Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un giudice federale sta bloccando un piano della Casa Bianca volto a limitare le penalità per i ritardi sulle carte di credito

Un giudice federale sta bloccando un piano della Casa Bianca volto a limitare le penalità per i ritardi sulle carte di credito

Un giudice federale del Texas ha bloccato una nuova norma governativa in tal senso Ridurre i ritardi nei pagamenti con carta di credito Le accuse sono al centro degli sforzi dell’amministrazione Biden per reprimere le tariffe “indesiderabili”.

Venerdì il giudice Mark Bittman della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale del Texas ha emesso un’ingiunzione richiesta dal settore bancario e da altri interessi commerciali per congelare le restrizioni, che avrebbero dovuto entrare in vigore il 14 maggio.

Nella sua sentenza, Pittman ha citato una decisione del 2022 della Corte d’Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti, che ha ritenuto incostituzionali i finanziamenti al Consumer Financial Protection Bureau (CFPB), l’agenzia federale incaricata di far rispettare la regola delle carte di credito.

I regolamenti, adottati dal CFPB a marzo, mirano a limitare a 8 dollari le penalità per i pagamenti con carta di credito, rispetto alle attuali penalità di 30 dollari o più. Sebbene rappresentino un inconveniente per i consumatori, secondo l’agenzia le commissioni generano circa 9 miliardi di dollari all’anno per gli emittenti di carte.

Dopo il CFPB del 5 marzo Annunciare Per quanto riguarda il divieto di quelle che vengono definite commissioni “eccessive” per il ritardo delle carte di credito, l’American Bankers Association (ABA) e la Camera di commercio degli Stati Uniti hanno presentato un ricorso legale.

L’ABA, un gruppo commerciale del settore, ha elogiato la decisione di Pittman.

“Questa ingiunzione eviterà alle banche di dover conformarsi immediatamente a una regola che chiaramente eccede l’autorità statutaria del CFPB e porterà a più ritardi nei pagamenti, punteggi di credito più bassi, aumento del debito, accesso ridotto al credito e TAEG più alti per tutti i consumatori – compresi i stragrande maggioranza.” “Da titolari di carte che pagano in tempo ogni mese”, ha affermato il CEO di ABA Rob Nicholls in una nota.

I gruppi di consumatori hanno criticato la decisione, affermando che danneggerebbe gli utenti di carte di credito in tutti gli Stati Uniti

“Nell’ultima di una raffica di cause legali progettate per ottenere profitti aziendali record a scapito di tutti gli altri, la Camera degli Stati Uniti per ora ha avuto la meglio, assicurando che le famiglie siano esposte alla riduzione dei prezzi per un po’ più a lungo con penalità per i ritardi sulle carte di credito fino a a 41 dollari”, ha affermato Liz Zelnick da Accountable.US, un gruppo di difesa apartitico, in una dichiarazione: “La Camera degli Stati Uniti e le grandi banche che rappresenta hanno corrotto il nostro sistema giudiziario facendo acquisti nelle aule di tribunale meno resistenti e facendo tutto il possibile. evitare di portare la loro causa davanti a un giudice federale giusto e imparziale”.


Le “commissioni non richieste” costano agli americani miliardi ogni anno

Secondo i sostenitori dei consumatori che sostengono la regola delle commissioni per ritardi di pagamento del CFPB, gli emittenti di carte di credito hanno colpito i clienti con 14 miliardi di dollari di penali per ritardi di pagamento nel 2019, che rappresentano più della metà delle loro entrate derivanti da commissioni quell’anno. I critici del settore finanziario affermano che tali penalità per il ritardo colpiscono i consumatori a basso e medio reddito, in particolare le persone di colore.

Nonostante la permanenza di Pittman venerdì, gli analisti hanno affermato che la battaglia legale sulle penalità per il ritardo probabilmente continuerà, con il caso che probabilmente arriverà alla Corte Suprema.

“Crediamo che questo apra la porta al CFPB per cercare di revocare l’ingiunzione preliminare se la Corte Suprema deciderà nelle prossime settimane che il Congresso ha finanziato adeguatamente l’agenzia”, ​​ha detto Jarrett Seaberg del T.D. Cowen Washington Research Group in un rapporto seguito alla decisione. “Ecco perché crediamo che questa non sia la fine della battaglia sulla possibilità che la riduzione delle tasse avrà effetto prima che il merito della causa sia pienamente considerato”.

– Con la segnalazione di Alan Scherter di CBS News

READ  Il petrolio sale sopra i 105$ mentre persistono i timori sull'offerta