Luglio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cosa sono quei punti rossi che emergono dal sole durante un'eclissi?  – NBC 5 Dallas-Fort Worth

Cosa sono quei punti rossi che emergono dal sole durante un'eclissi? – NBC 5 Dallas-Fort Worth

Hai visto quelle aree rosse attorno al sole durante l'eclissi solare totale di lunedì?

Quelli sono chiamati Rilievo solare. Sebbene sembrino fatte di fuoco, in realtà sono esplosioni di plasma, un gas caldo composto da idrogeno ed elio caricati elettricamente, che si estende verso l'esterno dalla superficie del Sole.

Gli accrescimenti solari scorrono lungo il campo magnetico generato dal Sole e possono durare mesi. Queste protuberanze possono estendersi nello spazio fino a 200.000 miglia, all'incirca la distanza tra la Terra e la Luna, ovvero circa 28 volte il diametro del nostro pianeta.

Eclissi totale, catturata fuori dagli studi di NBC 5/Telemundo 39 lunedì 8 aprile 2024.

Quindi, qual è la differenza tra una protuberanza e un brillamento solare, o CME?

Le protuberanze si basano sulla fotosfera solare, il livello più basso dell'atmosfera solare, e non vengono espulse nello spazio.

La NASA ha affermato che i brillamenti solari sono gigantesche esplosioni di raggi X ed energia che vengono rilasciati dal sole nello spazio alla velocità della luce. Viaggiando a questa velocità, i brillamenti solari possono raggiungere la Terra in circa otto minuti e possono disturbare i satelliti e le comunicazioni nell’atmosfera terrestre.

Formazione medica continua Anch'essi vengono lanciati nello spazio, ma sono più lenti dei razzi e viaggiano a circa il 5% della velocità della luce, ovvero circa 9.300 miglia al secondo. A questa velocità, potrebbero essere necessari da uno a tre giorni affinché un’espulsione coronale raggiunga la Terra.

Quando la nube CME di particelle elettricamente cariche passa davanti alla Terra, alcune di esse sono attratte dai poli magnetici e interagiscono con gli atomi e le molecole della nostra atmosfera, provocando l’aurora boreale nell’emisfero settentrionale e l’aurora meridionale nell’emisfero australe.

Le protuberanze che rimangono attaccate al Sole non hanno alcun effetto sulla Terra.

READ  Un Boeing Starliner attracca per la prima volta alla Stazione Spaziale Internazionale