Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cosa potrebbe comportare il pesante bombardamento tardivo sulla superficie terrestre?

Cosa potrebbe comportare il pesante bombardamento tardivo sulla superficie terrestre?

Ingrandire / Ogni pannello mostra gli effetti tipici del primo bombardamento della Terra. I cerchi mostrano le aree interessate da ciascun impatto, con diametri corrispondenti alla dimensione finale dei crateri da impatto inferiori a 100 km di diametro. Per impatti più grandi, la dimensione del cerchio corrisponde alla dimensione dell'area sepolta dalla fusione risultante dall'impatto. La codifica a colori indica la tempistica degli effetti. Gli oggetti più piccoli che colpiscono in questo modello hanno un diametro di 15 km.

Simon Marchi, Istituto di ricerca sud-ovest

Quando si tratta di rocce spaziali che entrano in collisione con la Terra, due si distinguono. C'è quello che uccise i dinosauri 65 milioni di anni fa (addio T. rex, ciao mammiferi!) e quello che formò la luna terrestre. L’asteroide che si precipitò verso la penisola dello Yucatan e spazzò via i dinosauri aveva un diametro di soli 10 chilometri. D'altra parte, il corpo che formò la Luna aveva probabilmente le dimensioni di Marte. Ma tra il massiccio impatto che ha formato la Luna e il relativamente scarso precursore della morte dei dinosauri, la Terra deve essere stata colpita da altri oggetti.

Alla riunione autunnale del 2023 dell’American Geophysical Union, gli scienziati hanno discusso di ciò che hanno scoperto riguardo al modo in cui il nostro pianeta è stato modellato dagli asteroidi che hanno colpito la Terra primordiale, causando di tutto, da Un'enorme fusione copre aree della superficie A Antichi tsunami che hanno devastato il mondo.

Modellazione della fusione

Quando l'oggetto che ha colpito la Luna si è scontrato con la Terra, gran parte del mondo è diventato un mare di roccia fusa chiamato oceano di magma (se non si era già sciolto ). Da quel momento in poi, ha detto, la Terra non avrà più alcun aumento significativo di massa Simone Marchi, uno scienziato planetario del Southwest Research Institute che ha creato modelli computerizzati del primo sistema solare e dei suoi corpi planetari, inclusa la Terra. “Ma questi detriti continuano a volare”, ha detto. Questa fase successiva di accrescimento probabilmente non ha avuto un altro impatto su scala lunare, ma probabilmente includeva l’arrivo di grandi asteroidi. Le previsioni riguardanti le dimensioni e la distribuzione della frequenza di questi detriti spaziali indicano che “dovrebbe esserci un gran numero di oggetti più grandi, diciamo, di 1.000 chilometri di diametro”, ha detto Marchi.

READ  Due società si uniscono a SpaceX nella corsa verso Marte, con potenziale di lancio nel 2024

Sfortunatamente, ci sono poche prove chiare nella documentazione rocciosa di questi impatti fino a circa 3,5 miliardi di anni fa. Quindi scienziati come Marchi possono osservare la Luna per stimare quanti oggetti devono essere entrati in collisione con la Terra.

Armati delle dimensioni e del numero degli impatti, Marchi e i suoi colleghi hanno costruito un modello che descrive, in funzione del tempo, il volume di fusione che dovrebbe risultare da questo impatto sulla superficie terrestre. In passato esistevano oceani di magma, ma impatti maggiori di 100 km di diametro scioglievano comunque molte rocce e devono aver cambiato radicalmente la Terra primordiale.

A differenza degli impatti più piccoli, secondo i modelli, il volume di fusione prodotto da oggetti di queste dimensioni non è localizzato all’interno del cratere. Qualsiasi cratere esiste solo momentaneamente, poiché la roccia è troppo fluida per mantenere qualsiasi tipo di struttura. Marchi lo paragona al lancio di un sasso nell'acqua. “C'è un momento nel tempo in cui c'è una cavità nell'acqua, ma poi tutto crolla e si riempie perché è un liquido.”

Il volume della fusione è molto maggiore della quantità di roccia estratta, quindi Marchi può calcolare la quantità di fusione che potrebbe essersi riversata e coprire parti della superficie terrestre con ciascun impatto. Il risultato è una straordinaria mappa del volume di fusione. Durante il primo miliardo di anni circa della storia della Terra, quasi tutta la superficie ad un certo punto ha subito una crosta fusa. Gran parte di questa storia è scomparsa perché i processi atmosferici, superficiali e tettonici del nostro pianeta attivo modificano costantemente gran parte della documentazione rocciosa.

READ  Lo strano mistero dei pianeti "perduti" nello spazio può essere risolto: ScienceAlert

Sfere di vetro

Fino a un periodo compreso tra 3,5 e 2,5 miliardi di anni fa, la documentazione rocciosa era scarsa. Ma due luoghi, Australia e Sud Africa, conservano prove di impatti sotto forma di pellet. Queste minuscole sfere di vetro si formano immediatamente dopo l'impatto che manda la roccia in fase di vaporizzazione verso il cielo. Quando il pennacchio ritorna al suolo, piccole goccioline iniziano a condensarsi e a piovere.

Nadia Drabon, Harvard

“È straordinario che possiamo trovare questi strati di impatto sferici risalenti a 3,5 miliardi di anni fa”, ha detto Marchi.