Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Jannik Sinner ha battuto Daniil Medvedev vincendo gli Australian Open, il suo primo titolo del Grande Slam

Jannik Sinner ha battuto Daniil Medvedev vincendo gli Australian Open, il suo primo titolo del Grande Slam

Hanno fretta, questo gruppo più giovane di stelle del tennis, senza alcun interesse ad aspettare il proprio turno per impossessarsi del loro sport, o a rispettare i loro anziani.

In una calda domenica sera alla Rod Laver Arena, Jannik Sinner, la 22enne stella nascente italiana, è diventato l'ultimo membro della “prossima generazione” a vincere un titolo del Grande Slam.

Ha recuperato da due set sotto per sconfiggere Daniil Medvedev 3-6, 3-6, 6-4, 6-4, 6-3 e vincere il titolo dell'Australian Open alla sua prima apparizione in uno degli scontri finali della partita. Così facendo, è diventato il secondo giocatore sotto i 23 anni nell'era Open a vincere una finale del Grande Slam dopo essere stato sotto di due set, dopo Bjorn Borg (Roland Garros, 1974). È solo l'ottavo in assoluto a farlo.

“È un felice Grande Slam”, ha detto Sinner, usando il soprannome che Roger Federer ha dato agli Australian Open quando teneva in mano il grande trofeo d'argento. Poi il suo pensiero è andato al cuoco e ristoratore della regione montuosa del nord-est d'Italia che lo ha cresciuto e che, a suo dire, gli ha dato la possibilità di scegliere il suo sport e seguire il suo sogno. “Dove è mio padre, al mattino ci sono -20 gradi!”

Ha detto che sarebbe stato meglio correre sui campi da tennis durante l'estate australiana e diventare l'uomo più giovane a vincere l'Australian Open dai tempi di Djokovic nel 2008.

Arrivando alla finale, Medvedev aveva poche speranze di affrontare Sinner, che ha sempre avuto una reputazione di grandezza e la cui velocità e potenza sembravano incontrarsi al momento giusto. Medvedev aveva perso le ultime tre partite contro Sinner. Ha trascorso circa 20 ore in campo, comprese due maratone da cinque set, una delle quali è terminata alle 3:40 durante la prima settimana. Sinner ha impressionato nei suoi pareggi, inclusa la sua straordinaria vittoria sul 10 volte campione Novak Djokovic in semifinale.

Ma Medvedev è entrato in campo con un chiaro vantaggio: era già stato su questo palco. Questa era la sua terza finale dell'Australian Open e la sesta volta che giocava per un titolo del Grande Slam. Questa è stata la prima partita di Sinner e per i primi due set ha giocato in quel modo: energico nel linguaggio del corpo, esitante nei movimenti, esitante nel mettere a segno i tiri, un'ombra del giocatore che era stato nelle ultime due settimane.

READ  La star del Villarreal parla di Champions League, lavora con Unai Emery e affronta il Liverpool

Nel tentativo di restare in partita nel terzo set, Siner si è avventato su uno stanco Medvedev per tirarlo indietro, mentre la Rod Laver Arena si è animata per la prima volta in tutta la notte – e gli italiani che avevano urlato in mezzo al pubblico finalmente hanno avuto qualcosa da gridare Di. All'improvviso, Medvedev sembrava avere visioni di una finale del 2022 quando ha costruito un vantaggio di due set contro l'irresistibile forza del tennis, l'emergente Rafael Nadal.

L'ondata peccaminosa di domenica sera è stata qualcos'altro.


Segui la nostra copertura sul tennis cliccando qui

E segui i nostri ultimi pezzi


Innanzitutto smettere di commettere errori sui tiri base, soprattutto sul rovescio, che Medvedev aveva iniziato a testare fin dalla prima partita e non ha mai smesso. Ha poi iniziato a lottare per guadagnare punti sul servizio di Medvedev, costringendolo a utilizzare le sue riserve di energia, inizialmente scarse dopo due settimane di maratona di partite.

E poi, con il punteggio in parità per la prima volta in quasi tre ore, Sinner ha finalmente iniziato a sparare laser dalla linea di fondo che avevano messo KO i suoi precedenti sei avversari, incluso il più grande di tutti i tempi.

Jannik Sinner era alla sua prima finale del Grande Slam (David Gray/AFP tramite Getty Images)

Il break decisivo del servizio è arrivato nel sesto gioco del quinto set, secondo uno schema che Medvedev aveva imparato a conoscere nell'ultima ora. Sinner è saltato su una seconda di servizio debole per riportarla in campo e due colpi dopo ha centrato un dritto che Medvedev non ha potuto fare altro che guardare mentre esplodeva.

Tre partite dopo, Sinner è diventato il primo italiano a vincere gli Australian Open nell'era moderna del tennis, terminando la partita con un dritto finale lungo la linea e poi crollando sulla schiena mentre la guardava bruciare in fondo al campo. Medvedev è diventato il primo uomo a perdere due set di vantaggio in una finale del Grande Slam per due volte.

