Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Tracce di esplosivo sono state trovate su uno yacht in un’indagine sul sabotaggio nel Nord Stream, hanno detto i diplomatici

Tracce di esplosivo sono state trovate su uno yacht in un’indagine sul sabotaggio nel Nord Stream, hanno detto i diplomatici

Gli investigatori hanno trovato tracce di esplosivo sottomarino in campioni prelevati da uno yacht che è stato ispezionato nell’ambito di un’indagine sugli attacchi dello scorso anno ai gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico.

BERLINO – Diplomatici europei hanno riferito al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che gli investigatori hanno trovato tracce di esplosivo sottomarino in campioni prelevati da uno yacht ispezionato nell’ambito di un’indagine sugli attacchi dello scorso anno ai gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico.

I diplomatici hanno affermato che l’indagine deve ancora determinare chi abbia sabotato i gasdotti, che sono stati costruiti per trasportare il gas naturale russo in Germania, o se qualche paese fosse coinvolto.

Danimarca, Svezia e Germania stanno indagando sull’attacco del 26 settembre e martedì il ministero degli Esteri danese ha twittato una lettera degli ambasciatori dei tre paesi presso le Nazioni Unite al presidente del Consiglio di sicurezza con informazioni sulle loro attività finora.

I funzionari hanno espresso cautela a marzo in merito alle notizie dei media secondo cui un gruppo filo-ucraino era coinvolto nel vandalismo. I media tedeschi hanno poi riferito che cinque uomini e una donna avevano utilizzato uno yacht noleggiato da una società di proprietà ucraina in Polonia per compiere l’attacco e che la nave era salpata dal porto tedesco di Rostock.

READ  La polizia afferma che il monossido di carbonio ha ucciso 3 americani nel resort delle Bahamas

I pubblici ministeri federali tedeschi si sono rifiutati di commentare direttamente questo e altri rapporti, ma hanno confermato che una barca è stata perquisita a gennaio e hanno affermato che vi erano sospetti che potesse essere utilizzata per trasportare esplosivi per far saltare in aria condutture.

Parte della lettera di questa settimana che descrive in dettaglio i risultati della Germania afferma che la traiettoria esatta dello yacht non è stata determinata in modo definitivo. “Tracce di esplosivo sotto il mare sono state trovate nei campioni prelevati dalla barca durante le indagini”, dice la lettera, ma non fornisce dettagli.

“In questa fase non è possibile identificare in modo affidabile gli autori e le loro motivazioni, in particolare per quanto riguarda la questione se l’incidente sia stato diretto da uno Stato o da un attore”, ha affermato. “Tutte le informazioni saranno seguite per chiarire la questione durante le indagini in corso”.

Le esplosioni sottomarine hanno distrutto il gasdotto Nord Stream 1, che era la via di approvvigionamento di gas naturale dalla Russia alla Germania fino a quando la Russia non ha interrotto le forniture alla fine di agosto.

Le esplosioni hanno anche distrutto il gasdotto Nord Stream 2, che non è mai entrato in servizio perché la Germania ha sospeso il processo di certificazione poco prima che la Russia invadesse l’Ucraina nel febbraio 2022.

I gasdotti sono stati a lungo oggetto di critiche da parte degli Stati Uniti e di alcuni dei suoi alleati, che hanno avvertito di rappresentare una minaccia per la sicurezza energetica dell’Europa a causa della crescente dipendenza dal gas russo.

READ  Le immagini satellitari hanno mostrato che l’Egitto sta costruendo una nuova zona cuscinetto larga più di 2 miglia al confine con Gaza

Il presidente russo Vladimir Putin e funzionari russi hanno accusato gli Stati Uniti di aver effettuato gli attentati, che hanno descritto come un attacco terroristico.

L’Ucraina ha respinto i suggerimenti che potrebbe aver ordinato l’attacco. I paesi che indagano sugli attentati non hanno commentato chi potrebbe essere responsabile.

Dopo le esplosioni, la NATO ha rafforzato la sua presenza nel Baltico e nel Mare del Nord, utilizzando dozzine di navi, aerei e attrezzature sottomarine come i droni.