Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Arsenal e Manchester United e la storia di due difese che operano su livelli completamente diversi

Arsenal e Manchester United e la storia di due difese che operano su livelli completamente diversi

Domenica, l’Arsenal potrà completare la doppietta in campionato contro il Manchester United per la prima volta dalla stagione 2006-2007. Questa sarà anche la prima volta che ne vincono tre di fila dal settembre 1998.

In quella che è l’accusa definitiva al passaggio di potere tra i due club, ci si aspetta che l’Arsenal vinca all’Old Trafford anche con la pressione di essere la penultima partita nella corsa al titolo.

Per molto tempo, una vittoria all’Old Trafford poteva essere ottenuta solo se una squadra giocava fuori limite e lo United aveva avuto una giornata particolarmente brutta – e anche in quel caso, quella combinazione spesso non era sufficiente.

Ora, l’Arsenal si prepara ad affrontare la squadra di Erik Ten Hag, fiducioso che una prestazione nella media dovrebbe garantire loro, eccezionalmente, almeno 21 tiri in porta. Questo è il numero concesso, in media, dal Manchester United nelle partite del 2024. Ha concesso 317 tiri, rispetto ai 132 dell’Arsenal, e ne ha subiti 97 in porta rispetto ai 30 dell’Arsenal.

Ancora più significativo è che il numero di gol subiti quest’anno solare è 13 in più rispetto a quello concesso finora dall’Arsenal nelle 36 partite stagionali.

Lo United è una squadra i cui numeri difensivi di base sono quelli di una squadra nell’ultimo terzo del campionato. L’Arsenal è la squadra che, di gran lunga, è la migliore della Premier League.

Arsenal-Manchester United 2023-24

Arsenale

Manchester United

Ho affrontato i colpi

304(II)

618 (XVII)

Tiri in porta contro

83 (primo)

194(XV)

xG contro

27.29 (primo)

64,48 (sedicesimo)

Gol della partita

28 (primo)

55 (sesto congiunto)

Ecco perché, sebbene la vittoria per 1-0 dell’Arsenal nel novembre 2020 sia stata l’unica vittoria nelle ultime 16 visite in Premier League all’Old Trafford, si recano a Manchester come favoriti, con le recenti trasferte a Brighton & Hove Albion e Wolverhampton Wanderers. È considerato altrettanto difficile, se non di più.

READ  Foto NFL 2023: come le vittorie di sabato di Chiefs e Jaguars influenzano la gara post-stagionale, decidendo gli scenari

La scorsa stagione, la fiducia dell’Arsenal veniva dal modo in cui iniziava le partite in modo offensivo, ma questa volta si tratta di come in alcuni casi impedisce agli avversari di vedere la porta per quasi 90 minuti.

L’Arsenal ha subito gol solo in due delle ultime otto partite di campionato e David Raya ha già ritirato il premio Golden Glove, ma con due partite rimanenti, l’Arsenal potrebbe ancora finire con la porta inviolata in 19 partite.

Sarà la prima volta che raggiungeranno quel totale nel 21° secolo, con i precedenti massimi di 23, 21 e 19 raggiunti nel 1999, 1994 e 1998 – anche se sono ancora lontani dal record di 25 shutout del Chelsea nel 2004-2005. .

Arteta ha fatto affidamento su sette o otto pilastri fondamentali per formare una squadra in grado di mantenere il livello di sfida per il titolo.

Ci sono cali ma non grandi come con lo United. Ma anche se la squadra di Ten Hag manca di coesione, le sue qualità individuali fanno sì che possano diventare animali pericolosi quando le cose si mettono bene e hanno slancio in partita.

A detta di tutti, l’Arsenal è la squadra più forte, ma ora ha raggiunto un livello di consistenza in cui il suo numero difensivo è rimasto basso per due stagioni e mezzo, anche se la sua produzione offensiva è stata incoerente in alcune parti.

Fornisce loro una solida base su cui appoggiarsi in uno sport a basso punteggio.

L’aggiunta di Declan Rice, un difensore chiave per la difesa a quattro, ha rafforzato l’Arsenal e con Thomas Partey di nuovo nella formazione titolare, si stanno dirigendo verso i numeri più bassi sotto Arteta quando si tratta di attacchi diretti alla propria porta. , che ora ammontano a meno di due a partita.

