Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un parlamentare di estrema destra afferma che i medici possono rifiutare le cure per motivi religiosi, provocando un putiferio

Un parlamentare di estrema destra afferma che i medici possono rifiutare le cure per motivi religiosi, provocando un putiferio

Il legislatore sionista religioso Orit Struck, che dovrebbe servire come ministro nel nuovo governo israeliano, ha dichiarato domenica che ai medici dovrebbe essere consentito di rifiutarsi di fornire trattamenti che contraddicono la loro fede religiosa, a condizione che un altro medico sia disposto a offrire lo stesso trattamento . .

Diversi politici della coalizione uscente hanno denunciato le dichiarazioni di Struck come razziste e discriminatorie, mentre il nuovo primo ministro Benjamin Netanyahu ha preso le distanze dalla sua posizione. Netanyahu ha anche negato che la sua coalizione consentirebbe l’approvazione di una legge in tal senso, anche se gli accordi di coalizione emergenti prevedono la modifica della legge esistente contro tale discriminazione.

Il capo dell’Associazione medica israeliana, il prof. Zion Hagai, ha insistito sul fatto che i medici in Israele avrebbero sfidato qualsiasi tentativo di consentire l’uso di pratiche discriminatorie nel trattamento dei pazienti.

“Se a un medico viene chiesto di fornire qualsiasi tipo di trattamento a una persona che violerebbe la sua fede religiosa, se c’è un altro medico che può farlo, non puoi costringerlo a fornire cure”, ha detto Struck all’emittente pubblica Kan.

“Le leggi contro la discriminazione sono giuste e doverose quando creano una società giusta, equa, aperta e inclusiva”, ha detto Struck, che diventerà ministro per i progetti nazionali nel nuovo governo e che ha autorità sul Ministero della cultura ebraica. finora parte del Ministero dell’Istruzione. “Ma c’è una certa aberrazione in cui la fede religiosa viene calpestata e vogliamo correggerla”.

Struck stava parlando in relazione a trattamenti a cui un medico potrebbe avere qualche obiezione religiosa, come il trattamento della fertilità per le donne non sposate, nel contesto generale della legislazione proposta dal suo partito per consentire alle aziende o alle istituzioni private di rifiutare il servizio per motivi di coscienza religiosa.

Secondo l’emittente statale Kan, una clausola nell’accordo di coalizione tra il Likud e il sionismo religioso afferma che il nuovo governo approverà una legislazione per consentire agli imprenditori di rifiutarsi di fornire servizi ai clienti se ciò viola le loro convinzioni religiose.

READ  Ostaggi tailandesi: conforto per una donna che teme che il fidanzato muoia nell'attacco di Hamas

Ma Netanyahu ha negato che l’accordo di coalizione preveda una tale legge.

Il leader del Likud, il parlamentare Benjamin Netanyahu (a sinistra), parla con il presidente del partito del sionismo religioso Bezalel Smotrich, durante una votazione alla Knesset, il 20 dicembre 2022. (Yonatan Sindel/Flash90)

Le parole di MK Orit Struck sono inaccettabili per me e per i miei colleghi del Likud. Gli accordi di coalizione non consentono discriminazioni nei confronti degli omosessuali né pregiudicano il diritto di qualsiasi cittadino di Israele a ricevere il servizio. Netanyahu ha affermato in una dichiarazione che il Likud assicurerà che non verrà fatto alcun danno agli omosessuali o a qualsiasi cittadino israeliano.

Nonostante le smentite di Netanyahu, il giornalista Michael Shemesh cinguettio Una copia della clausola pertinente dell’accordo di coalizione, in cui si afferma che l’Anti-Discrimination Act dovrebbe essere modificato “in modo tale da prevenire danni a un’impresa privata che rifiuta di fornire un servizio o un prodotto a causa del credo religioso, a condizione che è un servizio o un prodotto che non è unico e che un sostituto può essere trovato nelle vicinanze a un prezzo simile “.

Secondo Kan, la clausola appare in ogni accordo di coalizione tra il Likud e gli altri partiti nel prossimo governo, anche se l’accordo tra il Likud e Agudat Yisrael, metà della fazione United Torah Judaism, è stato firmato finora ufficialmente.

La legge nella sua forma attuale vieta la discriminazione da parte di coloro che forniscono servizi o prodotti pubblici sulla base di razza, religione, genere, orientamento sessuale e altre considerazioni simili, e chiunque lo faccia è soggetto a una sanzione.

Secondo Struck, la legislazione che lei e il sionismo religioso stanno offrendo consentirebbe a questi fornitori di servizi di rifiutare un servizio se ritengono che violi la loro fede religiosa, purché esista un altro servizio simile entro una ragionevole portata geografica.

Struck ha fatto l’esempio di una situazione in cui un cristiano voleva organizzare una festa di Natale con un albero di Natale in un luogo di proprietà di un ebreo osservante.

READ  Le notizie sul clima possono creare confusione. Ecco come dare un senso.

