Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Terrorismo palestinese: quando Italia e Francia fanno un patto con il diavolo

L’accordo tra l’Italia e l’OLP culminò nell’attentato del 1982 alla Grande Sinagoga di Roma.

“L’Italia ha venduto i suoi ebrei!” Questa gravissima accusa è stata fatta nel luglio 2008 dall’ex presidente italiano Francesco Cosica, come dice quotidianamente. Corriere della sera All’inizio degli anni ’70 fu raggiunto un accordo segreto tra Roma e l’OLP.

Ancora: 13 anni dopo, documenti recentemente classificati confermano le sue affermazioni. L’Italia, allora guidata dal democristiano Aldo Moro, fece il peggior accordo possibile con l’organizzazione palestinese di Yasser Arafat, allora considerato un terrorista.

Gli ebrei tollerano le vittime

In base a questo accordo, l’OLP si è impegnata a fermare gli attacchi contro gli interessi civili e italiani. In cambio, ha beneficiato del privilegio di inviare armi attraverso la penisola e ha tenuto le mani libere senza una punizione completa per prendere di mira israeliani ed ebrei.

Un vero e proprio patto con il diavolo, culminato nell’attentato alla Grande Sinagoga di Roma nel 1982, in cui rimase ucciso un bambino di due anni e 37 feriti. Sebbene il governo fosse a conoscenza dell’attacco pianificato, non ha fatto nulla per proteggere il sito. Ha poi permesso ai terroristi coinvolti di fuggire in Libia.

Il 7 ottobre 1985, a seguito del rapimento del transatlantico italiano Akhil Laro, un commando palestinese del FLP (Fronte di Liberazione della Palestina), organizzazione più o meno vicina all’OLP, fu colpito alla testa da Leon Klinghofer, un militante che era stato colpito alla testa.I terroristi sono volati in Tunisia senza preoccupazioni.

Avi Bosner, ex ambasciatore di Israele in Italia dal 1991 al 1995, racconta di aver sentito voci di un accordo tra Roma e l’OLP quando è arrivato nella penisola. “Ho parlato con il presidente del Consiglio Giulio Andreotti di questo, ma ha detto che non era facile dirlo. Mi è stato detto”, ha detto l’ambasciatore. i24NEWS.

READ  La Chiesa si scusa per le accuse del vescovo siciliano sull'esistenza di Babbo Natale

“Questo vergognoso accordo escludeva chiaramente gli ebrei, non solo gli israeliani”, osserva Avi Bosner. Secondo lui, le sue origini risiedono nell’instabile ambiente politico ed economico dell’epoca e nell’influenza della sinistra italiana. “Il leader del Partito socialista, che ha un vero peso politico, è molto antisemita ed è sospettato di lasciarsi corrompere dai paesi arabi”, ha detto l’ex ambasciatore.

Frédéric Attal, professore di storia contemporanea al Politecnico di Hauts-de-France e autore del libro Storia d’Italia dal 1943 ad oggi, A causa del DNA antisemita della Democrazia Cristiana, spera che un simile accordo possa aver visto la luce del giorno, da cui è uscito il presidente del Consiglio Aldo Moro.

“Il cinismo in questo accordo rivela una profonda ostilità nei confronti degli ebrei, caratteristica dell’élite della democrazia cristiana”, afferma l’esperto. i24NEWS, sottolinea che l’antisemitismo di questo partito, affiliato alla Chiesa cattolica, è stato molto poco studiato dagli storici.

“I democristiani si sono distinti da tempo per il loro discorso sfrenato e la loro disonestà nei confronti degli ebrei, anche dopo lo spettacolo”, ha detto.

Frederick Attle sottolinea il fatto che una parte della Democrazia Cristiana si è opposta ad Atlantide e all’Impero franco-britannico, e che il modo per esprimerlo è stringere alleanze con gli stati arabi ei palestinesi.

«Attraverso questo accordo, portiamo avanti la politica unica dell’élite democristiana», spiega lo storico, sperando che l’inchiesta aperta dall’attuale governo italiano dopo il rinnovo del trattato faccia luce. Questo.

