Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lomachenko tira fuori “No Mas-Chenko”;  Qual è il futuro di Kambosos?

Lomachenko tira fuori “No Mas-Chenko”; Qual è il futuro di Kambosos?

Vasiliy Lomachenko ha messo in mostra una prestazione impressionante domenica a Perth, in Australia, diventando campione ancora una volta, dimostrando di essere ancora una delle élite di questo sport.

Lomachenko (18-3, 12 KO) è senza dubbio uno dei migliori pugili al mondo da giugno 2014, quando è diventato campione solo al suo terzo incontro da professionista. Da quella prestazione dominante contro Gary Russell Jr. alla vittoria per KO tecnico dell’undicesimo round di domenica su George Kambosos Jr. per conquistare il vacante titolo IBF dei pesi leggeri, Lomachenko rimane ultraterreno.

Questa vittoria sul Kambosos – la prima di Lomachenko da giugno 2021 – ha ricordato la grandezza dell’ucraino all’età di 36 anni. Questa è la terza sconfitta di Kambosos, ma la sua precedente sconfitta è arrivata per decisione contro Devin Haney. Kambosos ha una vittoria su Teofimo Lopez, il miglior successo di ESPN del 2021.

Lomachenko è diventato il primo combattente a finire l’australiano e lo ha fatto con stile. Ha distrutto Kambosos con una serie di sinistri taglienti, insanguinandogli l’occhio destro. Lomachenko alla fine lo ha inchiodato al corpo con la mano sinistra, seguito da una raffica che ha costretto Angle a gettare la spugna.

“È una leggenda di questo sport”, ha detto Kambosos. “…È uno dei migliori combattenti della storia.”

Questa non è un’esagerazione, ovviamente. Il due volte medaglia d’oro olimpica è un futuro Hall of Famer e, dopo la delusione per la sua contestata sconfitta contro Haney un anno fa, Lomachenko sta guadagnando slancio ancora una volta.

Potrebbe trovare il suo prossimo avversario entro una settimana. Sabato, Emanuel Navarrete incontrerà Denis Perincek per il vacante titolo WBO dei pesi leggeri a San Diego.

Navarrete è il favorito per diventare campione della quarta divisione, e Top Rank sta cercando di eguagliare il messicano con Lomachenko entro la fine dell’anno. È un affascinante scontro di stili. Navarrete è un turbine con un’altezza di 5 piedi, 7 piedi e una portata di 72 pollici.

Lomachenko ha dimostrato domenica di avere ancora i riflessi per sparare attraverso i buchi quando compaiono. Può ancora evocare i ricordi di No Mas Chinko, l’uomo che fece dimettere dalla sedia un concorrente dopo l’altro durante il suo periodo come re della sterlina. Con il titolo di nuovo in vita, sembra pronto per un’ultima corsa ai vertici di questo sport.

— Coppinger


La carriera di Kambosos è ormai appesa a un filo. Qual è il futuro per lui?

Kambosos era pienamente consapevole degli enormi rischi coinvolti quando salì sul ring per combattere la superstar Lomachenko.

Sapeva che una vittoria avrebbe consolidato la sua eredità di icona della boxe australiana e di campione del mondo che avrebbe messo a segno non uno, ma due degli sconvolgimenti più sorprendenti dell’epoca, contro una coppia di combattenti generazionali. Kambosos ha detto fino alla nausea che un simile risultato sarebbe stato sufficiente per vederlo assicurarsi un posto nella International Boxing Hall of Fame, un onore conferito solo a cinque dei suoi compatrioti. Una vittoria aprirebbe anche la porta a più combattimenti per il campionato a 135 sterline.

Ma Kambosos sapeva anche che una sconfitta contro Lomachenko avrebbe segnato la fine della sua carriera di pugile internazionale. Domenica pomeriggio, dopo essere stato umiliato in casa per 11 round, Kambosos è apparso abbattuto mentre lasciava il ring, sapendo che la sua carriera era ormai appesa a un filo.

Per Kambosos, la sconfitta di domenica contro Lomachenko lo vedrebbe abbandonare l’ordine gerarchico dei pesi leggeri, sedendosi pericolosamente sull’orlo dell’irrilevanza, non solo nella divisione ma nel mondo della boxe. È improbabile che Kambosos possa lottare per un altro titolo mondiale, ma non ha rimpianti per aver accettato la battaglia.

“Ho dato il massimo. Ho avuto la migliore preparazione. Ho dato tutto in ritiro e sfortunatamente non è stato abbastanza oggi, ma è così. Hai fatto il meglio. Hai combattuto al meglio. Hai perso,” Kambosos ha detto a ESPN. “È un vero campione. È una leggenda in questo sport e ho il massimo rispetto per lui. Non gli ho mai mancato di rispetto. L’ho sempre rispettato e sapevamo a cosa andavamo incontro”.

La vittoria di Kambosos su Lopez non gli sarà mai tolta, ma la sua ultima sconfitta di domenica – la terza in quattro incontri – ha dimostrato che la notte d’inverno al Madison Square Garden è stata un’anomalia di prim’ordine.

Da allora l’australiano non è più sembrato un combattente del calibro di un campione del mondo. Non solo è stato sconfitto in ciascuno dei suoi ultimi quattro incontri, ma è stato anche incapace di risolvere i problemi sul ring e non mostra segni di cambiamento di slancio quando le cose non stanno andando per il verso giusto.

Il promotore di Kambosos Lou DiBella ha parlato all’inizio della settimana della possibilità che il suo uomo passi ai pesi welter junior per una rivincita contro Lopez. L’unico avvertimento era che doveva dimostrare di essere ancora un combattente di livello mondiale. La sua prestazione contro Lomachenko non ha fatto nulla del genere. Kambosos è stato sconfitto fin dalla campana di apertura fino a quando Lomachenko non ha sferrato una raffica di pugni costringendo il suo angolo a sventolare bandiera bianca.

–Michael

READ  Alex Verdugo ha fermato la finale contro i Guardians