Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Buco nero che vaga per la Via Lattea spiato da Hubble

Buco nero che vaga per la Via Lattea spiato da Hubble

Quando le stelle abbastanza grandi da far impallidire il nostro Sole muoiono, esplodono in una supernova e il nucleo rimanente viene frantumato dalla sua stessa gravità, formando un buco nero.

A volte, l’esplosione potrebbe mettere in moto il buco nero, correndo attraverso la galassia come un flipper. Di diritto, dovrebbero esserci molti buchi neri vaganti noti agli scienziati, ma sono praticamente invisibili nello spazio e quindi difficili da rilevare.

Gli astronomi credono che 100 milioni di buchi neri galleggianti vagano per la nostra galassia. Ora, i ricercatori credono di aver scoperto un tale oggetto. La scoperta è stata fatta dopo che sei anni sono stati dedicati alle osservazioni e gli astronomi sono stati persino in grado di misurare con precisione la massa di un oggetto cosmico estremo.

Il buco nero si trova a 5.000 anni luce di distanza e si trova in un braccio a spirale della Via Lattea chiamato Carina-Sagittarius. Questa osservazione ha permesso al team di ricerca di stimare che il buco nero isolato più vicino alla Terra potrebbe trovarsi a soli 80 anni luce di distanza.

Ma se i buchi neri sono fondamentalmente indistinguibili dal vuoto nello spazio, come ha fatto Hubble a scoprire questo buco?

Il campo gravitazionale estremamente forte dei buchi neri distorce lo spazio intorno a loro, creando condizioni che possono deviare e amplificare la luce delle stelle che si allinea dietro di loro. Questo fenomeno è noto come lente gravitazionale. I telescopi terrestri osservano i milioni di stelle sparse al centro della Via Lattea e cercano questa luminosità transitoria, che indica che un grande oggetto è passato tra noi e la stella.

Hubble è ben posizionato per dare seguito a queste osservazioni. Due diversi team di ricercatori hanno studiato le osservazioni per determinare la massa corporea. Entrambi gli studi sono stati accettati per la pubblicazione sull’Astrophysical Journal.

una squadra, Guidato dall’astronomo Kailash Sahu, Hubble Instrument Scientist presso lo Space Telescope Science Institute A Baltimora, abbiamo determinato che il buco nero pesa sette volte la massa del nostro sole.
seconda squadra Guidati dal dottorando Casey Lamm e Jessica Lowe, un professore associato di astronomia, entrambi dell’Università della California, Berkeley, ha raggiunto un intervallo di massa più piccolo, compreso tra 1,6 e 4,4 volte quello del Sole. Secondo questa stima, l’oggetto potrebbe essere un buco nero o una stella di neutroni. Le stelle di neutroni sono resti incredibilmente densi di stelle che esplodono.

“Qualunque sia questo oggetto, è il primo residuo di una stella oscura ad essere scoperto vagare per la galassia senza essere accompagnato da un’altra stella”, ha detto Lamm in una nota.

Il cielo stellato mostrato in questa immagine di Hubble si trova verso il centro della galassia.

Il buco nero è passato davanti a una stella di fondo situata a 19.000 anni luce dalla Terra verso il centro galattico, amplificando la luce stellare per 270 giorni. Gli astronomi hanno avuto difficoltà a determinare le loro misurazioni perché c’è un’altra stella luminosa molto vicina a quella che hanno osservato brillare dietro il buco nero.

READ  Delta 4 Heavy Rocket lancia il satellite spia sull'ultimo volo della costa occidentale

“È come cercare di misurare il minuscolo movimento di una lucciola accanto a una lampadina luminosa”, ha detto Saho in una nota. “Abbiamo dovuto sottrarre con precisione la luce da una stella luminosa vicina per misurare con precisione la deflessione della debole sorgente”.

Il buco nero che alimenta la nascita delle stelle fa fare agli scienziati un doppio lavoro

Il team di Saho ritiene che l’oggetto potrebbe viaggiare fino a 99.419 miglia orarie (160.000 chilometri orari), più veloce della maggior parte delle stelle in quella parte della galassia, mentre il team di Lou e Lam è arrivato a una stima di 67.108 miglia orarie (108.000 chilometri all’ora).

Più dati e osservazioni da Hubble e più analisi potrebbero risolvere il dibattito sull’identità dell’oggetto. Gli astronomi continuano a cercare altre di queste anomalie invisibili, che potrebbero aiutarli a capire meglio come si sviluppano e muoiono le stelle.

“Usando l’obiettivo più fine, possiamo esaminare e pesare questi oggetti isolati e compressi. Penso che abbiamo aperto una nuova finestra su questi oggetti scuri, che non puoi vedere in nessun altro modo”, ha detto Lu.