Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come ha vinto l'opposizione – DW – 01/04/2024

Come ha vinto l'opposizione – DW – 01/04/2024

Presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan Si è posto un obiettivo preciso nelle elezioni locali che si sono svolte durante le vacanze di Pasqua. Voleva che il suo partito, il Partito Giustizia e Sviluppo (PJD), conservatore e di tendenza islamista, riconquistasse i capitali persi a favore dei politici dell’opposizione nel 2019.

Ma Le cose non hanno funzionato Secondo quel piano. In effetti, il Partito Giustizia e Sviluppo Il partito non è riuscito a riconquistare la maggioranza nelle principali città della Turchia e ha perso sostegno anche nei capoluoghi di provincia più piccoli, a favore della principale opposizione, il Partito popolare repubblicano di centrosinistra.

Secondo i dati preliminari, dopo lo spoglio di quasi tutti i voti, il Partito popolare repubblicano ha ottenuto il 37,76% dei voti a livello nazionale.

In 21 città più piccole e 14 città più grandi – incl Istanbul, AnkaraIzmir, Bursa, Adana e Antalya – il CHP ha prevalso.

Le elezioni locali sono state considerate un sondaggio d'opinione sull'attuale governo di Erdogan. leader turco, Chi è più abituato alla vittoria, Chiaramente ho percepito il cattivo umore degli elettori turchi. Il Partito Giustizia e Sviluppo è riuscito a ottenere il 35,48% dei voti a livello nazionale. Per la prima volta nella storia del Partito Giustizia e Sviluppo, il partito è diventato il secondo partito più popolare nel paese.

L’opposizione turca ottiene enormi guadagni nelle elezioni locali

Questo browser non supporta il componente video.

I problemi economici della Turchia sono responsabili delle perdite dell'AKP

Domenica sera tardi, Erdogan, 70 anni, ha parlato con i suoi sostenitori, ma era diverso dal suo solito entusiasmo e la folla era insolitamente tranquilla. Erdogan ha elogiato le elezioni turche e le ha descritte come un buon indicatore per la Turchia Democrazia turca Non ha minacciato l'opposizione.

“Purtroppo non abbiamo ottenuto i risultati che volevamo”, ha detto Erdogan alla folla nel quartier generale dell’AKP ad Ankara. “Naturalmente rispetteremo la decisione della nazione”.

READ  Macron salva la legge sull’immigrazione con un voto parlamentare decisivo

Lui ha aggiunto che ci sarà una valutazione critica della sconfitta, sottolineando che questa non è la fine per il Partito Giustizia e Sviluppo. Servirà invece da “punto di svolta”.

La Turchia soffre da diversi anni a causa delle politiche economiche di Erdogan, inclusa la sua insistenza su tassi di interesse bassi. Nonostante gli aumenti delle tasse e altre misure severe, il governo non è stato in grado di controllare l’aumento dei prezzi Inflazione economica E di conseguenza la perdita di potere d’acquisto dei consumatori. Ciò significa che lo stato dell’economia ha giocato un ruolo importante nella campagna elettorale.

“È stata proprio la tesa situazione economica il fattore decisivo nella scarsa performance dell’AKP”, ha detto Selim Çevik, un esperto di Turchia presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza con sede a Berlino.

Durante le campagne elettorali parlamentari e presidenziali di un anno fa, Erdogan ha distribuito molti bonus, anche ai pensionati e alle persone a basso reddito.

“Questa volta non poteva permetterselo con le casse statali vuote, il che ha portato alla sconfitta”, ha detto Çevik alla DW.

Parlando ai suoi sostenitori dopo la fine del voto, Erdogan è apparso calmoFoto: Amin Sansar/Anadolu/Image Alliance

Tutti gli occhi puntati su Istanbul

Per riconquistare Istanbul dall'opposizione Presidente turco Ha anche condotto lui stesso la campagna, correndo da un evento all'altro negli ultimi mesi. Ha anche inviato 17 ministri a fare lo stesso in tutto il Paese. Non erano presenti alle urne ma si sono comportati come se lo fossero.

Erdogan era molto preoccupato per Istanbul, una città di 16 milioni di abitanti. La città ospita il 20% di tutti i dipendenti della provincia e più della metà delle esportazioni e importazioni del paese vengono gestite lì. Istanbul, Ankara e le città di Izmir, Adana, Antalya e Mugla rappresentano quasi la metà della produzione economica della Turchia.

