Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Parti del fiume Balcani diventano una discarica galleggiante

VISEGRAD, Bosnia-Erzegovina (AP) — Tonnellate di rifiuti vengono scaricate in discariche fluviali mal organizzate o direttamente nei corsi d’acqua che attraversano tre paesi, accumulandosi infine dietro una barriera di rifiuti nel fiume Drina nella Bosnia orientale durante il clima umido in inverno e all’inizio inverno. Fontana.

Questa settimana, la barriera è ancora una volta il bordo esterno di un’enorme discarica galleggiante piena di bottiglie di plastica, barili arrugginiti, pneumatici usati, elettrodomestici, legni e altri rifiuti raccolti dal fiume dai suoi affluenti.

Attivisti ambientalisti locali lamentano che la recinzione del fiume eretta da una centrale idroelettrica bosniaca, pochi chilometri a monte della diga nei pressi di Visegrad, abbia trasformato la cittadina in una discarica regionale involontaria.

Le forti piogge e il clima insolitamente caldo della scorsa settimana hanno causato lo straripamento di diversi fiumi e torrenti in Bosnia, Serbia e Montenegro, provocando inondazioni nelle aree circostanti e costringendo decine di persone a lasciare le loro case. Le temperature sono scese in molte aree venerdì quando la pioggia si è trasformata in neve.

“Negli ultimi giorni abbiamo visto forti piogge e forti inondazioni e un enorme deflusso di acqua dagli (affluenti della Drina in) Montenegro che ora, fortunatamente, si sta ritirando”, ha affermato Diane Fortola del gruppo ambientalista Eco Centar Visegrad.

“Purtroppo, l’enorme afflusso di rifiuti non si è fermato”, ha aggiunto.

Il fiume Drina scorre per 346 chilometri (215 miglia) dalle montagne nord-occidentali del Montenegro attraverso la Serbia e la Bosnia. Alcuni dei suoi affluenti sono noti per il loro colore smeraldo e per i paesaggi mozzafiato. Una sezione lungo il confine tra Bosnia e Serbia è famosa per le travi quando non è la “stagione dei rifiuti”.

READ  Blu e bianco, una nuova speranza, l'Unione, si presenterà come una lista comune nella votazione di novembre

Fertola ha affermato che negli ultimi giorni si sono accumulati circa 10.000 metri cubi (più di 353.000 piedi cubi) di rifiuti dietro la barriera dei rifiuti sul fiume Drina. La stessa cifra è stata prelevata negli ultimi anni da quella zona del fiume.

La rimozione dei rifiuti richiede in media fino a sei mesi. Finisce nella discarica municipale di Visegrad, che Fertola ha detto “non ha nemmeno una capacità sufficiente per gestire i rifiuti urbani[della città]”.

“Gli incendi alla discarica (comunale) bruciano sempre”, ha detto, descrivendo le condizioni lì come “non solo un grande pericolo per l’ambiente e la salute, ma anche un grande imbarazzo per tutti noi”.

Dopo decenni di devastanti guerre degli anni ’90 che hanno accompagnato la disgregazione della Jugoslavia, i Balcani sono rimasti indietro rispetto al resto dell’Europa economicamente e in termini di protezione ambientale.

I paesi della regione hanno compiuto pochi progressi nella costruzione di sistemi di smaltimento dei rifiuti efficienti e rispettosi dell’ambiente nonostante abbiano cercato di aderire all’UE e abbiano adottato alcune leggi e regolamenti dell’UE.

Discariche abusive punteggiano le colline e le valli di tutta la regione, mentre i rifiuti pendono dalle strade e i sacchetti di plastica pendono dagli alberi.

Oltre all’inquinamento dei fiumi, molti paesi dei Balcani occidentali soffrono di altri problemi ambientali. Uno dei più urgenti è l’altissimo livello di inquinamento atmosferico che colpisce un certo numero di città della regione.

“Le persone devono svegliarsi davanti a problemi come questo”, ha detto Rados Brekalovic, residente a Visegrad.