Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

SpaceX lancia i primi satelliti Starlink con capacità cellulare diretta – Spaceflight Now

SpaceX lancia i primi satelliti Starlink con capacità cellulare diretta – Spaceflight Now

Un razzo Falcon 9 è pronto a supportare la missione Starlink 7-9 dalla base spaziale di Vandenberg. La missione comprende anche i primi sei satelliti che verranno utilizzati per il servizio direct-to-cell dell’azienda. Immagine: SpaceX

Aggiornamento 1:13 EDT: SpaceX ha ritardato il lancio fino a venerdì sera alle 21:19 PST (00:19 EDT, 0519 UTC).

SpaceX sta cercando di riprendersi da una settimana di lanci falliti lanciando un Falcon 9 dalla California. La missione Starlink 7-9 includerà un altro gruppo di 21 satelliti diretti nell’orbita terrestre bassa, qualcosa che è diventato quasi una routine per l’azienda.

Tuttavia, questa missione nella tarda notte di venerdì è unica in quanto coinvolgerà i primi sei satelliti Starlink a includere questa funzionalità. direttamente alla cellula Capacità. SpaceX ha affermato che la nuova funzionalità “consentirà agli operatori di rete mobile di tutto il mondo di fornire un accesso globale e senza interruzioni a SMS, chiamate e navigazione… su terra, laghi o acque costiere”.

Il lancio del razzo Falcon 9 a supporto della missione è previsto per aprire la finestra di lancio alle 21:19 PST (00:19 EDT, 0519 UTC). Spaceflight Now avrà una copertura in diretta della missione a partire da circa 30 minuti prima del decollo.

Questa promessa direct-to-cell per la rete Starlink è l’inizio di quella annunciata dal fondatore di SpaceX Elon Musk durante un evento dell’agosto 2022 con il CEO e presidente di T-Mobile Mike Sievert alla Starbase in Texas.

Musk ha descritto questa capacità come un “enorme punto di svolta” che eliminerebbe le zone morte anche nelle aree più remote del mondo.

“Questo è davvero importante”, ha detto Musk durante la presentazione. “Anche se un’intera regione o un paese perde la connettività a causa di un forte uragano, inondazioni, incendi, tornado o terremoti… anche se tutte le antenne cellulari vengono smontate, il tuo telefono continuerà a funzionare.”

READ  Cinque pianeti delimitano il cielo a giugno. Ecco come vederlo.

Secondo un’e-mail del 30 novembre 2023 inviata a Katherine Medley, capo ad interim della divisione licenze satellitari della FCC, SpaceX prevede di lanciare “circa 840 satelliti in grado di comunicare direttamente con le cellule nei prossimi sei mesi”, con ulteriori lanci che continueranno dopo tale periodo.

I lanci pianificati e futuri “garantiranno che saremo in grado di lanciare una massa critica di satelliti in tempo per il servizio commerciale più avanti nel 2024”, ha scritto Jameson Dempsey, direttore della politica satellitare di SpaceX e autore dell’e-mail.

“Pertanto, pur riconoscendo che la Commissione potrebbe limitare la nostra autorità di test ai satelliti che prevediamo di lanciare e testare entro i prossimi sei mesi, chiediamo che la licenza di lancio includa l’autorità per tutti i 7.500 satelliti di applicare la modifica diretta delle celle.”, Ha scritto Dempsey.

Sievert ha notato durante un evento dell’agosto 2022 che il prossimo servizio negli Stati Uniti utilizzerà lo spettro PCS a banda media esistente di T-Mobile.

“Ciò ci consente di dedicarlo, lavorando insieme, alla costellazione in cui opera Starlink in modo da poter vedere quei satelliti da ogni angolo del paese”, ha detto Seifert. “Se hai una visione chiara del cielo, la nostra visione è che sei connesso.”

“Il tuo telefono non sa di essere connesso allo spazio. Cercherà la sua rete domestica e cercherà anche i partner di roaming terrestre.” Ha aggiunto. “E se non riesce a vedere queste cose, eseguirà di nuovo la scansione e si collegherà alla connessione autorizzata dal satellite e penserà di essere connesso a una torre cellulare perché questo telefono utilizza protocolli di comunicazione tecnologici standard del settore e ha già lo spettro integrato, almeno lo fa la stragrande maggioranza dei cellulari in circolazione”.

READ  Nello spazio compaiono misteriosi "circuiti radio alieni".
Schema del servizio diretto al cellulare Starlink. Grafica: SpaceX

Oltre a T-Mobile come fornitore di servizi statunitense, SpaceX ha affermato di aver collaborato con aziende in Australia, Canada, Giappone, Nuova Zelanda e Svizzera.

Originariamente il piano era di lanciare il servizio utilizzando i satelliti Starlink V2, che potrebbero ancora ospitare la maggior parte delle antenne in orbita. Tuttavia, a causa delle sue dimensioni, sarebbe necessario lanciarlo utilizzando un veicolo spaziale.

L’antenna sarà di circa cinque o sei metri su un lato, ovvero circa 25 metri quadrati, ha detto Musk durante l’evento dell’anno scorso. Ha osservato che i satelliti Starlink V2 Mini dovrebbero servire come soluzione temporanea, se Starship fosse ritardata più a lungo del previsto, cosa che si è rivelata essere.

I sei satelliti direct-to-cell più 15 Starlink V2 Mini standard saranno lanciati a bordo di un razzo Falcon 9 con un nuovissimo booster del primo stadio. Dopo la separazione del palco, il booster atterrerà sul drone “Of Course I Still Love You” nell’Oceano Pacifico.

Sulla base di un’immagine pubblicata da SpaceX, le interfacce di carico contenenti i satelliti Starlink si sono dimostrate collaudate in volo, ma la società non ha detto prima del lancio quante missioni avevano volato.