Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le sette immagini più emozionanti del primo anno del James Webb Space Telescope

È passata poco più di una settimana dai festeggiamenti per il Giorno dell’Indipendenza, ma la folla si è accalcata Agenzia della NASA Il Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland, era lo stesso Gioia Come ogni pubblico a uno spettacolo pirotecnico. Sono stati lì perché il James Webb Space Telescope (JWST), una meraviglia tecnologica lanciata lo scorso dicembre, ha finalmente restituito immagini meravigliose e dettagliate dell’universo. Ora, la folla stava per vederli per la prima volta e assistere letteralmente alla storia in divenire.

Da quello storico giorno del 2022, la NASA ha rilasciato sempre più immagini di JWST, e sia gli astronomi che la gente comune sono rimasti stupiti ancora e ancora. Considerando che il telescopio è costato un totale di 10 miliardi di dollari quando la costruzione è stata completata nel 2016, è un sollievo che il telescopio sia finalmente stato all’altezza del clamore.

Per celebrare questa pietra miliare dell’astronomia, abbiamo raccolto sette delle immagini più memorabili di JWST del 2022, il suo primo anno di attività. Si va dalle immagini delle galassie più lontane mai viste a istantanee del nostro sistema solare a una profondità senza precedenti.

1. SMACS 0723

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha prodotto l’immagine infrarossa più profonda e nitida dell’universo distante. Conosciuto come il primo campo profondo di Webb, questa immagine dell’ammasso di galassie SMACS 0723 mostra i dettagli. (NASA, ESA, Agenzia spaziale canadese e STScI)Per iniziare correttamente questo elenco, iniziamo con SMACS 0723, poiché quella era la prima immagine a colori prodotta da JWST. Ancora più importante, SMACS 0723 è l’immagine a infrarossi più chiara e completa dell’universo mai catturata da un telescopio.

ha dichiarato Bill Nelson, amministratore della NASA dichiarazione.

Storicamente, la luce infrarossa è stata la parte più difficile da monitorare per gli astronomi dello spettro elettromagnetico, almeno dalla Terra. Il calore della Terra genera la propria luce infrarossa, che poi si disperde in tutta l’atmosfera, rendendo quasi impossibile per gli astronomi vedere con la radiazione infrarossa dei telescopi terrestri. Tuttavia, il JWST è liberato dai confini della Terra e, quindi, dalla necessità di scrutare attraverso la luce infrarossa della Terra.

2. La Nebulosa Carena

Nebulosa CarenaRegione di formazione stellare NGC 3324 nella Nebulosa Carena (NASA, ESA, CSA e STScI)

READ  Il "ghiacciaio del giorno del giudizio" dell'Antartide è appeso "con le unghie"

Tecnicamente nota come NGC 3324, questa parte della Nebulosa Carena appare a prima vista come un’immagine modificata di un drone che osserva il punto in cui la spiaggia incontra l’oceano. Tuttavia, la “sabbia” rosso-marrone in questa immagine e l'”acqua” blu sono in realtà singole stelle mescolate in un vivaio stellare in erba. La Carena Nebula non è troppo lontana (soprattutto rispetto all’immagine precedente): fa parte della nostra stessa Via Lattea, precisamente nel Braccio Carena del Sagittario. Questo punto panoramico è anche conosciuto come Cosmic Cliffs.

“Queste osservazioni di NGC 3324 faranno luce sul processo di formazione stellare. Le nascite stellari sono distribuite nel tempo, a causa dell’espansione della cavità in erosione”, scrive la Nasa. “Mentre il bordo luminoso ionizzato si sposta nella nebulosa, erutta lentamente gas e polvere. Se il bordo incontra materiale instabile, l’aumento della pressione causerà il collasso del materiale e la formazione di nuove stelle”.

3. Stefan Quintetto

Stefano QuintettoGalaxy “Stephan’s Quintet” (NASA, ESA, CSA e STScI)

Situato nella costellazione di Pegaso, dal nome del famoso cavallo alato della mitologia greca, il quintetto di Stefan è più o meno quello che sembra: un gruppo di cinque galassie, quattro delle quali costituiscono il primo ammasso compatto di galassie mai scoperto. Grazie a JWST, gli scienziati possono visualizzare queste galassie e i corpi celesti che le circondano con dettagli senza precedenti. Le immagini rivelano che due delle galassie si stanno attualmente fondendo tra loro e ci danno un’idea di come le interazioni galattiche possano portare alla formazione stellare.

“L’immagine mostra anche deflussi spinti da un buco nero nello Stephane Quintet a un livello di dettaglio mai visto prima”, ha detto il team di comunicazione della NASA dell’immagine.

4. La Nebulosa Tarantola

Regione di formazione stellare della Nebulosa TarantolaRegione di formazione stellare della Nebulosa Tarantola (NASA, ESA, CSA, STScI, Webb ERO)

Questa è una foto della Nebulosa Tarantola, nota anche come 30 Dorados, anche se molti l’hanno paragonata a un’immagine astratta di un uomo a gambe incrociate. In effetti, questo è un altro vivaio interstellare, catturato con dettagli senza precedenti grazie alle telecamere a infrarossi di JWST. La Nebulosa Tarantola si trova a circa 161.000 anni luce dalla Terra nella Grande Nube di Magellano. È famoso per l’hosting Buco nero VFTS 243, il primo ad essere scoperto al di fuori della Via Lattea ea non irradiare fortemente. Le stelle più calde e massicce conosciute dall’umanità si trovano anche nella Nebulosa Tarantola.

