi È stato rieletto presidente A dicembre, in una votazione caotica tra le richieste dell’opposizione di annullare il voto a causa di quella che, secondo loro, era una mancanza di trasparenza. Il paese dell’Africa centrale ha visto in passato tendenze simili in elezioni contestate.

Ekeng ha detto domenica alla televisione di stato che il tentativo Regola atipica “È stato stroncato sul nascere dalle forze di difesa e sicurezza congolesi (e) la situazione è sotto controllo”. Gli autori del reato includevano tre americani, incluso il figlio di Malanga, ha detto in seguito Ekeng all’AP.

Ciò è avvenuto anche nel contesto di una crisi che ha scosso il partito al potere di Tshisekedi riguardo alle elezioni parlamentari per la leadership, che avrebbero dovuto svolgersi sabato ma sono state rinviate.

READ  La seconda morte improvvisa di un alto funzionario della catena di approvvigionamento militare russa è stata segnalata in meno di una settimana

Domenica sono stati segnalati scontri tra uomini in uniforme militare e guardie di Vitale Kamerhe, deputato federale e candidato alla presidenza dell’Assemblea nazionale congolese, nella sua residenza a Kinshasa, a circa 2 chilometri dal palazzo presidenziale e dove erano presenti alcune persone. Si trovano anche le ambasciate.

Le guardie di Kamerhe hanno fermato gli uomini armati, ha detto il portavoce del politico sulla piattaforma social Michel Motu Muhima

Le riprese video della zona sembravano mostrare camion militari e uomini pesantemente armati che camminavano per le strade deserte del quartiere, mentre l’esercito affermava che la situazione era sotto controllo.

Nel frattempo, l’auto-esiliato Malanga è apparso in un video in diretta al palazzo presidenziale circondato da diverse persone in uniforme militare e ha detto: “Felix, sei fuori. Stiamo venendo a prenderti”.

Sul suo sito web, il gruppo del leader dell’opposizione, il Partito Congolese Unito, viene descritto come “una piattaforma di base che unisce la diaspora congolese nel mondo in opposizione all’attuale dittatura congolese”.

Tshisekedi Non si è ancora rivolto al pubblico riguardo agli eventi di domenica.

Venerdì ha incontrato rappresentanti e leader della coalizione al potere, l’Unione della Nazione Santa, nel tentativo di risolvere la crisi che affligge il suo partito, che domina l’Assemblea nazionale. Ha detto che “non esiterà a sciogliere l’Assemblea nazionale e mandare tutti a nuove elezioni se queste cattive pratiche continuano”.

Domenica l’ambasciata americana in Congo ha emesso un allarme di sicurezza, invitando alla cautela dopo “segnalazioni di spari”.

___

Asadu ha riferito da Abuja, Nigeria. Hanno contribuito gli scrittori dell’Associated Press Ruth Alunga a Goma, Congo e Sam Mednick a Tel Aviv.