Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il mercato del lavoro statunitense mostra segnali di perdita di slancio, mettendo in allerta la Federal Reserve

Il mercato del lavoro statunitense mostra segnali di perdita di slancio, mettendo in allerta la Federal Reserve

(Bloomberg) – Gli economisti e alcuni funzionari della Federal Reserve statunitense stanno diventando sempre più consapevoli del rischio che i lavoratori americani potrebbero dover affrontare a fronte dei segnali che il mercato del lavoro sta perdendo slancio.

I più letti da Bloomberg

Le aziende segnalano meno opportunità di lavoro quest’anno e i dipendenti lasciano meno spesso poiché i tassi di disoccupazione iniziano a salire da livelli bassi, segnalando la fine delle condizioni di lavoro storicamente rigide che hanno caratterizzato la rapida ripresa dallo shock pandemico.

L’elevata occupazione ha finora aiutato l’economia a resistere all’aggressiva stretta della politica monetaria della Federal Reserve, che ha portato i tassi di interesse ai livelli più alti degli ultimi due decenni. Con l’inflazione che continua a salire al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale, il timore è che qualsiasi ulteriore allentamento delle condizioni commerciali possa iniziare a peggiorare e mettere a rischio la crescita economica.

“Qualsiasi cambiamento nelle prospettive del mercato del lavoro potrebbe avere implicazioni significative per la direzione dell’economia e della politica monetaria”, ha affermato Rubeela Faruqui, capo economista statunitense presso High Frequency Economics. “Se c’è una cosa che sappiamo per certo, sono queste condizioni stanno cambiando molto rapidamente”.

Due importanti rapporti di questa settimana del Bureau of Labor Statistics – l’aggiornamento mensile di martedì sulle opportunità di lavoro e quello di venerdì sulle tendenze occupazionali più ampie – forniranno ulteriori indizi sulla direzione del mercato del lavoro.

Il sondaggio sulle aperture di lavoro e sul turnover del lavoro pubblicato il mese scorso, noto come JOLTS, ha mostrato che il totale delle offerte di lavoro è sceso in aprile a 8,1 milioni, il livello più basso in tre anni. Si tratta di un valore inferiore di oltre un terzo rispetto al picco di 12,2 milioni raggiunto nel 2022, quando i datori di lavoro ostacolati dalla carenza di manodopera hanno faticato a tenere il passo con l’aumento della domanda con la riapertura dell’economia.

READ  Oltre duecento persone malate dopo aver cenato al ristorante Raleigh, possibile epidemia di Norovirus - WSOC TV

Ora ci sono solo 1,2 posti di lavoro per ogni persona in cerca di lavoro, un livello simile ai livelli pre-pandemia. Anche il tasso di dimissioni, che ad aprile era pari al 2,2%, è tornato ai livelli pre-Covid-19.

Kelly Boone, cacciatrice di teste ed executive coach a St. Petersburg, in Florida, ha affermato che le richieste di lavoro da parte di persone in cerca di aiuto sono aumentate di circa il 30% dalla fine del 2023. Secondo Boone, trovare un lavoro può richiedere spesso dai due ai cinque mesi , rispetto a uno o due mesi nel 2021 e nel 2022.

“I datori di lavoro si prendono sicuramente il loro tempo e si assicurano di scegliere i dipendenti giusti”, ha aggiunto. Allo stesso tempo, chi ha un lavoro sta diventando più cauto nel lasciare il proprio lavoro stabile per nuove opportunità di lavoro: “Non vogliono rimanere disoccupati in questo mercato”.

I funzionari della Fed rimangono ampiamente ottimisti riguardo allo stato del mercato del lavoro, anche se stanno cominciando a riconoscere i crescenti rischi.

“Nel complesso, stiamo guardando a quello che è ancora un mercato del lavoro molto forte, ma non un mercato del lavoro”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente della Federal Reserve Jerome Powell il 12 giugno, dopo che i funzionari della banca centrale hanno mantenuto i tassi di interesse invariati e ridimensionato le aspettative di tagli nel 2024. “Fretico due anni fa o anche un anno fa.”

‘Punto di deviazione’

La domanda che alcuni economisti si pongono ora è se il mercato sia più vulnerabile a un rallentamento. Jan Hatzius, capo economista di Goldman Sachs, lo ha recentemente descritto come un potenziale “punto di svolta”, in cui un calo più tangibile della domanda di lavoratori porterebbe a tassi di disoccupazione più elevati e non solo a un numero inferiore di opportunità di lavoro.

READ  Elon Musk, presidente del Brasile, parla della connettività e degli sforzi per preservare la foresta pluviale amazzonica

In un discorso del 24 giugno, la presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, ha affermato: “Un futuro rallentamento del mercato del lavoro potrebbe tradursi in tassi di disoccupazione più elevati, poiché le aziende devono adeguare non solo le opportunità di lavoro ma i posti di lavoro effettivi”. non è l’unico rischio che affrontiamo”.

Monitorare il mercato del lavoro per identificare questo potenziale punto di svolta è diventato più difficile negli ultimi mesi, con vari indicatori nel rapporto mensile sull’occupazione del Bureau of Labor Statistics che inviano segnali contrastanti.

D’altro canto, i dati mostrano che finora quest’anno i datori di lavoro hanno creato in media 248.000 posti di lavoro al mese, un ritmo sostenuto che ha superato le aspettative degli economisti, forse in parte dovuto all’aumento dell’immigrazione.

Ma il tasso di disoccupazione – ricavato da un’indagine condotta sulle famiglie piuttosto che sulle imprese – è salito al 4% a maggio, rispetto al minimo del 3,4% dello scorso anno.

“Ci ritroviamo con risultati ambigui e dobbiamo fare i conti con l’incertezza sui dati”, ha affermato Powell il 12 giugno.

Ciò che rende il momento ancora più significativo per la Fed è la consapevolezza, basata sull’esperienza passata, che le perdite sul mercato del lavoro possono accumularsi rapidamente una volta iniziate. Il tasso di disoccupazione è gradualmente aumentato dal 4,4% del marzo 2007 al 5,1% un anno dopo, quando l’economia ha rallentato a causa dell’inizio della crisi finanziaria. Con l’aggravarsi della recessione, il tasso di disoccupazione è aumentato più rapidamente, raggiungendo il 7,3% entro la fine del 2008 prima di raggiungere il picco del 10% l’anno successivo.

READ  Cat vince Hamboney dopo essersi ripiegato su un divano letto

Finora, i dati relativi ai tassi di occupazione e alla crescita salariale sono rimasti invariati. Ma lo sfondo è chiaramente cambiato. Tra i segnali: i datori di lavoro hanno in gran parte smesso di offrire gli enormi incentivi che offrivano per attirare nuovi dipendenti negli ultimi anni, afferma Becky Frankiewicz, presidente del Nord America presso Manpower Group, una società di servizi di reclutamento.

“Era un po’ come, ‘Cosa possiamo fare con i lavoratori per attirare la loro attenzione?’”, Ha detto Frankiewicz. E’ già tutto sistemato. “Ora è più simile al salario base.”

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg LP