Dicembre 11, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sto “soffrendo di sensi di colpa” dopo che a Bruce Willis è stata diagnosticata la demenza

Sto “soffrendo di sensi di colpa” dopo che a Bruce Willis è stata diagnosticata la demenza

film

La moglie di Bruce Willis, Emma Hemming, ha ammesso di sentirsi in colpa per alcuni dei suoi privilegi nel contesto della diagnosi di demenza dell’attore.Instagram/Dimmore

Emma Hemming ha ammesso di sentirsi in colpa per avere determinati privilegi a sostegno della diagnosi di demenza di suo marito, a cui altri in situazioni simili potrebbero non avere accesso.

“Lotto con il senso di colpa, perché so di avere risorse che gli altri non hanno”, ha detto Hemming Ha scritto in un editoriale del Sunday Paper di Mary Shriver Pubblicato sabato.

“Quando posso uscire a fare una passeggiata per schiarirmi le idee, non mi sfugge che non tutti i partner di assistenza possono farlo”, ha spiegato.

“Quando ciò che condivido sul viaggio della nostra famiglia attira l’attenzione della stampa, so che ci sono molte migliaia di storie non raccontate e inascoltate, e ognuna di loro merita compassione e attenzione”.

Ma Hemming, 45 anni, ha spiegato che ha trovato uno scopo nell’edificare gli altri condividendo la storia della sua famiglia.

La modella ha aggiunto: “Vedo che ciò che condivido è importante per gli altri che potrebbero essere in difficoltà, e in un certo senso li fa sentire visti e compresi”.

La modella ha raccontato di essersi resa conto che poter “uscire a fare una passeggiata” è qualcosa che non tutti hanno.
Emma Hemming/Instagram

“Voglio che le persone sappiano che quando sento parlare di un’altra famiglia affetta da demenza frontotemporale, sento la stessa storia di dolore, perdita e dolore intenso della nostra famiglia riecheggiare nella loro storia.”

La Hemming – che ha le figlie Mabel, 11 anni, ed Evelyn, 9 anni con Willis – ha aggiunto di riconoscere l’importanza di essere un “sostenitore” per “le famiglie che non hanno il tempo, l’energia o le risorse per difendere se stesse”. “.

READ  Meghan Markle riferisce di bullismo sepolto nel palazzo ed è "terrorizzata di disturbare o provocare Harry e Meghan"

Per saperne di più da Page Six che ami…


Ha anche detto che parlare apertamente della diagnosi di Bruce ha aiutato lei e la sua famiglia allargata in molti modi.

“Ho molta più speranza oggi di quanto ne avessi dopo la prima diagnosi di Bruce”, ha scritto Hemming, aggiungendo: “Capisco questa malattia molto di più ora e sono ora connesso a un’incredibile comunità di sostegno”.

La famiglia di Willis ha annunciato la diagnosi di demenza frontotemporale alla star di “Die Hard” a febbraio.
Kevin Mazur/WireImage

Ha continuato: “Spero di trovare un nuovo scopo – uno che non avrei mai cercato – ovvero usare i riflettori per aiutare e dare potere agli altri”.

“E ho speranza nel modo in cui tutta la nostra famiglia potrà trovare gioia nelle piccole cose e nel riunirsi per celebrare tutti i momenti che la vita ha da offrire”.

La famiglia della star di “Die Hard” ha annunciato nel marzo 2022 che si sarebbe ritirato dalla recitazione dopo che gli era stata diagnosticata l’afasia.

L’afasia è a nevrosi Ciò può influenzare l’elaborazione del linguaggio e le capacità comunicative di una persona, Secondo l’Istituto Superiore di Sanità.

L’attore ha una famiglia mista di cinque figlie, che condivide con Heming e la sua ex moglie Demi Moore.
Dimostrazione/Instagram

Un anno dopo la rivelazione della straziante diagnosi, la famiglia di Willis – comprese le tre figlie dell’attore avute dall’ex moglie Demi Moore – ha annunciato che la malattia della star di “Il quinto elemento” era progredita fino alla demenza frontotemporale.

“Anche se questo è doloroso, è un sollievo avere finalmente una diagnosi chiara”. ha scritto in un comunicato Sul sito della Società della Degenerazione Frontotemporale.

“La demenza frontotemporale è una malattia crudele di cui molti di noi non hanno mai sentito parlare e che può colpire chiunque. Per le persone di età inferiore ai 60 anni, la demenza frontotemporale è la forma più comune di demenza e, poiché possono essere necessari anni per ottenere una diagnosi, è possibile La demenza frontotemporale potrebbe essere più comune di quanto sappiamo.

READ  Travis Kelce e Jason Kelce discutono della copertura di Taylor Swift della NFL


Carica altro…




https://pagesix.com/2023/11/13/entertainment/emma-heming-i-struggle-with-guilt-following-bruce-willis-demenza-diagnosis/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l’URL di condivisione