“Santifica il territorio francese”

L’Italia non è l’unico Paese a scendere a compromessi contro il terrorismo palestinese. Ora sappiamo che a suo tempo la Francia ha concluso un accordo simile su una serie di questioni.

Nel gennaio 2019, Yves Bonnet, l’ex capo del DST, ha ammesso di aver concluso un accordo segreto “non aggressivo” con Abo Nidal, il giudice incaricato del processo in relazione all’attentato del 1982 a Ru des Rosier. Il gruppo ha rivendicato l’attentato: dopo aver promesso di non invadere il territorio francese, ai membri del gruppo è stato garantito l’ingresso nel Paese senza essere arrestati.

READ  Jair Bolzano riceverà la controversa cittadinanza onoraria in Italia

Yves Bonnet ha giustificato che “questo prezzo è stato accettato per santificare il territorio nazionale”. i24NEWSIn un’intervista con un canale russo nel 2017, era un uomo pragmatico che ha sostenuto la cooperazione dell’intelligence francese “anche con paesi considerati inquinati”.

Quali sono i termini esatti dell’accordo stipulato con questo gruppo dissidente palestinese dell’OLP, considerato il più barbaro di tutti, e quali sono le sue conseguenze? Questo accordo ha protetto i responsabili dell’attentato a rue des Rosiers, che ha provocato la morte di sei persone e il ferimento di altre 22? Questo è ciò che le parti civili stanno cercando di sapere oggi, con l’avvocato Avie Pitton e altri che chiedono la rimozione del segreto di sicurezza nel caso. Queste domande sono molto ragionevoli se sappiamo che le indagini sono in stallo da decenni e che quasi 40 anni dopo gli incidenti, nessun colpevole è stato ancora condannato.

Domande irrisolte

Impossibile, del resto, da non prendere in considerazione fornito da Liesz-Passer – di cui non conosciamo il periodo di validità – avrebbe potuto agevolare la produzione di “grandi colpi” in territorio francese, al crocevia dell’Europa, in un modo o nell’altro. “Abu Nidal ha fatto questo tre anni dopo: il 27 dicembre 1985, attacchi simultanei di arma da fuoco e granate contro la compagnia israeliana El al sono stati effettuati negli aeroporti di Roma e Vienna, uccidendo 20 persone e ferendone altre 138.

E se questo gruppo terroristico si assumesse il rischio di far entrare la sete di sangue ebraico nei suoi “affari” a un prezzo considerato “accettabile” dalla DST, se il territorio francese non fosse stato colpito? Se i membri di Abu Nidal fossero stati oggetto di vera caccia dopo la tragedia di rue des Rosiers, questi ultimi due attacchi sarebbero avvenuti? Molte domande possono perseguitare le famiglie delle vittime e senza dubbio rimarranno senza risposta.

READ  Covit - Italia: Gli è stato iniettato il vaccino sbagliato ed è stata arrestata un'infermiera

La Svizzera potrebbe essere uno dei pochi paesi europei ad avere un accordo di non occupazione con l’organizzazione terroristica palestinese. Nel suo libro “Years of Terror in Switzerland” pubblicato nel 2016, il giornalista Marcel Gir conferma che il ministro degli Esteri Pierre Grober ha concluso un accordo con l’OLP nel 1970. Berna avrebbe cercato di stabilire a Ginevra la rappresentanza ufficiale degli interessi e dell’organizzazione terroristica. Si tratta di un accordo di cui il terrorista Carlos sostiene di aver beneficiato, e spiega ad alcuni il fatto che gli autori dei tanti attentati non sono stati assicurati alla giustizia. Sebbene l’esistenza di un tale accordo non sia stata provata da una commissione nominata dal Consiglio federale svizzero per fare luce sulla questione, esistono diverse zone d’ombra.

Vagabondi, criminali mai condannati e che fanno circolare indirettamente processi terroristici: Italia e Francia hanno molte divisioni comuni quando fanno un patto con il diavolo e molti modi di giocare al gioco del terrorismo con il pretesto di volerlo evitare. “Pensi che il tuo sangue sia più rosso di quello degli altri?” La famosa dottrina del diritto ebraico afferma (Saulhan Arok). A questo punto, l’Italia ha deciso: a suo avviso, il sangue delle vittime ebree era senza dubbio pallido.