Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

70 condanne in “Maxi inchiesta antimafia” contro la ‘Ndrangheta’

Pubblicato:

Nell’ambito della più grande indagine “antimafia” dalla fine degli anni ’80, questo sabato sono stati condannati dai tribunali italiani 70 membri del gruppo mafioso più potente d’Italia, la “Ndrangheta”.

La giustizia italiana sabato 6 novembre ha inferto un duro colpo al gruppo mafioso più potente d’Italia, la ‘Ndrangheta’, condannando i suoi 70 membri e altri individui ad esso associati nel contesto della più grande indagine della mafia. anni ’80.

Il giudice Claudio Paris ha letto il verdetto contro 91 imputati in un’ampia aula del tribunale di Lamezia Terme, in Calabria (sud), dove da gennaio si svolge il “processo più alto”. Centinaia di sospetti membri e collaboratori del sindacato del crimine organizzato ‘Ntrangeda.

355 imputati non sono ancora stati processati e l’azione è prevista per due anni o più.

>> Vedi: Processo alla ndrangheta per mafia in Italia: attesi più di 350 imputati, 400 avvocati e 900 testimoni

Le indagini sono durate diversi anni e sono culminate con i test effettuati nel dicembre 2019.

Le 91 persone ora sotto processo hanno optato per un processo veloce a porte chiuse, che ha permesso di ridurre la loro pena di un terzo in caso di condanna.

21 approvazioni

Il noto avvocato antimafia Nicola Gratteri – “i suoi tentativi di sconfiggere Entrangata lo hanno costretto a vivere in custodia della polizia per più di 30 anni – ha detto che tutto è andato “molto bene” sabato.

“Dei 91 imputati, 70 degli imputati sono stati condannati”, ha detto all’agenzia di stampa italiana AdnKronos, aggiungendo che quelli rilasciati erano attori minori.

Alcuni sono stati condannati dai pubblici ministeri a un massimo di 20 anni di carcere.

READ  Un ghiacciaio instabile sotto stretta osservazione in Italia

Sono ancora indagati Dominico Macri, membro dell’unità militare del gruppo, e Pascual Gallon, braccio destro di Luigi Mankuso, il presunto capomafia, in particolare Grigorio Niclia, coinvolto nell’acquisto e coinvolgimento di armi. Estorsione.

Un terzo del gruppo è stato condannato a dieci anni o più e 21 sono stati assolti, ha detto Greater.

Degli otto condannati a 20 anni di carcere, sei hanno ricevuto condanne complete, tra cui Pascual Gallon, 62 anni, che ha aiutato il suo datore di lavoro a pianificare il suo mandato di tre anni dal 2014, due anni dopo l’uscita di prigione di Luigi Mankuzo. 19 anni lì.

I principali colpevoli non sono ancora arrivati ​​al processo

Tuttavia, i principali imputati hanno scelto il processo ordinario, vale a dire Luigi Mankuzo “The Uncle”, 67 anni, considerato il capo delle ‘famiglie Entrongata’ che dominavano la provincia di Wipo Valentia in Calabria, e l’ex senatore e avvocato Giancarlo Pitelli, 68 .

La ‘Ndrangheta, situata in Calabria, la parte più povera d’Italia, controlla di più. Il flusso di cocaina Entra in Europa.

La rete, che concorre per le posizioni all’interno dell’organizzazione, che conta circa 150 famiglie, conta almeno 6.000 membri e affiliati in Calabria, e altre migliaia nel mondo, dicono gli esperti.

Sebbene ora operi a livello internazionale e le sue entrate siano reinvestite nell’economia legale, la capacità della ndrangheta di penetrare in tutti i rami della pubblica amministrazione in Calabria l’ha aiutata a ottenere affari redditizi e a consolidare il suo potere.

Gli imputati condannati sabato hanno dovuto rispondere specificamente per associazione mafiosa, tentato omicidio, riciclaggio di denaro sporco, traffico di droga, estorsioni e detenzione illecita di armi da fuoco.

Prova massima a Ampia aula di tribunale che può ospitare centinaia di avvocati I loro clienti e più di 900 testimoni legali e 58 testimoni.

READ  10 Viaggio nell'architettura italiana

Il famoso Maxiprocesso del 1986-1987, dal canto suo, con 338 condanne, fu un duro colpo per Cosa Nostra siciliana.

Con AFP