Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

White Island: inizia il processo per la tragedia del vulcano in Nuova Zelanda

White Island: inizia il processo per la tragedia del vulcano in Nuova Zelanda

  • Di Tiffany Turnbull
  • Notizie della BBC, Sidney

fonte dell’immagine, Immagini Getty

I tour operator accusati di aver fallito la sicurezza in vista del disastro mortale del vulcano White Island stanno affrontando un processo storico in Nuova Zelanda.

Ventidue persone sono morte quando il vulcano più attivo del paese è esploso improvvisamente il 9 dicembre 2019.

Da settimane mostrava segni di agitazione, con gli organizzatori della sede che affermavano che l’eruzione non era inaspettata ma che i tour operator non erano preparati.

Sei parti rischiano multe fino a NZ $ 1,5 milioni ($ 928.000; £ 724.000) se vengono giudicate colpevoli.

Al momento dell’eruzione, c’erano 47 persone sull’Isola Bianca, nota anche come Māori wakari. Quasi la metà dei presenti è stata uccisa, comprese 17 persone dall’Australia, tre dagli Stati Uniti e due dalla Nuova Zelanda. Altri 25 sono rimasti feriti, molti con orribili ustioni.

Il disastro ha provocato l’indagine più approfondita e complessa di sempre da parte di WorkSafe NZ, il principale regolatore di salute e sicurezza del paese, che a sua volta è stato criticato per non aver monitorato le attività sull’isola tra il 2014 e il 2019.

Tredici parti sono state inizialmente accusate nel dicembre 2020 di aver messo le persone a rischio di danni ai sensi della legge sulla salute e la sicurezza. Sono stati accusati di non aver valutato e mitigato i rischi, di non aver informato adeguatamente i turisti dei rischi e di non aver fornito dispositivi di protezione.

Nessuna delle accuse riguarda eventi accaduti durante o dopo l’eruzione e gli imputati includono aziende che all’epoca non avevano turisti sul vulcano.

Da allora, il caso contro uno dei tour operator è stato archiviato e altri sei si sono dichiarati colpevoli prima del processo, solo pochi giorni prima. La maggior parte di loro non è ancora stata giudicata.

La White Island Tours, che era responsabile della sicurezza di tutte le vittime tranne una, è tra le compagnie che hanno ammesso le accuse.

Rimangono sei imputati, compresi i membri della famiglia Battle, proprietaria di White Island dal 1936.

A Peter, James e Andrew Patel, i tre fratelli che hanno ereditato l’isola, sono stati affidati i ruoli di direttori di Whakaari Management, che ha concesso licenze a tour operator e si fa carico anche di compensi a livello aziendale.

Anche ID Tours New Zealand Limited e Tauranga Tourism Services Limited stanno impugnando le accuse contro di loro in tribunale.

Il solo processo del giudice, che inizia l’udienza delle prove martedì, dovrebbe durare quattro mesi.

Un tempo popolare destinazione turistica visitata da migliaia di persone ogni anno, i turisti non sono più tornati a White Island dopo la tragedia.

Il vulcano ha eruttato in qualche modo dal 2011 ed è stato valutato al livello di allerta vulcanica 2 al momento del disastro, indicando “disturbi vulcanici da moderati a maggiori”.