Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Xinjenda, di proprietà della Cina, ha fatto appello all’Italia per il veto su un accordo con un produttore di semi

La decisione evidenzia il rischio di conflitti legali derivanti dall’intenzione del premier Mario Draghi di bloccare le concessioni delle società cinesi nel Paese, utilizzando la legge “Golden Power” di Roma a tutela degli asset strategici.

Il mese scorso, Reuters ha riferito che il governo stava valutando la possibilità di risarcire le società che erano state multate per aver utilizzato regole anti-acquisizione per ridurre il rischio di azioni legali.

Drake ha bloccato l’acquisizione di Verizon in ottobre. Questa è la seconda volta nella sua regola di 11 mesi che ha usato il potere dell’oro per bloccare aste indesiderate in settori come le telecomunicazioni, l’energia e l’agrobusiness.

La lobby agraria italiana Goldretti ha affermato che la mossa Sigenda sposterebbe l’equilibrio strategico globale in Asia nel controllo dei semi per la produzione di ortaggi ed erbe.

Fonti hanno affermato che Verizem ha partecipato alla chiamata come co-richiedente, che non voleva essere nominato. Verizem non era immediatamente disponibile per un commento.

Uno di loro ha affermato che le due società stavano accusando il governo di “rigettare ingiustamente” le misure adottate per garantire che i termini di acquisizione proteggessero gli interessi strategici italiani.

In un altro caso l’anno scorso, LPE, un produttore di semiconduttori con sede a Milano, ha presentato ricorso dopo che la società cinese Shenzhen Inventland Holdings Co. Ltd ha bloccato la sua acquisizione a Roma.

Syngenta, con sede in Svizzera, è stata acquisita all’inizio di quest’anno da ChemChina, una sussidiaria di Sinochem Holdings Corp, per 43 miliardi di dollari nel 2017. Secondo fonti Reuters, il gruppo ha pagato circa 200 milioni di dollari (226,1 milioni di dollari) per acquistare il farmaco.

READ  Cadono sui loro tetti 9 milioni di euro di cocaina

Elencato dal Fondo statunitense per il dolore Swartz and Partners, Verizon si descrive sul suo sito Web come un produttore di semi globale con impianti di lavorazione in Italia, Francia e Nord America.

Gruppi e aziende strategiche non europee, comprese banche e assicuratori, – in un quadro temporaneo che Roma ha esteso fino alla fine di quest’anno il mese scorso – applicheranno il potere dell’oro agli sforzi di acquisto degli avvocati dell’UE.

(1$ = 0,8846 euro)