Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Stelle del calcio bloccate, chiamate frenetiche e la corsa alla fuga da Kiev

Stelle del calcio bloccate, chiamate frenetiche e la corsa alla fuga da Kiev

All’interno della sala conferenze senza finestre dell’hotel di Kiev, dove si riunivano le stelle del calcio, l’ansia cresceva nel tempo. Il tentativo di fuga fallito è stato un disastro. E i suoni della guerra- Mortai, esplosioni di missili, stridore di aerei Ha fornito un promemoria semi-costante delle loro circostanze precarie.

Sabato mattina il gruppo, composto principalmente da brasiliani ma ora il maggior numero di sudamericani e italiani, aveva raggiunto i 70. I giocatori sono venuti in Ucraina per giocare a calcio; Settimane prima avevano giocato in Champions League, la competizione più ricca d’Europa. Ora, con la loro stagione in sospeso e Le forze russe avanzano in cittàSi riuniscono con le loro famiglie – mogli, partner, bambini piccoli, parenti anziani – e pianificano come e quando fuggire per salvarsi la vita.

“Spero che vada tutto bene”, ha detto sabato mattina uno dei giocatori brasiliani bloccati, Junior Moraes, in un’intervista al New York Times. E Moraes, attaccante del club ucraino Shakhtar Donetsk, ha spiegato come la squadra si sia trasferita in hotel la scorsa settimana dalla propria squadra. Nei giorni seguenti, con prima lo stato e poi la città sotto attacco, i loro ranghi si sono ampliati dopo che i giocatori stranieri hanno chiesto a un club rivale, la Dynamo Kiev, di unirsi a loro.

Temendo per la loro sicurezza e per le loro famiglie, i giocatori hanno pubblicato un breve video che è diventato rapidamente virale. I giocatori hanno detto che il cibo era scarso. Gli elementi essenziali come i pannolini sono già esauriti.

“Siamo qui per chiedere il tuo aiuto”, ha detto il giocatore dello Shakhtar Marlon Santos, citando gli ostacoli. “Non c’è nessuna via d’uscita.”

I piani di evacuazione sono stati pianificati e poi rapidamente annullati. I voli erano impossibili; L’Ucraina aveva chiuso l’aviazione civile e le forze russe stavano attaccando l’aeroporto. C’era carenza di benzina e un gruppo di dozzine ora sapeva che sarebbe stato quasi impossibile organizzare abbastanza macchine o stare insieme in mezzo al caos.

READ  Aggiornamenti live della Stanley Cup 2022: gli Oilers affrontano i Kings per chiudere il primo turno della National Hockey League sabato

Fare una corsa per lui comportava anche dei rischi, poiché avrebbe richiesto l’abbandono del loro rapporto con il mondo esterno. Moraes ha detto che l’hotel aveva almeno un alimentatore e, altrettanto importante, una connessione Internet affidabile.

In frenetiche telefonate, lui e altri membri del gruppo, tra cui Roberto De Zerbe, allenatore italiano dello Shakhtar, hanno preso contatti con funzionari consolari e governi a casa. La simpatia era abbondante. Le soluzioni no.

Ai giocatori e alle loro famiglie è stato consigliato di cercare di raggiungere la stazione ferroviaria di Kiev e di unirsi alla folla diretta a ovest verso Leopoli, una città nell’Ucraina occidentale, più vicina al confine con la Polonia, che è diventata un punto focale dell’esodo di massa dalla Russia. progredire.

“All’inizio sembrava una buona idea”, ha detto Moraes del piano per rendere Lviv un trattino. “Ma guarda, qui abbiamo anche bambini e anziani. Se esci dall’hotel con internet ed elettricità che ci tengono in contatto con tutti, e vai in un’altra città e stai con i bambini per strada, quanto tempo possiamo farlo prima che diventa così male?”

Invece, il gruppo ha rivolto la sua attenzione e le sue speranze al calcio. L’amministrazione dello Shakhtar aveva disposto che i brasiliani rimanessero in hotel poiché la situazione della sicurezza in Ucraina si era deteriorata. (Il gruppo Ha vissuto a Kiev per annida quando è stato costretto a fuggire da Donetsk nel 2014 dopo un precedente attacco con il sostegno russo). Ma mentre i funzionari della squadra hanno assicurato al gruppo che stava lavorando a una soluzione, nulla di tutto ciò si è concretizzato.

Il pensiero di passare un’altra notte nella sala conferenze, ha detto Moraes, ha messo alcuni dei partecipanti sull’orlo di un “crollo psicologico”. Ha detto che molti membri del gruppo hanno cercato di mettersi in salvo fuggendo nelle prime ore di sabato mattina, ma sono tornati rapidamente sotto shock.

“Quando sono usciti ci sono state esplosioni e sono tornati urlando nella stanza”, ha detto Moraes. “Era panico, follia”.

A quel punto, una squadra di Argentina e Uruguay si era unita ai giocatori brasiliani e alle loro famiglie. Presto, altri brasiliani che vivono a Kiev, ma non legati al calcio, hanno cercato riparo e sono stati accolti all’interno.

Moraes ha detto che de Zerbe, 42 anni, e i suoi aiutanti si sono rifiutati di abbandonare il gruppo. “Hanno avuto due possibilità di lasciarci e l’allenatore ha detto: ‘No, rimarrò qui fino alla fine'”, ha detto Moraes.

Poco prima della sua conversazione con il Times, Moraes ha ricevuto una telefonata. Aleksander Ceferin, presidente UEFA, era in gioco e promettente, come ha detto Moraes, “stava spingendo per trovare una soluzione”.

READ  LIV Golf LIVE: classifica e risultati per il giorno 3 quando Carlos Ortiz batte Dustin Johnson

Non c’è ancora un piano, ha detto l’ansiosa Moraes, ma “nelle ultime 48 ore, questi sono stati i tre minuti più confortevoli della mia vita”.

Al suo arrivo a casa sua in Slovenia, Ceferin ha confermato che stava chiamando chiunque ritenesse potesse aiutare e mantenere i contatti con i giocatori bloccati. “Parlo con loro ogni ora”, ha detto.

Ceferin ha prima cercato di ottenere aiuto dal governo francese. Giovedì aveva fatto un viaggio vorticoso a Parigi per incontrare il presidente francese Emmanuel Macron e fare piani per… Trasferimento finale di UEFA Champions League La Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina. Sabato ha chiamato di nuovo l’ufficio di Macron, “ma non sono sicuro che possano aiutare”, ha detto.

Alla fine, la salvezza non è arrivata dai legami politici, ma da quelli locali: i funzionari della Federcalcio ucraina hanno acquistato due autobus e li hanno spediti in hotel a Kiev.

Le chiamate sono state fatte ai giocatori. Sbrigati, gli è stato detto. Raccogli le tue cose e la tua famiglia e preparati a muoverti rapidamente.

credito…Junior Moraes

Gli autobus si sono ribaltati, gli atleti e le loro famiglie sono saliti a bordo e il gruppo è stato portato d’urgenza in una delle stazioni ferroviarie della città.

Gli atleti, seduti sull’affollato podio, guardavano nervosamente, chi avrebbe potuto essere riconosciuto in altre circostanze e salutato come star locali. Sabato i loro volti erano solo pochi in mezzo a un mare di volti ansiosi.

Poi, alle 16:50 ora locale, la locomotiva su cui si trovavano ha dato una breve scossa e si è diretta a ovest verso la Romania, verso la salvezza, lontano dalla guerra.