Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden promette un sostegno “fermo” a Israele nel timore di un attacco iraniano

Biden promette un sostegno “fermo” a Israele nel timore di un attacco iraniano

  • Scritto da Max Matza e Will Vernon
  • notizie della BBC

Il presidente Joe Biden ha promesso a Israele il “fermo” sostegno degli Stati Uniti nel timore che Teheran possa lanciare ritorsioni per un attacco che ha ucciso alti funzionari iraniani.

Biden ha avvertito che l’Iran sta minacciando di lanciare un “grande attacco” dopo che Israele ha colpito il consolato iraniano in Siria 10 giorni fa.

Ha aggiunto: “Faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere la sicurezza di Israele”.

Mercoledì scorso il leader iraniano aveva affermato che l’attacco israeliano a Damasco equivaleva ad un attacco allo stesso Iran.

“Quando hanno attaccato la nostra area consolare, è stato come se avessero attaccato il nostro territorio”, ha detto l'Ayatollah Ali Khamenei in un discorso televisivo.

“Il regime malvagio deve essere punito, e sarà punito”.

Non è ancora chiaro quale forma potrebbe assumere un eventuale attacco di ritorsione.

Colpire direttamente Israele rischierebbe un’ulteriore escalation del conflitto, e gli analisti sostengono che l’Iran non ha la capacità militare necessaria per uno scontro importante.

Una probabile alternativa è un attacco attraverso un agente iraniano come Hezbollah, che spesso effettua attacchi minori contro Israele dal vicino Libano.

Domenica un funzionario iraniano ha avvertito che le ambasciate israeliane “non sono più sicure”, suggerendo che l’edificio del consolato potrebbe essere un potenziale obiettivo.

Gli esperti hanno anche notato che l’Iran potrebbe prendere di mira Israele con un attacco informatico.

Israele non ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, ma è opinione diffusa che ci sia dietro.

Nei giorni successivi le forze statunitensi e israeliane nella zona furono poste in massima allerta.

Le dichiarazioni di Biden sono arrivate mercoledì mentre parlava ai giornalisti alla Casa Bianca insieme al primo ministro giapponese Fumio Kishida.

“Come ho detto al Primo Ministro Netanyahu, il nostro impegno per la sicurezza di Israele contro queste minacce provenienti dall’Iran e dai suoi delegati è rigoroso – e lasciatemelo dire ancora, duro”, ha detto Biden.

I suoi commenti arrivano il giorno dopo che Biden, in un'intervista, ha chiesto un cessate il fuoco a Gaza e ha affermato di non essere d'accordo con la strategia di guerra di Netanyahu.

“Penso che quello che sta facendo sia sbagliato. Non sono d'accordo con il suo approccio”, ha detto in un'intervista con Univision registrata una settimana fa.

Spiegazione video,

Guarda: Biden dice che Netanyahu sta commettendo un “errore” a Gaza

L'episodio arriva quasi una settimana dopo una telefonata tesa tra Biden e Netanyahu in seguito all'uccisione di sette operatori umanitari a Gaza da parte di Israele.

Biden ha inasprito la sua retorica sul comportamento di Israele nella guerra durata quasi sei mesi, scatenata dall'attacco di Hamas del 7 ottobre, ed ha espresso la sua crescente frustrazione nei confronti di Netanyahu.

I funzionari americani stanno cercando di inviare un messaggio agli iraniani che, nonostante le differenze di opinioni tra Biden e Netanyahu, qualsiasi attacco contro Israele incontrerà una risposta americana aggressiva.

Nel tentativo di allentare le tensioni, i ministri degli Esteri di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar e Iraq hanno parlato questa settimana con i loro omologhi iraniani, secondo Axios.

Ai ministri è stato chiesto di trasmettere un messaggio da parte del consigliere senior di Biden per il Medio Oriente, Brett McGurk, sulla necessità di allentare la tensione.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, più di 33.000 persone – soprattutto donne e bambini – sono state uccise durante l’incursione israeliana.

Il conflitto è scoppiato dopo che Hamas ha ucciso più di 1.200 persone in Israele e ne ha presi 253 in ostaggio nel suo attacco di ottobre.