Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Top/Flops Italia – Nuova Zelanda: Italia Underwater, all black in gestione

Italia molto incline alla chirurgia neozelandese, ma pesantemente punita. Top e flop del match tra Italia e Nuova Zelanda (7-49).

top

Dan Coles ottiene un doppio centinaio

Con difficoltà nel primo tempo, la Nuova Zelanda è riuscita a convincere il suo tallonatore Dan Coles. Il 34enne neozelandese si è concesso il lusso di fare due mete sulla palla, sia offensive che difensive. Talento nel lancio, i suoi numerosi tocchi hanno permesso alla sua squadra neozelandese di metterlo in ottima forma molto vicino alla linea di porta italiana. Don Coles merita il premio “Match of the Match” per le sue prestazioni fuoristrada. “

Richie Mo’unga è quasi perfetto

Diversi tentativi della Nuova Zelanda hanno permesso all’apertore Richie Monga di lavorare nel gioco dei calci. Poiché Futon Barrett (non oggi) compete per la sua posizione, Richie Monga incontra spesso difficoltà a resistere alle posizioni. Un insegnante 6/7 questo pomeriggio, ha promesso il debuttante neozelandese, e mostra al suo allenatore che sta facendo progressi per uscire sotto la maglia degli All Blacks.

fallimenti

L’Italia è stata colpita da un’ondata di All Blacks

Quando si piega, finisce per rompersi. Gli italiani avrebbero camminato venti minuti prima di scrocchiare tre volte prima della fine del primo atto. Al ritorno dagli spogliatoi si è verificata una scena simile al primo periodo. Fisicamente limitati, gli italiani combatterono con le armi contro i pionieri neozelandesi, ma la marcia fu troppo. Il punteggio per lo Squadron Azura è alto, che ha mostrato i suoi limiti a livello internazionale negli ultimi anni.

Immoralità neozelandese

Lo stress è raro. La Nuova Zelanda ha concesso quindici rigori durante l’incontro contro gli italiani. La visione nera di Ian Foster (allenatore della Nuova Zelanda) in tribuna ha detto molto sull’atteggiamento di tutti i neri. Il più immorale nelle aree di conflitto, l’immoralità della Nuova Zelanda è il punto nero di questo gioco. Nonostante il loro grande successo, tutti i neri devono essere molto pazienti in difesa per gli incontri contro l’Irlanda e poi la Francia.

READ  Italia: nati da genitori stranieri, non hanno potuto partecipare al campionato di basket