Luglio 18, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Spazzando via i Warriors, ora dove si trova Dynasty nell’estate cruciale?  Ecco cosa sappiamo

Spazzando via i Warriors, ora dove si trova Dynasty nell’estate cruciale? Ecco cosa sappiamo

LOS ANGELES — Terminate le ultime partite, la fiamma dei Warriors non è stata così scarsa. Hanno battuto i nuovi Kings al primo turno e sono caduti in sei partite contro un debuttante Lakers al secondo turno, presentandosi come una squadra che sarebbe ancora almeno sull’orlo di una rivalità realistica se fossero apportate le giuste modifiche al roster.

Dato che i decisori chiave del franchise si riuniranno di nuovo nelle prossime settimane per tracciare la via da seguire, questo è importante. Devono affrontare una costosa fattura fiscale, sanzioni crescenti dal nuovo contratto collettivo per vivere in quel campo finanziario e, a causa di ciò, scelte impegnative su quanto e chi pagare.

Ma nelle discussioni con coloro che hanno tirato le leve organizzative nelle ultime settimane, questo è stato ampiamente chiarito: c’è ancora la convinzione interiore che questo nucleo solido e invecchiato possa competere per i titoli perché Stephen Curry è ancora uno dei cinque migliori giocatori della NBA e Draymond Verde. E Klay Thompson non ha mostrato segni di un forte calo. Green è entrato di nuovo nella squadra All-Defensive in questa stagione e Thompson, nonostante una brutale serie di tiri contro i Lakers (34,3%) che includeva solo 3 tiri su 19 nella partita dei playoff, ha guidato l’NBA in 3 realizzati in questa stagione. La capacità di Curry di mantenere questi Warriors competitivi anno dopo anno dà al franchise ogni spinta per massimizzare i loro anni migliori, anche se l’MVP 35 delle finali NBA del 2022 si trasforma a marzo.

Vai più a fondo

Non puoi sciogliere Stephen Curry e i Warriors perché non sarà mai più così

Il proprietario di controllo Joe Lacob deve dare il via libera a tutte le opzioni finanziarie. In passato ha mostrato il suo disagio nel lasciare che il suo stipendio totale e il suo conto fiscale superino i $ 400 milioni. Se tutti vengono mantenuti, incluso Green, che ha un’opzione giocatore del valore di $ 27,6 milioni, la allungherà ulteriormente.

Ma Lacob ha fame di trofei e al front office è stato ricordato ancora una volta in questa stagione il valore indispensabile di Green per l’impresa. Perdi il green e probabilmente perderai qualsiasi percorso realistico per raggiungere questo obiettivo finale.

Ecco perché i Warriors intendono discutere un nuovo contratto pluriennale con Green, tramite un’iscrizione e un’estensione o un accordo completamente nuovo dopo la sua rinuncia, affermano fonti vicine alla questione. l’atleta. Green ha una leva: dovrebbe avere diverse squadre in competizione nella finale se entra nel mercato aperto. Ma Green e i Warriors sembrano intenzionati a discutere di estendere la loro partnership, se il prezzo è giusto. Ha appena concluso la sua undicesima stagione con il franchise.

READ  No, i Saints non hanno violato la regola dell'emergenza

Dopo la sesta partita, Green ha detto: “Voglio essere un Guerriero per il resto della mia vita. Voglio correre con gli stessi ragazzi con cui ho corso”.

(Jane Tesca/Digital First Media/East Bay Times via Getty Images)

La domanda più grande è se il presidente delle operazioni di basket Bob Myers sia la persona giusta per parlare con Green e i suoi rappresentanti. Con l’intera lega che guarda, Myers dovrebbe prendersi del tempo nelle prossime settimane per prendere una decisione sul suo futuro. Il suo contratto è scaduto il 30 giugno, ma servirebbe prima chiarezza. La bozza del 22 giugno.

Lacob ha dichiarato pubblicamente e privatamente che spera di mantenere Myers come volto del front office dei Warriors e gli ha offerto un nuovo accordo. Quelli all’interno del front office, sotto e intorno a Myers, fanno eco a quel sentimento, un desiderio collettivo di mantenere in posizione la struttura ancorata. Ma c’è anche il riconoscimento che Myers potrebbe uscire dalla porta, anche se Lacob raggiungesse il numero necessario nelle trattative contrattuali.

Vai più a fondo

Perché i Warriors rischiano di perdere Bob Myers

Se Myers se ne va, l’aspettativa generale è una promozione interna piuttosto che una ricerca esterna. I Warriors credono fermamente nella scala di leadership del front office al di sotto di Myers. Mike Dunleavy, Jr. è stato indicato da molti come l’erede naturale. Le sue presenze e responsabilità sono cresciute nelle ultime due stagioni. Dopo aver perso Gara 1 contro i Lakers, Dunlevy è stato visto con Myers nella sala pesi dove ha avuto una lunga conversazione di debriefing con Curry & Green, l’ultimo segno esteriore che era stato preparato per la posizione.

Kirk Lacob e Kent Lacob occupano posizioni di alto profilo nel franchise. La forza di Kirk si estende al basket e alle operazioni commerciali. Offre più un profilo proprietario che un futuro direttore generale. Kent è una voce emergente nella squadra di basket, che ha ottenuto riconoscimenti grazie allo scouting internazionale e alla G-League.