“Hai lottato fino alla fine e sei riuscito ad aumentare il tuo livello”, ha detto Medvedev a Sinner alla fine, tenendo in mano il trofeo del secondo posto per la terza volta. “Perdere in finale è sempre doloroso, ma forse perdere in finale è meglio che perdere prima. Sono orgoglioso di me stesso e la prossima volta farò del mio meglio”.

Daniil Medvedev era alla sua sesta finale del Grande Slam e ne ha perse cinque (Cameron Spencer/Getty Images)

Per la maggior parte degli ultimi due anni, Carlos Alcaraz, il ventenne giocatore spagnolo, ha dominato il clamore del tennis maschile essendo all'altezza del clamore come la prossima grande novità in questo sport. Ma mentre Alcaraz è salito ai vertici del gioco, diventando nel 2022 l’uomo più giovane a diventare il numero 1 al mondo dall’inizio del moderno sistema di classificazione, Sinner ha predicato il valore della pazienza e del processo.

READ  UFC 299 Sean O'Malley vs. Marlon Chito Vera risultati in tempo reale e analisi

Aveva promesso che sarebbe arrivato il suo momento, ma era diverso da Alcaraz, qualcuno che aveva bisogno di migliorare passo dopo passo, avanzare metodicamente fino ai vertici dei campionati e imparare a giocare sui palcoscenici più grandi di questo sport. Tutti avevano fretta che lui e Alcaraz si affrontassero e si impegnassero in una nuova competizione nello spirito di Federer-Nadal o Nadal-Djokovic.

Ha detto: Ogni cosa a suo tempo. Forse quel momento è arrivato domenica sera, in parte perché mentre osservava le leggende di questo sport per imparare come si allenavano e si preparavano, Alcaraz si convinceva anche che anche lui avrebbe potuto battere i migliori giocatori, anche se era giovane.

Molto poco nello sport avviene per caso, tanto meno si crea un campione del Grande Slam. Il tennis è uno sport individuale, ma a volte i paesi producono ondate di giocatori di punta. Poco più di una dozzina di anni fa, la Spagna era la regina del tennis, vincendo la Coppa Davis, la massima competizione nazionale di questo sport, quattro volte in otto anni, con Nadal al vertice.

Il tennis italiano era un disastro, con pochi top player e pochi talenti. In quel periodo, l'associazione tennistica del paese escogitò un piano per diventare una destinazione per più tornei professionistici junior e junior. Ciò ha permesso a giocatori come Sinner, Lorenzo Musetti, Matteo Arnaldi e altri supportati dalla federazione di acquisire esperienza gareggiando ad alto livello senza dover sostenere i costi di trasferte internazionali.

“Ho avuto un supporto straordinario”, ha detto Sinner.

Tuttavia, non esiste una formula sicura per creare un campione del Grande Slam, soprattutto uno che emette un suono diverso quando colpisce una pallina da tennis con la racchetta, una sorta di schiocco che fa capire all'avversario che la palla sta arrivando velocemente a lui.

READ  Classifica MLB Power per la settimana 8

Esiste una strategia molto basilare nel tennis, che chiunque abbia giocato o guardato questo sport anche solo poche volte conoscerà bene. Fondamentalmente si riduce a stare sulla linea di fondo e colpire ripetutamente la palla con il rovescio dell'avversario finché non riesci a dimostrare che il tuo rovescio è abbastanza forte da resistere alla pressione. A quel punto, la punizione può iniziare ad essere imposta perché il giocatore sa cosa sta succedendo.

Questo è il piano A. Spesso non funziona bene nelle finali del Grande Slam perché i migliori giocatori del mondo possono gestire quasi tutti i tiri se sanno cosa sta per succedere, anche se il loro rovescio non è eccezionale.

Nel caso di Medvedev ha funzionato a lungo, poiché Sinner non è riuscito a gestire la pressione dello scambio di colpi e del momento, ma Sinner ha iniziato a prendere vita con Medvedev che ha servito per il secondo set, il punteggio è stato 5- 1. Sinner lo ha rotto e poi quasi lo ha rotto di nuovo sul 5-3 ed è entrato nel terzo set pensando di avere una possibilità.

Mentre la rimonta di Sinner aumentava, Darren Cahill, uno degli allenatori di Sinner, si fermò nel suo box e gridò: “È stanco”, ricordando a Sinner di avere una mentalità da campione.

“Una volta che arrivi al quarto e al quinto set, conta quello che hai dentro”, ha detto Cahill.

Medvedev stava succedendo qualcosa, ma le cose si stavano muovendo velocemente. Voleva disperatamente evitare il suo quarto incontro da cinque set del torneo quando ha trascorso più tempo in campo di quasi chiunque altro nella storia del Grande Slam e, secondo le parole di Cahill, è andato “all'inferno e ritorno” per raggiungere due punti al servizio. Per ottenere il titolo.

Era il massimo che poteva avvicinarsi. C'era un altro giovane giocatore nel gioco che gli chiedeva di fare spazio.

“Si vive con quel tipo di movimento”, ha detto Sinner. “Non ti rendi nemmeno conto di quanto velocemente ti stai muovendo.”

(Immagine in alto: Cameron Spencer/Getty Images)