Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Si prevede che l’Unione Europea colpirà le auto elettriche cinesi con dazi

Si prevede che l’Unione Europea colpirà le auto elettriche cinesi con dazi

di Theo Leggett, Corrispondente economico internazionale della BBC

Getty Images BYD Gabbiano Immagini Getty

Si dice che le aziende cinesi siano in grado di produrre auto elettriche a un costo inferiore del 25% rispetto ai loro concorrenti europei e americani

Con la Cina accusata di vendere auto elettriche a prezzi artificialmente bassi, si prevede che l’Unione Europea imporrà tariffe questa settimana.

Il BYD Seagull è un veicolo elettrico (EV) compatto, conveniente e dal design elegante. Un runabout urbano non batterà nessun record di velocità, ma non manderà nemmeno in bancarotta.

In Cina, il suo prezzo parte da 69.800 yuan ($ 9.600; £ 7.500). Se raggiungesse l’Europa, si prevede che costerà almeno il doppio di quella cifra a causa delle norme di sicurezza. Ma sarebbe comunque, per gli standard delle auto elettriche, molto economico.

Per i produttori europei questa è una prospettiva preoccupante. Temono che il piccolo gabbiano possa diventare una specie invasiva, uno dei numerosi modelli di fabbricazione cinese pronti a colonizzare i propri mercati a scapito dei veicoli locali.

L’industria automobilistica nazionale cinese ha assistito a una rapida crescita negli ultimi due decenni. Il suo sviluppo, insieme a quello del settore delle batterie, è stato una componente chiave della strategia “Made in China 2025”, una politica industriale decennale lanciata dal Partito Comunista a Pechino nel 2015.

Il risultato è stato il rapido sviluppo di aziende come BYD, che ora compete con Tesla per il titolo di maggiore produttore di veicoli elettrici al mondo. Anche giganti affermati come SAIC, proprietaria del marchio MG, e Geely, proprietaria di Volvo, sono diventati grandi attori nel mercato dei veicoli elettrici.

l’anno scorso, Più di otto milioni di auto elettriche Sono stati venduti in Cina – circa il 60% del totale globale, secondo le previsioni annuali globali sui veicoli elettrici dell’Agenzia Internazionale per l’Energia.

Ma per i politici in Europa e negli Stati Uniti questo è motivo di preoccupazione. Dato che i marchi cinesi hanno molta capacità inutilizzata e si stanno spostando sui mercati internazionali, temono che le loro aziende non saranno in grado di competere. Affermano che massicci sussidi per la produzione nazionale consentono alle aziende cinesi di mantenere i prezzi a un livello che altre società faticherebbero a eguagliare.

READ  Quanto dare di mancia ai fattorini, ai camerieri, ai parrucchieri, al servizio di parcheggio e altro ancora

Secondo un rapporto della banca svizzera UBS, pubblicato a settembre, il vantaggio cinese è reale. Ha suggerito che BYD potrebbe produrre le auto 25% di costi in meno Uno dei migliori produttori mondiali di auto d’epoca.

BYD e altre aziende cinesi sono “pronte a conquistare il mercato globale con veicoli elettrici ad alta tecnologia e a basso costo per le masse”, ha affermato.

Nel frattempo, all’inizio di quest’anno, l’American Manufacturing Alliance ha avvertito che l’introduzione di auto cinesi a basso costo potrebbe essere una mossa “Un evento a livello di estinzione” Industria automobilistica americana. Ha chiesto “sforzi preoccupati e concertati per riportare indietro quelle importazioni”, concludendo che “non c’è tempo da perdere”.

Il mese scorso gli Stati Uniti hanno adottato un’azione decisiva. L’amministrazione Biden ha aumentato le tariffe sulle importazioni di auto cinesi alimentate a batteria Dal 25% al ​​100%. Le vendite di veicoli elettrici di fabbricazione cinese negli Stati Uniti sono attualmente trascurabili; Con le nuove definizioni, probabilmente rimarranno tali.

La mossa faceva parte di un pacchetto più ampio di misure mirate alle importazioni dalla Cina che Pechino ha condannato come “nudo protezionismo”.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sostengono la propria industria automobilistica, attraverso incentivi fiscali che rendono più economico l’acquisto di auto di produzione nazionale.

L’Unione Europea sembra adottare un approccio più moderato, nonostante la dura retorica.

Nel suo discorso sullo stato dell’Unione del settembre dello scorso anno, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato un’indagine sulle importazioni cinesi.

“I mercati globali sono ora inondati di auto elettriche cinesi più economiche”, ha affermato.

READ  Il rally del mercato sta andando forte, ecco cosa fare; 10 azioni che lampeggiano segnali di acquisto

“I loro prezzi sono mantenuti artificialmente bassi da massicci sussidi governativi. Questo distorce il nostro mercato.”

I risultati preliminari di questa indagine sono ora di prossima pubblicazione.

