Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un fantastico mondo perduto di laghi cristallini scoperti nel deserto

Un fantastico mondo perduto di laghi cristallini scoperti nel deserto

Un team di scienziati ha scoperto uno “strano” ecosistema in una zona remota del deserto di Atacama che è “diverso da qualsiasi cosa” vista prima.

C’era una straordinaria miscela di laghi limpidi circondati da vaste pianure salate sulla Puna de Atacama in Argentina, un gigantesco altopiano che si erge a più di 12.000 piedi sopra il livello del mare.

Uno degli ambienti più aridi della Terra, qui la pioggia cade raramente, se non mai, e i raggi del sole colpiscono incessantemente il terreno, creando un ambiente in cui pochi animali o piante possono sopravvivere.

Tuttavia, nell’aprile dello scorso anno, il geologo Brian Hynek, dell’Università del Colorado Boulder, stava esaminando alcune immagini satellitari della zona quando si è imbattuto in quella che sembrava una rete di laghi.

Affascinato, lui e la microbiologa Maria Farias guidarono il più lontano possibile verso le misteriose formazioni, poi camminarono per diversi chilometri sotto il sole cocente, secondo un ricercatore. Nuova versione Pubblicato da CU.

“In alcuni punti eravamo immersi fino alle ginocchia nel fango salato”, ha detto Hynek.

Ma una volta arrivati ​​sul posto, si sono resi conto che ne valeva la pena: avevano escogitato qualcosa di veramente interessante.

Verdi colline di stromatolite fioriscono sul fondo di uno dei laghi Atacama (Brian Hynek)

Lì hanno trovato una rete di 12 laghi, che si estendono su 25 acri (10,1 ettari) e sono circondati da montagne brulle in lontananza.

Sotto le sue acque scintillanti, Hynek ha individuato enormi cumuli di piante verdi, larghi circa 4,5 metri e alti diversi metri.

Li ha identificati come stromatoliti, complesse comunità microbiche che formano enormi creste rocciose man mano che crescono, proprio come si formano le barriere coralline.

READ  L'anno scorso probabilmente ha visto la più massiccia esplosione cosmica "dall'inizio della civiltà umana"

Tuttavia, queste cose erano diverse da qualsiasi cosa gli scienziati avessero mai visto prima.

Osservazioni preliminari suggeriscono che queste comunità potrebbero assomigliare alle stromatoliti che esistevano durante un periodo della storia della Terra chiamato Archeano Inferiore, quando l’ossigeno era quasi inesistente nell’atmosfera.

“Questo lago potrebbe essere uno dei migliori esempi moderni dei primi segni di vita sulla Terra”, ha detto Hynek.

“È diverso da qualsiasi cosa io abbia mai visto prima, o, in effetti, come qualsiasi cosa abbia mai visto uno scienziato.”

Sebbene oggi esistano stromatoliti sulla Terra, anche al largo delle coste delle Bahamas, questi moderni assemblaggi microbici tendono ad essere relativamente piccoli. Crescono anche passivamente intrappolando granelli di sabbia e altri detriti che galleggiano nel mare, ha osservato l’Università della California nel suo comunicato stampa.

Al contrario, le antiche stromatoliti possono estendersi fino a 20 piedi di altezza, assorbendo calcio e anidride carbonica dall’acqua circostante, provocando la precipitazione dei minerali attorno a loro.

Hynek ha utilizzato un martello da roccia per aprire la formazione di stromatolite ed esporre il suo centro rosa(Brian Hynek)

I tumuli nei laghi di Atacama somigliavano più a quelle comunità archeologiche che a qualsiasi altra cosa viva oggi sulla Terra.

I suoi strati rocciosi sono costituiti principalmente da gesso, un minerale comune nei fossili di stromatolite ma assente in quasi tutte le stromatoliti moderne.

Biologicamente, era composto da uno strato esterno di microbi fotosintetici chiamati cianobatteri e un nucleo rosa ricco di archaea, organismi unicellulari spesso presenti negli ambienti più estremi del mondo.

Hynek ha anche osservato che l’ambiente del lago potrebbe assomigliare alle condizioni che esistevano sull’antica Terra, con le sue acque salate e acide e l’esposizione a intense radiazioni solari (a causa della sua elevata altitudine).

READ  Il telescopio Webb cattura un'immagine straordinaria del pianeta Urano

Inoltre, le comunità di stromatoliti potrebbero fornire agli esperti informazioni senza precedenti su come è nata la vita su Marte, che miliardi di anni fa somigliava al nostro pianeta.

“Se la vita su Marte si fosse evoluta al livello dei fossili, sarebbe stata così”, ha detto il geologo e fisico spaziale.

“Comprendere queste comunità moderne sulla Terra può dirci cosa cercare mentre cerchiamo caratteristiche simili nelle rocce marziane”.

Hynek (nella foto) ha descritto la scoperta dei laghi come “il più grande momento emozionante” della sua vita(Brian Hynek)

Hynek e Farias sperano di condurre ulteriori esperimenti per confermare che queste stromatoliti precedentemente sconosciute stanno attivamente costruendo le loro formazioni rocciose e per scoprire come i microbi riescano a sopravvivere in condizioni così estreme.

Tuttavia, il tempo potrebbe scadere.

Una società con sede in Argentina ha già destinato l’area all’estrazione del litio.

Una volta iniziato questo processo, potrebbe devastare completamente i laghi Atacama.

“Questo intero ecosistema unico potrebbe scomparire nel giro di anni”, ha detto Hynek. “Speriamo di poter proteggere alcuni di questi siti, o almeno dettagliare cosa c’è prima che scompaiano o vengano disturbati per sempre”.

Ha descritto la scoperta dell’ambiente alieno come “il più grande momento di scoperta che abbia mai vissuto in vita mia”.

“È sorprendente che sul nostro pianeta si possano ancora trovare cose del genere non documentate”, ha detto.

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita Indy100

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull’icona del voto positivo nella parte superiore della pagina per contribuire a far salire questo articolo nella classifica Indy100