Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elon Musk definisce gli scioperi “folli” mentre i lavoratori svedesi affrontano Tesla |  Svezia

Elon Musk definisce gli scioperi “folli” mentre i lavoratori svedesi affrontano Tesla | Svezia

Elon Musk ha denunciato un’ondata di scioperi “folli” concentrati nelle officine Tesla in Svezia, dove i lavoratori hanno preso di mira il produttore americano di auto elettriche in uno sciopero che chiedeva diritti di contrattazione collettiva.

In quella che è stata descritta come la più grande battaglia degli ultimi decenni per salvare il modello sindacale svedese dalle pratiche di lavoro globali, il potente sindacato IF Metall ha condotto uno sciopero in otto luoghi di lavoro Tesla in Svezia per cinque settimane.

Questa è la prima volta che i lavoratori della casa automobilistica americana scioperano e giovedì Musk, il miliardario tecnologico e amministratore delegato di Tesla, ha espresso chiaramente i suoi sentimenti: Scrivi su Xin precedenza aveva twittato: “Questo è pazzesco”.

Stava rispondendo a un post sui social media sugli scioperi secondari o di solidarietà da parte dei servizi postali svedesi che bloccavano l’arrivo delle targhe sulle nuove auto Tesla.

IF Metall, che conta più di 300.000 membri nell’industria svedese, ha affermato che “continuerà ad andare avanti”. [with the strikes] Il più a lungo possibile.” Si afferma di aver preso provvedimenti dopo che Tesla si è rifiutata di firmare un contratto collettivo con i suoi membri.

I contratti collettivi, che coprono condizioni quali salario, pensione, orario di lavoro e ferie e implicano, in teoria, che i sindacati e i datori di lavoro regolino il mercato del lavoro piuttosto che lo Stato, sono visti come una pietra angolare del modello di mercato del lavoro svedese.

Sebbene l’adesione ai sindacati in Svezia sia diminuita negli ultimi decenni, molti lavoratori rimangono iscritti ai sindacati e circa nove dipendenti su dieci hanno accordi collettivi.

READ  Le azioni asiatiche crollano a causa della debolezza dei PMI cinesi: mercati in fase di chiusura

Lo sciopero di Tesla ha attirato azioni secondarie da parte di altri otto sindacati e minaccia di estendersi alla vicina Norvegia, dove la più grande federazione del settore privato del paese, Fellesförbundet (Federazione dei sindacati), ha dichiarato di essere pronta ad intraprendere un’azione solidale.

Marie Nilsson, presidente di IF Metall, ha affermato che lo sciopero non è stato solo una lotta per i lavoratori Tesla, ma per proteggere il modello sindacale svedese. “Se consentiamo ad aziende come Tesla di operare senza un contratto collettivo, ciò aprirà la strada ad altre aziende internazionali e ad altri tipi di industrie”, ha affermato. “Potrebbe volerci molto tempo”, ha aggiunto. “Continueremo a lavorare finché ce ne sarà bisogno”.

Lo sciopero è stato sostenuto dai lavoratori dei trasporti e dei porti, che si sono rifiutati di caricare o scaricare le auto Tesla in tutti i porti svedesi; Elettricisti che si sono rifiutati di eseguire interventi di assistenza o riparazione presso le officine Tesla; E stazioni di ricarica e verniciatori che non lavoreranno sui veicoli Tesla. Altri scioperi di solidarietà includono quelli dei lavoratori dei servizi e delle comunicazioni, che hanno smesso di consegnare posta e spedizioni a Tesla.

“Siamo ben preparati per un conflitto a lungo termine”, ha detto il portavoce dell’IF Metall Jesper Petersson.“Sfortunatamente al momento non abbiamo colloqui in corso con Tesla Sweden, ma come sempre siamo pronti ad avere ulteriori colloqui il prima possibile.”

Questa misura sembra influenzare le aziende esterne a Tesla. Poco dopo l’inizio dello sciopero di Tesla, la società svedese di pagamenti globale Klarna ha firmato un contratto collettivo, scongiurando uno sciopero programmato nella sua sede di Stoccolma.

READ  I migliori regali per i genitori che non vogliono niente

Successivamente, Sebastian Siemiatkowski, cofondatore e amministratore delegato di Klarna, ha fatto riferimento al modello svedese, affermando: “Sono convinto che trarremo vantaggio da questo accordo e che Klarna può contribuire a rafforzare il modello svedese dall’interno”.

Salta la precedente promozione della newsletter

Una nave sull’autostrada di Malaga si è arenata mentre i lavoratori portuali impediscono il carico dei veicoli Tesla a Malmö. Fotografia: Agenzia di stampa TT – Reuters

Alcuni commentatori hanno suggerito che l’azione di Tesla potrebbe avviare colloqui con la divisione svedese di Spotify, la società di streaming, che all’inizio di quest’anno si era ritirata dalle trattative su un contratto collettivo, dicendo che non credeva che avrebbe “aggiunto alcun valore”. Tesla. dipendenti.

In Norvegia, dove Fellesförbundet afferma che si sono organizzati circa 500 dipendenti Tesla, il leader sindacale Jørn Eggum ha affermato che vieterà alle Tesla svedesi di entrare nel paese. “La Norvegia non dovrebbe essere un paese di transito per Tesla per farla franca dopo aver interrotto lo sciopero”, ha detto alla radio NRK all’inizio di questo mese. “Dobbiamo ritenere Tesla responsabile e farla rispettare i contratti collettivi nei paesi europei in cui opera”.

Jesper Hammark, ricercatore di storia economica e ricercatore in visita presso l’Università di Göteborg, ha affermato che lo sciopero serviva a difendere il modello scandinavo contro il modello americano.

Confrontandolo con gli scioperi del 1995 a Toys R Us, vinti dai sindacati, ha detto: “Penso che Tesla non rimarrà in Svezia senza un accordo collettivo. Il sindacato vincerà. Ho difficoltà a vedere i sindacati piegarsi. La domanda è molto importante.”

Tesla non ha risposto immediatamente alle richieste di commento. Spotify ha rifiutato di commentare.