“Suppongo che un ebreo osservante non vorrebbe farlo perché va contro la sua fede religiosa… Gli ebrei hanno dato la vita per non fare cose del genere nel corso della storia. La legge non dovrebbe trattare la legge ebraica come qualcosa di valore inferiore, ” lei disse.

“Lo Stato di Israele è lo Stato del popolo ebraico, un popolo che ha sacrificato la propria vita per la propria fede religiosa. È inaccettabile che, avendo stabilito uno Stato dopo 2000 anni di esilio e sacrificando le proprie vite per il bene della Torah, questo lo stato chiama la fede religiosa “discriminazione”.

Il parlamentare sionista religioso Simcha Rothman alla riunione del Comitato per gli accordi alla Knesset, 21 giugno 2021 (Yonatan Sindel/Flash90)

A sostegno di Struck, il collega sionista religioso MK Simcha Rothman ha fatto osservazioni simili domenica, affermando che se un hotel volesse rifiutare il servizio ai gay per motivi religiosi, avrebbe il diritto di farlo.

“Il datore di lavoro può fare quello che vuole con la sua attività”, ha detto Rothman a Kan.

“La legge stabilisce che una società non può discriminare per vari motivi. Questa legge [proposed by his party] Rothman ha detto: “Non cerca di abrogare il divieto generale contro la discriminazione, ma afferma che quando c’è un impedimento religioso per una persona a fare qualcosa, può astenersi dal servire, piuttosto che essere costretto a fare qualcosa contrario alle sue convinzioni”.

Alla domanda se un ebreo possa rifiutare il servizio agli arabi sulla base del fatto che crede che gli arabi non dovrebbero vivere in Terra d’Israele, Rothman si è rifiutato di rispondere. Ha anche rifiutato di specificare il meccanismo che verrà messo in atto per determinare se il rifiuto del servizio si basa o meno su un legittimo credo religioso.

Diversi membri dell’opposizione entrante hanno criticato i commenti di Struck e Rothman come razzisti, omofobi e discriminatori.

Il primo ministro uscente Yair Lapid ha denunciato le osservazioni di Struck e ha incolpato Netanyahu per tali sentimenti, dicendo che ci stava “conducendo in un paese oscuro”. [ruled by] legge ebraica».

READ  È morto a 62 anni Rakesh Jonghunwala, 'Warren's Indian Buffet'

Il deputato laburista Gilad Kariv ha twittato: “Non dovremmo essere sorpresi dai commenti razzisti di Orit Struck.

Ram Ben-Barak, deputato parlamentare del partito Yesh Atid, ha affermato di non credere alle smentite di Netanyahu e ha avvertito che il Paese si sta muovendo in una direzione che consente una diffusa discriminazione.

Abbiamo avuto periodi in cui c’erano cartelli che dicevano “Vietato l’accesso agli ebrei” e ora stiamo vedendo queste leggi che consentono agli imprenditori di decidere a chi vogliono vendere. Ben Brak ha predetto che ci saranno negozi di alimentari che diranno “Le donne non possono entrare” e domani ci sarà un altro negozio che dirà “Agli arabi non è permesso entrare”.

hagai, cUn esperto di capelli per l’Associazione medica israeliana ha insistito: “I medici in Israele sono vincolati dal giuramento di un medico e non permetteranno a nessuno o ad alcuna legge di cambiare questo fatto”, in risposta ai commenti di Struck.

Non permetteremo che vengano introdotte considerazioni esterne o politiche tra medici e pazienti. Il sistema sanitario è sempre stato un’isola della mente, un simbolo di convivenza, un luogo in cui ebrei e arabi lavorano fianco a fianco, con il valore dell’uguaglianza che li illumina”, ha twittato Hagai.

“Il giuramento ebraico del medico dice espressamente: ‘Aiuterai un malato perché è malato, sia che sia straniero o non ebreo, sia che sia nativo, vile o onorevole.'” Ha scritto nella preghiera dei medici Maimonide: “Vedrò solo una persona in una persona malata. Così è sempre stato e sarà per sempre”.

Anche Hila Peer, presidente dell’Associazione per l’uguaglianza LGBT in Israele, ha denunciato le osservazioni come “antiebraiche” e vergognose.

I parlamentari Struck e Rothman vogliono discriminare le persone gay in modo che restiamo nelle nostre case come nei giorni bui dell’umanità. Beer ha detto, invitando Netanyahu a opporsi a tale legislazione.

Rispondendo alle critiche, Struck ha dichiarato: “Nessuno intende discriminare le persone gay a causa di chi sono o di ciò con cui si identificano. Né durante le cure mediche, né in qualsiasi altro modo. Le persone LGBT sono esseri umani che meritano rispetto e amore come proprio come chiunque altro.”

Ma ha insistito sul fatto che se ci fosse “un trattamento medico contrario alla legge ebraica, un medico religiosamente osservante non sarebbe obbligato a darlo, non importa chi fosse il paziente”.