READ  Il maltempo ritarda l'Ax-1, costringendo l'Equipaggio-4 ad aspettare

“La nebulosa centrata nell’immagine NIRCam è stata scavata dalla radiazione rovente di un ammasso di giovani stelle massicce, che brillano di un azzurro pallido nell’immagine.” La NASA ha spiegato sul suo sito web. “Solo i dintorni più densi della nebulosa resistono all’erosione dei forti venti stellari di queste stelle, formando pilastri che sembrano puntare verso l’ammasso. Questi pilastri contengono formazioni primordiali, che alla fine emergeranno dai loro bozzoli polverosi e prenderanno una svolta nel formare la nebulosa”.

5. La nebulosa dell’anello meridionale

Nebulosa dell'anello meridionaleDue telecamere a bordo di Webb hanno catturato l’ultima immagine di questa nebulosa planetaria, catalogata come NGC 3132 e nota informalmente come Nebulosa dell’Anello Meridionale. Dista circa 2.500 anni luce. (NASA, ESA, Agenzia spaziale canadese e STScI)La Nebulosa dell’Anello Meridionale potrebbe essere facilmente scambiata per una medusa senza tentacoli. Le uniche caratteristiche che potrebbero rovinare una tale illusione sono le onde emesse dal suo nucleo centrale, quindi si tratta di un mostro alieno o di un nuovo tipo di globo pulsante?

In effetti, questa è una nebulosa, la Nebulosa dell’Anello Meridionale, per la precisione.

Ufficialmente conosciuta come NGC 3132, la nebulosa planetaria si crea quando una stella morente espelle grandi quantità di massa durante un periodo di onde a cascata, come quella vista in queste immagini. Questa immagine è degna di nota per il suo interessante retroscena: dopo che è stata sparata, gli astronomi si sono sistemati su stretti filamenti vicino all’apice allineato radialmente della nebulosa che appaiono blu nell’immagine nel vicino infrarosso. Mentre alcuni scienziati non pensano che sia una cosa straordinaria, altri pensano che potrebbe essere la galassia di confine. Dopo ulteriori indagini, è stato rivelato che questi filamenti erano davvero una galassia al limite.

Grazie a ricerche più recenti di JWSTGli scienziati ora sanno anche che “c’erano almeno due, forse tre, più stelle invisibili che componevano la forma oblunga e sinuosa”. Nebulosa dell’anello meridionale. Inoltre, per la prima volta, accoppiando le immagini a infrarossi di Webb con i dati esistenti dell’Osservatorio Gaia dell’Agenzia spaziale europea (ESA), i ricercatori sono stati in grado di determinare con precisione la massa della stella centrale. Prima delle creando una nebulosa.”

READ  Guarda la danza della luna piena per un anno in uno straordinario video time-lapse

6. L'”eccitante” nebulosa dell’anello meridionale

Nebulosa dell'anello meridionale in rilievoL’immagine di Webb traccia i flussi molecolari sparsi dalle stelle della Nebulosa dell’Anello Meridionale che si sono spinte più lontano nell’universo (NASA, ESA, CSA, STScI, Webb ERO)

JWST ha scattato un’altra immagine della suddetta nebulosa con una fotocamera a lunghezza d’onda diversa e, nel frattempo, gli astronomi hanno scoperto qualcosa che non sapevano in precedenza sull’oggetto astronomico, vale a dire che ci sono almeno due o tre stelle invisibili che hanno contribuito a formare la nebulosa. . come lo conosciamo oggi.

riguardo a questa foto, Sito web della NASA Spiega che “l’immagine di Webb traccia i flussi molecolari sparsi della stella che si sono spinti più lontano nell’universo” e che “i colori blu e verde sono assegnati ai dati nel vicino infrarosso di Webb presi a 2,12 e 4,7 micron (F212N e F470N), e i colori rossi sono assegnati ai dati Web a infrarossi medi rilevati a 7,7 µm (F770W). Inoltre, gli astronomi hanno combinato i dati JWST con le informazioni dell’Osservatorio Gaia dell’Agenzia spaziale europea (ESA) per capire la massa esatta della stella centrale prima che creasse la nebulosa.

7. Un nuovo sguardo su Giove

Immagine composita Webb NIRCam di GioveUn’immagine composita Webb NIRCam di Giove da tre filtri – F360M (rosso), F212N (giallo-verde) e F150W2 (ciano) – e allineamento dovuto alla rotazione del pianeta. (Team NASA, ESA, CSA, Giove ERS)

Giove È il pianeta più grande del nostro sistema solare e il quinto pianeta dal sole. Quando lo visualizzi, il tuo cervello probabilmente immaginerà una palla gigante con bande rosse, arancioni, bianche e gialle. Stai anche decisamente considerando la Grande Macchia Rossa a sud dell’equatore.

Utilizzando tre filtri infrarossi specializzati, JWST ci ha fornito nuovi dati su Giove nel 2022, misurando diverse lunghezze d’onda della luce emessa dall’atmosfera. Dopo aver tradotto quei dati in immagini, usando falsi colori, poiché gli esseri umani non possono vedere negli infrarossi, gli scienziati della NASA hanno creato una visione dettagliata e senza precedenti di Giove. Ciò consente agli spettatori di vedere le aurore, o bellissimi spettacoli di luce che appaiono nel cielo, come si trovano nell’atmosfera di Giove. Mostra anche venti, tempeste, alte e basse temperature.

Leggi di più

Informazioni sul telescopio spaziale James Webb: