Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’Agenzia internazionale per l’energia avverte che i produttori di petrolio si trovano ad affrontare un “momento della verità” sugli investimenti verdi

L’Agenzia internazionale per l’energia avverte che i produttori di petrolio si trovano ad affrontare un “momento della verità” sugli investimenti verdi

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I produttori di petrolio e gas devono spendere circa la metà dei loro investimenti annuali in progetti di energia pulita entro il 2030 per allinearsi agli obiettivi climatici globali, ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia.

Il garante dell’energia occidentale ha anche avvertito le compagnie petrolifere e del gas che investono in nuovi progetti di cattura del carbonio che la tecnologia non sostituirà la riduzione delle emissioni e “non potrà essere utilizzata per mantenere lo status quo”.

L’IEA ha affermato che i produttori di petrolio e gas rappresentano solo l’1% degli investimenti globali nell’energia verde e l’anno scorso hanno impegnato il 2,5%, ovvero 20 miliardi di dollari, del loro capitale nel settore, il che significa che dovranno attuare un massiccio cambiamento strategico entro il 2030. .

Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, ha affermato che l’industria del petrolio e del gas sta affrontando un momento di verità alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) a Dubai, riferendosi alla conferenza internazionale sul clima che inizierà il 30 novembre.

“Con il mondo che vacilla a causa degli effetti del peggioramento della crisi climatica, continuare a fare affari come al solito non è socialmente o ambientalmente responsabile”.

L’ultimo intervento dell’AIE è il più duro dell’agenzia poiché ha scioccato l’industria dei combustibili fossili nel 2021 affermando che non ci sarebbe spazio per nuovi progetti di esplorazione di petrolio e gas se gli obiettivi climatici fossero raggiunti.

L’IEA è stata istituita sulla scia dell’embargo petrolifero arabo del 1973 per fornire consulenza sulla sicurezza energetica, con membri provenienti da paesi OCSE tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Giappone.

READ  Granholm invita i dirigenti dell'energia a fornire un'offerta eccessiva tra le critiche alle politiche di Biden

Il suo ultimo rapporto afferma che i produttori di petrolio e gas dovranno allocare metà del loro budget annuale di capitale a progetti di energia pulita entro il 2030 se vogliono rispettare l’accordo sul clima di Parigi del 2019, che mira a limitare il riscaldamento globale al di sotto di 2 gradi Celsius e idealmente a 1,5. °C. C sopra i livelli preindustriali.

La BP ha rivendicato la leadership tra i principali produttori di petrolio che cercano di ridurre le emissioni, affermando che nel 2030, circa il 50% della spesa in conto capitale del gruppo sarà destinata ad attività di “transizione”, compresa la ricarica di veicoli elettrici e l’attività che copre le stazioni di rifornimento.

Ma quest’anno il gruppo petrolifero ha rallentato i suoi piani di riduzione delle emissioni e ridotto il ritiro da petrolio e gas, in un contesto di aumento dei profitti petroliferi.

Le due gigantesche società statunitensi, Chevron ed Exxon Mobil, si sono rifiutate di investire nella propria produzione di energia rinnovabile e si sono invece concentrate su tecnologie a basse emissioni di carbonio come l’idrogeno, la cattura e lo stoccaggio del carbonio e i biocarburanti.

Quest’anno Chevron spenderà solo 2 miliardi di dollari del suo budget di spesa in conto capitale di 14 miliardi di dollari in investimenti a basse emissioni di carbonio. Exxon ha dichiarato lo scorso dicembre che prevede di spendere un totale di 17 miliardi di dollari in iniziative di riduzione delle emissioni entro la fine del 2027, mentre la spesa in conto capitale annuale rimarrà compresa tra 20 e 25 miliardi di dollari durante questo periodo.

Shell ha dichiarato che prevede di investire circa cinque miliardi di dollari in media all’anno tra il 2023 e il 2025 in energia a basse emissioni di carbonio, rispetto a una spesa in conto capitale totale compresa tra 22 e 25 miliardi di dollari all’anno nel 2024 e 2025.

READ  Le azioni di Hong Kong hanno guadagnato oltre il 5% con il rialzo dei mercati asiatici dopo il rapporto sull'inflazione statunitense

La società francese Total Energy ha dichiarato di voler destinare il 33% delle sue spese in conto capitale tra il 2023 e il 2028, ovvero circa cinque miliardi di dollari all’anno, verso investimenti considerati a basse emissioni di carbonio.

Molti produttori di petrolio e gas si sono ritirati dai loro impegni in materia di energia pulita negli ultimi due anni, a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio e del gas e delle preoccupazioni sulla sicurezza energetica innescate dall’invasione totale dell’Ucraina da parte della Russia.

Birol ha affermato che le compagnie petrolifere sono state lente nell’investire nell’energia pulita perché “non vedono che ne trarranno profitto”, ma ha anche affermato che i rendimenti sui combustibili fossili sono meno stabili e solo leggermente superiori a quelli dell’energia pulita.

L’Agenzia internazionale per l’energia ha stimato che il rendimento del capitale utilizzato nell’industria del petrolio e del gas oscillerà tra il 6% e il 9% tra il 2010 e il 2022, rispetto al 6% per i progetti di energia pulita.

Birol ha aggiunto che le aziende devono “abbandonare l’illusione che catturare quantità irragionevolmente grandi di carbonio sia la soluzione”, con l’avvertimento dell’AIE che le politiche attuali richiederebbero la cattura di un “inimmaginabile” 32 miliardi di tonnellate di carbonio all’anno entro il 2050.

“L’industria deve impegnarsi per aiutare veramente il mondo a soddisfare i propri bisogni energetici e gli obiettivi climatici”, ha affermato.

Reporting aggiuntivo di Jamie Smith a New York