Sean Livingston è una voce fidata con un brillante futuro nel mondo dirigenziale, se dovesse scegliere di rimanere su quella strada. Nick Oren, Johnny West, Ryan Atkinson, Larry Harris, Papil Sidhu (Analytics) e Onsi Saleh (Cover Expert) sono altri membri affermati di una struttura di front office costruita.

READ  Finale della CONCACAF Nations League: USA vs Canada - Formazione, programmazione e canali TV

Ma nessuno ha diritti di proprietà o rapporti con giocatori come Myers. Se se ne va, nessuno sarà in grado di replicare l’accordo delicato e potente che può colpire con Curry, Green e Thompson, una caratteristica fondamentale quando il dialogo si trasforma in negoziazioni su contratti, opzioni di menu e valore di un marchio redditizio il i giocatori hanno per lo più costruito.

Thompson ha diritto a un’estensione questa estate. Sta guadagnando $ 43,2 milioni nell’ultimo anno del suo contratto per la prossima stagione. Se quest’estate si allungherà con i Warriors, si prevede che dovrà accettare il suo stipendio, come ha fatto Andrew Wiggins la scorsa estate. Questa richiesta e spiegazione è più morbida da Myers piuttosto che dal front office guidato da Lacob.

(Foto di Noah Graham/NBAE via Getty Images)

C’è stato un tacito tiro alla fune per il doppio passo negli ultimi anni, con il roster sotto il nucleo di Curry carico di giovani con un occhio al futuro. Era arrivato a un punto di svolta in questa stagione e lo scambio di James Wiseman per Gary Payton II era visto come una concessione necessaria, una ridefinizione delle priorità del presente.

Ma qualche tensione rimane. Jonathan Cuminga ha avuto una seconda stagione incoraggiante, emergendo come il tipo di difensore uno contro uno e ala angolata che dovrebbe avere una lunga carriera NBA. È stato fantastico per tutta la stagione regolare, aiutando i Warriors a entrare nei playoff mentre Andrew Wiggins era lontano dalla squadra per due mesi. Kuminga ha segnato una media di 13,2 punti in 24,2 minuti in 21 partite dopo la pausa All-Star.

Ma Wiggins è tornato e Payton è entrato in formazione e Kuminga è stato ritirato dalla corsa ai playoff, frustrando un giovane giocatore che cercava di finire la sua carriera e un front office che non lo vedeva come una scelta al draft fallita.

C’è un riconoscimento da parte dei responsabili delle decisioni di Warriors che questa estate è necessaria una certa quantità di riorganizzazione della rotazione. Questo potrebbe mettere in discussione il futuro di Kuminga. È stato difficile inserirlo nei gruppi della formazione con Green e Kevon Looney – due non lanciatori – e lo stallo davanti a lui dovrebbe rimanere al suo posto.

I rappresentanti dei Warriors e di Kuminga dovrebbero discutere del suo futuro in questa stagione, dicono fonti della lega. Golden State dovrà determinare se Kuminga riceverà un ruolo a tempo pieno andando avanti e, in caso contrario, fonti della lega affermano che la scelta n. 7 nel draft NBA del 2021 vorrà che sia in un posto dove possa giocare di più.

READ  Justin Upton è dedito alla missione

Ma il futuro di Jordan Paul è la domanda più grande. Il suo contratto è stato prorogato la stagione successiva a $ 27,4 milioni. Questa altezza, insieme alla conservazione di Green, metterebbe i Warriors in una classe fiscale di lusso che potrebbe essere l’inizio di Lacob. Ora hanno anche altre restrizioni sulla costruzione del roster, inclusa la perdita dell’eccezione di medio livello, che ha permesso loro di acquisire Donte DiVincenzo la scorsa estate.

Se è richiesta una riduzione dei costi, è considerato il candidato più probabile. Paul ha avuto una quarta stagione turbolenta, a partire da quando ha preso un famigerato pugno pre-campionato da Green durante le prove del campo di addestramento. Paul lo ha mantenuto professionale in seguito e le tensioni si sono allentate abbastanza da consentire ai due di lavorare insieme. Ma la relazione non è mai stata del tutto ricucita, e i problemi di umore di Paul non hanno aiutato, culminando in una dura partita di qualificazione che ha visto diminuire la sua efficienza e i minuti.

C’è ancora esitazione a spostarlo. Paul ha una media di 20,4 punti in questa stagione e ha una solida capacità offensiva che manca nel roster sotto Curry e sarà necessaria con l’invecchiamento della base. Ed è saggio andarsene quando il suo valore è ai minimi di 12 mesi? Sarà la crisi monetaria a imporlo?

Anche Steve Kerr è all’ultima stagione del suo contratto. Ma Kerr ha espresso solo il desiderio di rimanere come allenatore della squadra ed è energico per la carriera: sarà l’allenatore del Team USA per le prossime due estati. Quindi tutte le indicazioni sono che tornerà, anche se è troppo presto per dire se inizieranno i colloqui per l’estensione.

Questo è uno degli argomenti più semplici in quella che altrimenti sarebbe una complessa offseason per i Warriors mentre aspettano la parola ufficiale sul fatto che Myers sarà quello che tirerà la corda su queste decisioni fondamentali.

“Draimondo. Argilla. Steve. “I nostri giocatori chiave hanno molto da offrire”, ha detto Kerr dopo aver perso Gara 6. “Non è che questa sia la fine della strada. L’organizzazione deve prendere alcune decisioni. Alla fine arriveremo a quel punto”.

(Foto in alto di Stephen Curry: Harry How/Getty Images)