Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un nuovo “supercontinente” potrebbe spazzare via gli esseri umani e rendere la Terra inabitabile, suggerisce uno studio

Un nuovo “supercontinente” potrebbe spazzare via gli esseri umani e rendere la Terra inabitabile, suggerisce uno studio

Tempo di lettura stimato: 3-4 minuti

BRISTOL, Regno Unito – I ricercatori prevedono che la formazione di un nuovo “supercontinente” potrebbe spazzare via gli esseri umani e tutti gli altri mammiferi ancora in vita entro 250 milioni di anni.

Utilizzando i primi modelli climatici del lontano futuro realizzati da un supercomputer, gli scienziati dell’Università di Bristol nel Regno Unito hanno previsto come gli eventi climatici estremi si intensificheranno dopo che i continenti del mondo si uniranno per formare un unico supercontinente, Pangea Ultima, tra circa 250 milioni di anni.

Hanno scoperto che l’atmosfera sarebbe estremamente calda, secca e quasi inabitabile per gli esseri umani e i mammiferi, che non si sono evoluti per gestire l’esposizione prolungata al caldo estremo.

I ricercatori hanno simulato le tendenze di temperatura, vento, precipitazioni e umidità nel supercontinente e hanno utilizzato modelli di movimento delle placche tettoniche, chimica degli oceani e biologia per calcolare i livelli di anidride carbonica.

Hanno scoperto che la formazione di Pangea Ultima non solo porterebbe a eruzioni vulcaniche più regolari, rilasciando anidride carbonica nell’atmosfera e riscaldando il pianeta, ma anche che il Sole diventerebbe più luminoso, emettendo più energia e provocando un riscaldamento ancora maggiore della Terra. hanno sottolineato gli esperti nello studio. L’articolo è stato pubblicato lunedì sulla rivista Scienze naturali della Terra.

“Un supercontinente appena emergente creerebbe effettivamente un triplo disastro tra cui un effetto continentale, un sole più caldo e più anidride carbonica nell’atmosfera”, ha detto in una conferenza stampa Alexander Farnsworth, ricercatore associato presso l’Università di Bristol e autore principale dello studio. dichiarazione di lunedì. .

“Le temperature diffuse comprese tra 40 e 50 gradi Celsius (da 104 a 122 gradi Fahrenheit) e fino agli estremi giornalieri, combinate con alti livelli di umidità, determineranno alla fine il nostro destino. Gli esseri umani moriranno, insieme a molte specie.” incapacità di liberarsi di questo calore attraverso il sudore e di rinfrescare i loro corpi, ha aggiunto Farnsworth.

READ  SpaceX ha lanciato e fatto atterrare un razzo Falcon 9 da record

Farnsworth ha osservato che l’aumento del caldo creerà un ambiente privo di cibo o fonti d’acqua per i mammiferi.

Anche se ci sono notevoli incertezze nel fare previsioni per un futuro così lontano, gli scienziati hanno affermato che il quadro appare “molto desolante”, con solo circa l’8%-16% della terra del supercontinente abitabile per i mammiferi.

Secondo il rapporto, il biossido di carbonio potrebbe essere il doppio dei livelli attuali, anche se il calcolo è stato fatto partendo dal presupposto che gli esseri umani avrebbero ormai smesso di bruciare combustibili fossili, “altrimenti vedremmo questi numeri molto prima”, ha affermato Benjamin Mills, professore di carbonio. biossido in quel momento.la terra. Lo sviluppo dell’Università di Leeds è che stiamo già assistendo a un caldo estremo dannoso per la salute umana. “Ecco perché è importante raggiungere le emissioni nette zero il prima possibile”, ha aggiunto Lu.

Secondo un importante rapporto sostenuto dalle Nazioni Unite pubblicato lo scorso anno, il cambiamento climatico è sulla buona strada per trasformare la vita sulla Terra, con miliardi di persone e altre specie destinate a raggiungere punti in cui non potranno più adattarsi a meno che il riscaldamento globale non venga drasticamente rallentato.

Gli scienziati avvertono da decenni che l’aumento della temperatura deve rimanere al di sotto dei 2,7 gradi Fahrenheit rispetto ai livelli preindustriali, per avere qualche possibilità di ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili ed evitare cambiamenti catastrofici che altererebbero rapidamente la vita come la conosciamo.

L’ultima estinzione di massa si è verificata circa 66 milioni di anni fa, quando un asteroide si è scontrato con la Terra e ha ucciso i dinosauri e la maggior parte della vita sul pianeta.

READ  Il trio cosmico - Luna, Venere e Marte - al solstizio di giugno 2023

Ultime storie internazionali

Altre storie che potrebbero interessarti