La chiave per far sì che l’Arsenal abbia segnato meno gol in campionato è stata la sua capacità di bloccare i tiri. Quando difendevano il vantaggio nelle partite contro club rivali o nelle competizioni europee, erano felici di sedersi in profondità e proteggere il proprio vantaggio per i periodi della partita.

READ  LeBron James afferma che i colloqui commerciali tra Warriors e Lakers non sono andati lontano: NBC Sports Bay Area e California

Di tutte le sequenze di possesso palla avversarie che terminano con il terzo gol dell’Arsenal, solo il 33% termina con un tiro. È il secondo miglior dato del campionato in classifica, con il Manchester United al secondo posto, al 46%.

Lo United lascia regolarmente enormi lacune a centrocampo, intrappolato tra le due idee opposte di premere in avanti e sedersi in profondità per proteggere i difensori non adatti a questo approccio d’attacco.

Il trio dell’Arsenal composto da Gabriel, William Saliba e Ben White offre doti di disponibilità e affidabilità, ma sono anche fatti su misura per lo stile di gioco aggressivo utilizzato dall’Arsenal.

Nella prima stagione completa di Arteta, la sua linea difensiva era in media a 22 metri dalla porta, ma anno dopo anno è avanzata fino al punto in cui ora è 8 metri più alta.

È una differenza enorme e valorizza la capacità dell’Arsenal di pressare con convinzione, sapendo di essere compatto e senza grandi lacune davanti alla difesa.

L’Arsenal gioca con una chiara identità quando ha il possesso palla, ma quando non lo è è altrettanto compatto.

Kai Havertz ha guidato la stampa come attaccante in otto delle ultime 11 partite di campionato, rendendola una squadra più forte a tutto tondo.

Costringeranno lo United in avanti, ma se la squadra di Ten Hag prova a superarli, è più che capace di contrattaccare. Ricorda, questo è l’aspetto del gioco in cui l’allenatore dello United ha detto di volere che la sua squadra diventasse la migliore al mondo quando ha parlato all’inizio della stagione.

I rimbalzi alti sono una parte fondamentale del gioco dell’Arsenal e il 23% di essi termina con un tiro. Ora sparano quel colpo molto più velocemente quando la forma dell’avversario è confusa e premono il grilletto entro 10 secondi dal recupero meno del 10% delle volte.

READ  Jim Thorpe viene restaurato come l'unico vincitore della medaglia d'oro olimpica del 1912

Cogliendo il ritmo dei cambiamenti dalla vittoria per 1-0 all’Old Trafford nel 2020, solo quattro giocatori rimangono parte della rosa di Arteta. Nonostante avesse tre allenatori diversi in quel periodo, lo United ha nove sopravvissuti ma pochi progressi per dimostrare quella familiarità.

Nelle partite contro i “Big Six” di questa stagione, l’Arsenal ha subito nove gol in altrettante partite. Lo United è a 20 punti e, vista la differenza reti, se il Manchester City dovesse inciampare e l’Arsenal dovesse prendere il punteggio pieno, sarebbe di umore punitivo.

Per quanto questa sia la storia di due difese opposte, parla anche di una squadra che prospera contro l’élite e l’altra che vacilla.

Lo United ha preso solo sei punti in 27 partite contro altri club “big six” in questa stagione rispetto ai 19 punti dell’Arsenal. Ciò equivale al totale dei punti della scorsa stagione, che è stato un enorme balzo in avanti rispetto alla media di 10,5 punti su 30 dell’anno. 13 anni prima.

Solo il record del Manchester City di 25 su 30 nel 2018-19 può essere battuto, ma quell’anno ha perso una partita, qualcosa che l’Arsenal deve ancora fare.

La vittoria dell’Arsenal nell’era Covid nel 2020 è sembrata fondamentale per quanto fosse fuori dai giochi. Nei tre anni e mezzo successivi, Arteta ha portato la sua squadra in un luogo psicologico in cui si sentono a proprio agio su questi terreni precedentemente intimidatori.

(Immagine in alto: Alex Bantling/Getty Images)