Si prevede che la Commissione aumenterà temporaneamente i dazi sui veicoli elettrici importati dalla Cina, dal livello standard del 10% per le importazioni da paesi terzi a un livello compreso tra il 20 e il 25%.

Getty ImagesUrsula von der LeyenImmagini Getty

Ursula von der Leyen ha accusato la Cina di vendere auto elettriche a prezzi artificialmente bassi

Secondo Matthias Schmidt di Schmidt Automotive Research, questa sarebbe una risposta più proporzionata rispetto alla mossa statunitense.

“Una tariffa del 100% è solo puro protezionismo, regressivo, soffoca l’innovazione e impedisce un panorama dei consumatori competitivi”, afferma.

“Se l’UE imponesse tariffe non superiori al 25%, si tratterebbe piuttosto di livellare il campo di gioco, compensando il vantaggio di costo del 30% di cui godono i produttori cinesi”.

Tuttavia, i dazi potrebbero danneggiare, oltre che aiutare, le aziende europee.

Innanzitutto, queste sanzioni non riguarderanno solo i marchi cinesi. Ad esempio, il SUV elettrico BMW iX3 viene prodotto in uno stabilimento a Dadong ed esportato in Europa. L’azienda intende inoltre importare grandi quantità di Mini elettriche di fabbricazione cinese.

Entrambi i modelli saranno soggetti a tariffe, lasciando che sia il produttore ad assorbire i costi aggiuntivi o ad aumentare i prezzi. Anche il produttore statunitense Tesla sarà interessato, poiché produce automobili a Shanghai per l’esportazione in Europa.

In secondo luogo, sebbene negli ultimi anni le aziende europee abbiano investito molto nella produzione in Cina, in collaborazione con produttori locali, alcune di loro continuano ad esportare modelli di alto valore verso i mercati cinesi.

Se la Cina volesse vendicarsi imponendo tariffe elevate, queste spedizioni potrebbero essere prese di mira.

Getty Images Auto elettrica BMW i5Immagini Getty

Le case automobilistiche europee sono preoccupate per le misure di ritorsione adottate dal governo cinese

Non c’è da stupirsi, quindi, che i dirigenti delle case automobilistiche europee siano decisamente tiepidi nei confronti dell’iniziativa dell’UE.

READ  I tassi di interesse stanno aumentando mentre la Fed combatte l'inflazione ostinata: NPR

All’inizio di quest’anno, l’amministratore delegato del gruppo Volkswagen Oliver Blume aveva avvertito che l’imposizione di tariffe era “potenzialmente pericolosa”, a causa del rischio di ritorsioni.

Il mese scorso, il capo della BMW Oliver Zipse ha detto agli investitori: “Puoi darti la zappa sui piedi molto rapidamente” se ti coinvolgi in lotte commerciali, aggiungendo: “Non pensiamo che il nostro settore debba essere protetto”.

Ola Källenius, amministratore delegato di Mercedes-Benz, è andato oltre, chiedendo pubblicamente che le tariffe sulle importazioni di auto elettriche cinesi vengano ridotte anziché aumentate, per incoraggiare le aziende europee a fare meglio.

Il sostegno per il raggiungimento dell’Unione Europea è arrivato in gran parte dalla Francia. Tuttavia, anche tra i produttori francesi vi sono dubbi sul fatto che le tariffe siano l’approccio giusto.

Carlos Tavares, presidente del gruppo Stellantis che comprende Peugeot, Citroen, Vauxhall/Opel e DS, l’ha descritta come “una grande trappola per i paesi che seguono questa strada”.

Ha avvertito che le case automobilistiche europee sono bloccate in una lotta “darwiniana” con i loro rivali cinesi, qualcosa che probabilmente avrà conseguenze sociali poiché tagliano i costi nel tentativo di competere.

Intanto Luca de Meo, amministratore delegato della Renault, afferma: “Non siamo favorevoli al protezionismo, ma la concorrenza deve essere leale”.

Ha chiesto una forte politica industriale europea per rilanciare il settore, ispirata alle politiche lanciate da Stati Uniti e Cina, nel tentativo di competere con entrambi.

Nel frattempo, il Regno Unito guarda con interesse. Il capo dell’autorità di vigilanza commerciale del paese, la Trade Remedies Authority, ha precedentemente chiarito che sarebbe pronto ad avviare un’indagine sui veicoli elettrici cinesi, se i ministri o l’industria lo volessero.

Resta inteso che tale richiesta non è stata ancora avanzata. In definitiva, trattandosi di una questione profondamente politica, il prossimo governo dovrà affrontarla dopo le elezioni.

Ciò che le tariffe più elevate potrebbero dare all’Europa è più tempo sia per le case automobilistiche che per i politici per adattarsi alla sfida posta dalla Cina.

Ma molti nel settore riconoscono che se l’Europa vuole rimanere un attore importante nel settore automobilistico globale, deve fare di più che limitarsi a erigere barriere a livello interno.

Maggiori informazioni sulle auto elettriche