Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Marte ha un enorme serbatoio d'acqua profondo più di due miglia • Earth.com

Marte ha un enorme serbatoio d'acqua profondo più di due miglia • Earth.com

Più di un decennio e mezzo fa, la missione Mars Express si proponeva di scoprire i segreti della superficie marziana, concentrandosi sulla misteriosa formazione Medusae Fossae (QFP).

Questa interessante caratteristica geologica, inizialmente studiata per i suoi estesi depositi, è rimasta oggetto di speculazioni e curiosità. Ma oggi, grazie a una nuova ricerca, il velo sul QFP è stato finalmente sollevato.

Acque profonde nella formazione Medusae Fossae su Marte

Thomas Watters, di Istituzione Smithsonian negli Stati Uniti e autore principale sia degli studi originali che di quelli recenti, fa luce su questi recenti risultati.

“Abbiamo esplorato nuovamente il QFP utilizzando dati più recenti provenienti da Radar MARSIS espresso“E abbiamo scoperto che i sedimenti sono molto più spessi di quanto pensassimo: fino a 3,7 chilometri di spessore”, afferma Watters.

“La cosa più interessante è che i segnali radar corrispondono a ciò che ci aspettiamo di vedere dalle calotte glaciali e sono simili ai segnali che vediamo dalle calotte polari di Marte, che sappiamo essere molto ricche di ghiaccio”.

Abbastanza acqua da riempire il Mar Rosso della Terra

Le implicazioni di questa scoperta sono profonde. Il ghiaccio all'interno della formazione Medusae Fossae, se si sciogliesse, potrebbe avvolgere Marte in uno strato d'acqua grande… Profondità da 1,5 a 2,7 metri.

Questo rappresenta il più grande serbatoio d’acqua mai scoperto in questa regione di Marte, contenente abbastanza acqua da rivaleggiare con le dimensioni del Mar Rosso sulla Terra.

La Formazione Medusae Fossae è essa stessa una meraviglia geologica, che si estende per centinaia di chilometri e si innalza per diversi chilometri.

Si trova all'intersezione tra gli altopiani e le pianure marziane, una potenziale importante fonte di polvere marziana e uno dei depositi più estesi del pianeta.

READ  Il pianeta che si alza verso il suo sole può dare un'idea della fine della Terra

Precedenti studi sulla formazione delle Medusae Fossae

Le prime osservazioni di Mars Express hanno indicato la natura ghiacciata della formazione Medusae Fossae a causa della sua trasparenza radar e della bassa densità.

Tuttavia, teorie alternative hanno suggerito che la formazione potrebbe essere un massiccio accumulo di polvere portata dal vento, cenere vulcanica o sedimenti.

Ecco i nuovi dati radar: “Data la sua profondità, se il MFF fosse solo un gigantesco mucchio di polvere, ci aspetteremmo che diventasse compatto sotto il suo stesso peso”, afferma il coautore Andrea Cicchetti dell'Università di Harvard. Istituto Nazionale di Astrofisica, Italia.

“Ciò creerebbe qualcosa di molto più denso di quello che già vediamo con Marte. Quando abbiamo modellato il comportamento dei diversi materiali privi di ghiaccio, non c'era nulla che riproducesse le proprietà di MFF: avevamo bisogno di ghiaccio.

Riscrivere la storia di Marte

Comprensione attuale di zona QFP Indica la formazione di strati di polvere e ghiaccio, sormontati da uno strato protettivo di polvere secca o cenere, spesso centinaia di metri.

Sebbene Marte ora appaia sterile, mostra segni di un passato ricco di acqua, compresi i resti di canali fluviali, antichi fondali oceanici e valli scavate dall’acqua.

Questa scoperta di un grande ghiaccio vicino all’equatore marziano, come quello trovato sotto la superficie del MFF, indica un’era climatica radicalmente diversa nella storia del pianeta.

“Quest’ultima analisi mette alla prova la nostra comprensione della formazione delle Medusae Fossae e solleva tante domande quante risposte”, afferma Colin Wilson, scienziato del progetto ESA per Mars Express e la navicella spaziale. La navicella spaziale ExoMars (TGO) dell'ESA.

“Quanto tempo fa si sono formati questi depositi di ghiaccio, e che aspetto aveva Marte in quel momento? Se si confermasse che si tratta di ghiaccio d'acqua, questi enormi depositi cambieranno la nostra comprensione della storia del clima di Marte. Qualsiasi serbatoio di acqua antica sarebbe un ottimo obiettivo”. Esplorazione umana o automatizzata“.

READ  Hubble mostra una vista di una doppia coda creata dalla missione di impatto dell'asteroide

Implicazioni per la futura esplorazione di Marte

Per le future missioni su Marte, la scoperta di ghiaccio in luoghi equatoriali come la Formazione Medusae Fossae ha un valore inestimabile.

Le missioni richiedono l’atterraggio vicino all’equatore, lontano dalle calotte polari o dai ghiacciai ad alta latitudine, e l’acqua è una risorsa fondamentale.

Tuttavia, avverte Wilson, “i depositi MYF, sepolti sotto estesi strati di polvere, rimangono per ora sfuggenti. Tuttavia, ogni scoperta di ghiaccio marziano arricchisce la nostra comprensione della storia idrologica del pianeta e dell'attuale distribuzione dell'acqua.”

Mars Express continua a mappare il ghiaccio d'acqua in profondità sotto la superficie, mentre il TGO Mars Orbiter, equipaggiato con lo strumento FREND, rileva gli indicatori dell'acqua vicino alla superficie.

La scoperta di FREND di una regione ricca di idrogeno, che indica la presenza di ghiaccio d'acqua, a Valles Marineris su Marte nel 2021, e la mappatura in corso dei sedimenti di acque poco profonde, completano questa comprensione.

“I nostri sforzi collettivi per esplorare Marte stanno gradualmente rivelando i segreti del nostro vicino planetario, offrendo scorci del suo passato e il potenziale per l’esplorazione futura”, conclude Colin Wilson.

Scopri i segreti di Marte

In sintesi, le recenti scoperte di Mars Express sulla formazione delle Medusae Fossae rappresentano una pietra miliare nella nostra comprensione di Marte e della sua storia climatica.

La scoperta di estesi depositi di ghiaccio, che sfidano i concetti precedenti e rivelano un potenziale tesoro di risorse idriche, arricchiscono la nostra conoscenza del Pianeta Rosso e cambiano le prospettive per l’esplorazione futura.

Queste scoperte ci avvicinano alla scoperta dei segreti di Marte e offrono una prospettiva promettente sia per le scoperte scientifiche che per le prospettive dell’esplorazione umana.

READ  La roccia che ha colpito la casa del New Jersey lunedì ha confermato che si trattava di un meteorite

Mentre continuiamo a esplorare e analizzare, ogni dato si aggiunge al complesso mosaico del passato di Marte, fornendo una narrazione in continua evoluzione di questo affascinante vicino planetario.

La storia dell'acqua su Marte

Questo studio è stato condotto prima Agenzia spaziale europea.

—–

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

—–

Visitaci su EarthSnap, un'app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com. —–