Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una semplice modifica alle regole potrebbe rendere nuovamente emozionante il GP di Monaco

Una semplice modifica alle regole potrebbe rendere nuovamente emozionante il GP di Monaco

Con le macchine di Formula 1 che diventano più grandi e pesanti che mai, è chiaro che le auto hanno superato le famose auto da strada in termini di capacità di offrire emozionanti azioni ruota a ruota.

A volte ci sono state affermazioni secondo cui è il design che deve essere modificato per cercare di aprire un’opportunità di sorpasso adeguata da qualche parte.

Le idee spaziavano dalla possibilità di modificare la Nouvelle Chicane (potrebbe essere resa più ampia e più visibile, in modo da renderla uno spazio transitorio?) alla creazione di nuovi angoli.

Un’idea di cui si è parlato spesso è che le auto girino a sinistra a Portiers e percorrano per un po’ le strade lungo la spiaggia prima di tornare su un rettilineo molto più lungo (e zona DRS) fino alla svolta.

Alla domanda sulla possibilità di modifiche alla pista, il caposquadra della Red Bull Christian Horner ha dichiarato: “Monaco sta continuando a recuperare terreno, quindi penso che sia qualcosa a cui noi collettivamente e per la Formula 1 dobbiamo guardare perché è un posto fantastico”. .

Veduta della cerchia e degli edifici circostanti

Fotografia: Mark Sutton / Immagini di sport motoristici

“C’è molta storia qui, ma tutto è in evoluzione. Penso che le auto siano così grandi ora. Se le confronti con le auto di 10 anni fa, sono quasi il doppio, quindi è qualcosa che dobbiamo guardare collettivamente – come sport con promotori – “Come possiamo offrire l’opportunità di sorpassare?”

Tuttavia, apportare un cambiamento radicale creando curve extra non solo sarebbe molto costoso, ma non garantirebbe nemmeno un miglioramento della gara.

I sorpassi sono difficili nella moderna Formula 1, e ci sono moltissimi circuiti – basta guardare Imola la settimana prima – dove i posti di sorpasso sono molto limitati.

READ  Mike Clevinger firma con i White Sox (fonte)

Il GP di Monaco di quest’anno è stato particolarmente processionale a causa delle circostanze legate alla bandiera rossa al primo giro.

Ha effettivamente trasformato la gara in una gestione non-stop delle gomme, dove l’obiettivo del gioco era andare il più lentamente possibile per evitare la necessità di cambiare la gomma.

Come ha ammesso George Russell, che correva molto veloce, non c’era nulla da guadagnare andando più veloce perché tutto ciò che rischiava erano problemi più avanti nella gara.

George Russell, Mercedes F1 W15

George Russell, Mercedes F1 W15

Fotografia: Zach Mauger / Immagini di sport motoristici

Monaco non è l’unico a soffrire di condizioni di strategia delle gomme che ostacolano il potenziale di eccitazione. La Formula 1 ha sofferto più volte nel recente passato quando una safety car anticipata impone un primo pit-stop molto prima che i team lo volessero, e la gara poi si trasforma in una gestione estrema finché tutti non arrivano alla fine, il che non è molto emozionante.

Come la Formula 1 ha ben riconosciuto, la chiave per ottenere buone gare e sorpassi è garantire la differenza di prestazioni tra le vetture nelle diverse fasi del Gran Premio – e il modo migliore per farlo è con la strategia degli pneumatici.

Monaco ha sempre garantito di essere uno sportello unico perché la bassa richiesta di potenza della pista fa sì che gli pneumatici esistenti possano durare per l’intera gara e il sottoquotazione è in gran parte inefficace.

Ciò significa che ci sono possibilità molto limitate di bilanciare la strategia, e una netta mancanza del tipo di rischio che si corre in altri posti dove le auto bruciano le gomme.

READ  L'attacco dei 49ers prese fuoco demolendo gli Eagles 42-19

Lewis Hamilton si è affrettato a sottolineare dopo la gara che il problema risiedeva nelle gomme.

“Alla fine, penso che i nostri pneumatici siano in grado di correre una gara intera”, ha detto “La mescola degli pneumatici qui è molto difficile. Devi trovare il modo di ravvivarlo, magari tre fermate obbligatorie o qualcosa per ravvivarlo un po’ di più.

Lewis Hamilton, Mercedes W15

Lewis Hamilton, Mercedes W15

Fotografia: Eric Junius

Costringere i piloti a fermarsi più volte potrebbe essere visto come un po’ artificiale e probabilmente renderebbe la gara più una lotteria, dato il lavoro necessario per garantire quegli slot in griglia nella parte anteriore.

Ma il compagno di squadra di Hamilton, Russell, ha forse trovato la soluzione più ovvia e logica per garantire che Monaco non ripeta mai il tipo di gare a cui abbiamo assistito lo scorso fine settimana.

“Penso che se portassimo solo gomme morbide”, ha detto. “Una gomma morbida non durerà tutta la gara. Potrebbe anche essere necessario fare due soste. Qualcuno potrebbe provarne una. Penso che passare l’intero weekend con scarpe morbide risolverebbe molti problemi.”

E ha assolutamente ragione. Ottenere solo gomma morbida sarà una sfida gestionale e porterà a una serie di strategie diverse su e giù per il campo, da coloro che scelgono di dare il massimo pensando che stint extra su gomma fresca siano meglio di “lento e costante” e non Non ho bisogno di quella gamba in più. La compensazione delle prestazioni degli pneumatici può aprire la porta ad alcuni passaggi e il sottosquadro sarà molto forte.

Ci saranno più opportunità per i team di lanciare il dado e di essere aggressivi nei pit stop, e questo garantirà che non ci sia modo per i piloti di bloccare le gomme all’inizio della gara e aspettarsi di arrivare al traguardo senza fermarsi.

READ  Scelte di basket universitario, programma: previsioni vs spread, quote, migliori 25 partite, Arizona vs Wisconsin

Perché anche il cambiamento avvenga, non sarebbe necessario spendere milioni per la creazione di nuove curve, né simulazioni complesse e l’approvazione della FIA.

In alternativa, si potrebbe farlo attraverso un semplice voto nel Comitato consultivo sportivo e poi nella Commissione F1 per promuovere una modifica ai regolamenti che conta solo per quella gara.

Il regolamento sportivo della Formula 1 prevede già a Monaco una clausola che permette alla corsa di proseguire per 260 chilometri anziché 305 chilometri come altrove, quindi perché non introdurre anche una regola specifica che stabilisca che solo per questa gara la Formula 1 si allontana dal portare i tre veicoli obbligatori che vengono portati ovunque e verranno utilizzati esclusivamente?

Pochi resisterebbero a un’idea del genere, soprattutto perché non potrebbe rendere le cose meno emozionanti di quanto lo fossero lo scorso fine settimana.

Charles Leclerc, Ferrari SF-24, Oscar Piastri, McLaren MCL38

Charles Leclerc, Ferrari SF-24, Oscar Piastri, McLaren MCL38

Fotografia: Sam Bloxham / Immagini di sport motoristici

Come ha detto Max Verstappen riguardo all’apertura a provare qualcosa di diverso: “In generale, il fine settimana è davvero fantastico, purtroppo solo la domenica è un po’ noiosa.

“Ma lo spettacolo è comunque grandioso. Se riuscissimo a trovare un modo per correre un po’ meglio, perché no? Questa sarebbe la mia soluzione preferita.”