Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sono stati segnalati focolai di influenza suina africana nell’Italia nordoccidentale

Al cinghiale nel nord-ovest dell’Italia è stata diagnosticata l’influenza suina africana, ha detto l’agenzia italiana Ansa venerdì (7 gennaio). Secondo lui, il caso è stato confermato dalle analisi effettuate da una società di ricerca, Umbria e Marche (ISZUM) sulla carcassa di un cinghiale ad Ovada, in Piemonte. Contattata da AFP, l’azienda non è stata raggiunta immediatamente. Il caso, secondo l’Ansa, è stato immediatamente denunciato al ministero dell’Agricoltura italiano, che ne darà comunicazione alla Commissione europea e all’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE).

La malattia, prevalente in Africa da decenni, colpisce attualmente cinquanta paesi del continente, tra cui Europa, Asia e, più recentemente, Stati Uniti (Caraibi). Il virus si trova in Europa, Estonia, Lituania, Lettonia, Polonia, Serbia, Ucraina, Russia, Bielorussia, Moldova, Slovacchia, Romania, Germania e Bulgaria ed è stato recentemente identificato dal Ministero dell’Agricoltura francese. È in circolazione da molto tempo in Italia, ma solo nell’isola di Sardegna.

Il virus è molto pericoloso per la popolazione di suini (maiali, cinghiali, Wardak), la malattia non rappresenta un rischio per la salute umana. D’altra parte, ha gravi conseguenze per gli esperti di carne di maiale. I paesi colpiti stanno perdendo il loro status di “libero”, il che chiude le opportunità di esportazione non solo per la carne di maiale viva ma anche per i prodotti a base di carne di maiale al di fuori dell’UE.