READ  Netanyahu afferma che Israele separerà la Striscia di Gaza dall'Egitto e controllerà i restanti confini della Striscia Palestinese

Istanbul è anche un simbolo significativo del leader turco. Fu sindaco della città dal 1994 al 1998, e lui stesso in quegli anni diceva che chi vince Istanbul, vince l'intero Paese.

Non è possibile fermare la cogenerazione

Tuttavia, nonostante la mobilitazione dell’intero apparato statale, l’attuale governo non ha avuto successo Nel fermare l'opposizione. Nelle tre città più importanti – Ankara, Istanbul e Izmir – il CHP ha un vantaggio significativo, secondo i dati preliminari. A Izmir sono avanti del 10%, a Istanbul dell'11% e ad Ankara di circa il 28%.

A Istanbul resterà al suo posto il famoso sindaco della città e membro del Partito popolare repubblicano, Ekrem Imamoglu.

Imamoglu ha detto ai suoi sostenitori che le elezioni “rappresentano la fine dell'erosione democratica in Turchia e il ritorno della democrazia. Istanbul ha vinto”.

Secondo gli osservatori, la vittoria del sindaco aumenta le possibilità di Imamoglu di presentarsi come il principale concorrente di Erdogan alle prossime elezioni presidenziali, previste tra quattro anni.

“Questa è la vittoria di Imamoglu”, ha detto Emre Erdogan, professore di scienze politiche all’Università Bilgi di Istanbul. La Turchia è politicamente divisa e İmamoğlu è riuscita ad attrarre elettori del partito ultranazionalista Gayid ed elettori del Partito Democratico filo-curdo (ex Partito Democratico del Popolo).

Erdogan ha osservato che “ora lui e il sindaco di Ankara Mansur Yavaş possono essere considerati potenziali candidati presidenziali”.

I sostenitori del Partito popolare repubblicano, all'opposizione, hanno festeggiato fino a tarda notteFoto: Chris McGrath/Getty Images

Non è la fine per il Partito Giustizia e Sviluppo

Ma l’accademico non crede che questa sia la fine politica dell’AKP. Il partito al potere conserva ancora molti seggi nei consigli locali e il presidente Erdogan ha tempo fino alle prossime elezioni del 2028 per rafforzare la sua base.

Gli analisti concordano sul fatto che Imamoglu rappresenta un pericolo. Proprio come l'attuale presidente, il sindaco 52enne è originario della regione più conservatrice del Mar Nero. Frequenta anche lezioni di Corano e, come Erdogan, è in gran parte concentrato su mega progetti governativi. Può mobilitare gli elettori ed è anche considerato carismatico, originale e ambizioso.

READ  I record climatici stanno vacillando, lasciando la Terra in un territorio inesplorato - scienziati

Ecco perché è una scelta per molti conservatori islamici urbani e nazionalisti turchi. Non è nemmeno una figura intenzionalmente polarizzante e sarebbe quindi un candidato accettabile anche per molti curdi turchi urbani.

Secondo Cvek del Partito Socialista dei Lavoratori, dopo queste elezioni locali è emerso anche un altro vincitore: il Partito Nuovo Welfare, guidato da Fatih Erbakan, figlio del fondatore dell'Islam politico in Turchia, Necmettin Erbakan.

Il padre è considerato uno dei politici turchi più influenti nel Paese nel XX secolo. Antilaico e antioccidentale, ha fondato nel 1969 il movimento Milli Görüs (o “Visione Nazionale”) con l'obiettivo di trasformare la Turchia in uno Stato islamico e allontanarla dall'Europa verso altri Paesi islamici.

Il movimento è “sotto sorveglianza” da parte dell'agenzia di intelligence interna tedesca, l'Ufficio federale per la protezione della Costituzione, perché sposa opinioni islamiste, sebbene non sia illegale.

In queste elezioni, il partito conservatore islamico Nuovo Welfare guidato da Fatih Erbakan non ha stretto un’alleanza con Erdogan, ma ha invece presentato i propri candidati. Il partito ha vinto seggi municipali in due città, probabilmente prendendo voti dall’AKP per farlo.

Cevik ha spiegato: “Una volta che emergerà un’alternativa all’AKP nello spettro nazionalista conservatore, lo spazio di manovra di Erdogan si restringerà”.

È molto probabile che in futuro Erdogan cercherà di collegare più strettamente il nuovo Partito del Welfare all’AKP. Ma affinché ciò accada, il presidente turco dovrà probabilmente fare molte concessioni.

Questa storia è stata originariamente pubblicata in tedesco.