Settembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Saint-Herninoise Maïwenn è tornato dall’Italia con il “cambiamento” – Carhaix



Per otto settimane, Quattro giovani centro-britannici iscritti alla locale Missione di Corhighs e vissuti tra i 18 e i 22 anni, un’esperienza unica in Italia o in Irlanda grazie al dispositivo Mob’Europe. Tra questi c’è Saint-Herninoise Maïwenn Cumunel, 19 anni, scapolo professionista con una laurea in difesa. “Ho capito che non faceva per me, ma sono andata fino in fondo, ci ha detto prima di partire. Vorrei approfittare dell’essere all’estero per vedere come mi possiedo. , venerdì 7 gennaio 2022, l’abbiamo contattata al telefono.

“Una ricca esperienza”

Prima di chiamarla, abbiamo guardato un video che ha realizzato per una missione locale in cui descrive la sua esperienza. Un post che inizia con “Xiao” con accenti italiani, la dice lunga sulle sue abitudini dopo qualche settimana lì. Lì, Maïwenn è stata accolta da un centro risorse che accoglie volontari europei. Esperienza molto ricca dal punto di vista umano: “L’associazione ha lavorato anche per persone con disabilità o con difficoltà di coordinazione, quindi è stata molto prospera! Selezioniamo vestiti, CD, DVD o mobili “, afferma.

“Ho migliorato il mio inglese”

La giovane donna ha scoperto felicemente l’associazione che “le persone erano così belle e attente”. Unico neo: “Uomini e donne non fanno lo stesso lavoro. All’inizio mi ha sorpreso molto, ma mi ci sono abituato”. La comunicazione con i suoi colleghi era in inglese o in italiano. “Abbiamo anche utilizzato uno strumento di traduzione online. Ho migliorato il mio inglese e ora ho qualche idea in italiano”, dice.

Prima di partire, i quattro giovani britannici di centro hanno posato per una foto con la giovane fotografa Silvana Bofu alla stazione di Carhikes, anche con il pretesto di una garanzia. Da sinistra a destra: Theo Renatin, Marion Palpe, Mariana Martின்nez Dixiera e Myven Kumunal. (Manzo Silvana)

“Mi conoscevo!”

Maïwenn trae oggi un giudizio molto positivo su questa esperienza: “Mi ha portato molte cose. Mi ha fatto crescere perché dovevo uscire dalla mia zona di comfort. Ho conosciuto anche me stesso. Ho scoperto io stesso abilità indiscutibili. Molti incontri (non dimenticherà mai, insiste) porterà, alla lunga, ad altri progetti: “Conosco molti spagnoli e probabilmente voglio iniziare un lungo programma di volontariato in Spagna”.

READ  Tournoi des Sei Nazioni Femminile: L'Angilator Impossible Face A L'Italy, Reste Devant la France o Classment

“Lasciare l’Italia è stato molto difficile, concorda Saint-Herninois, ma ha confermato che volevo viaggiare. Sto anche pensando di riprendere gli studi per lavorare nell’ambiente sportivo”, aggiunge.